Revoca concessione ambientale alla Wte, la Provincia: risultato importante

"Sono attese per la fine del mese di ottobre ulteriori due decisioni che riguardano gli impianti di Calcinato e di Calvisano, sempre in merito ai provvedimenti di revoca dell’ autorizzazione integrata ambientale, adottati dalla Provincia di Brescia nel 2021"

0
Sede della Provincia di Brescia e della prefettura.
Sede della Provincia di Brescia e della prefettura.
“La Provincia di Brescia ha conseguito un importante risultato con la sentenza pubblicata ieri, sul ricorso promosso dalla WTE contro il provvedimento di revoca dell’autorizzazione integrata ambientale dell’impianto sito a Quinzano d’Oglio”.  A dirlo è una nota di Palazzo Broletto, che interviene così sugli ultimi sviluppi relativi al caso dell’azienda accusata di aver diffuso tonnellate di fanghi tossici nei campi bresciani.
“Sono attese per la fine del mese di ottobre – continua il comunicato stampa – ulteriori due decisioni che riguardano gli impianti di Calcinato e di Calvisano, sempre in merito ai provvedimenti di revoca dell’ autorizzazione integrata ambientale, adottati dalla Provincia di Brescia nel 2021, a seguito delle indagini dei carabinieri forestali, che hanno accertato plurime inadempienze alle prescrizioni imposte alle autorizzazioni integrate ambientali, rilasciate dalla Provincia nell’ambito delle indagini svolte sugli spandimenti di fanghi, operati da WTE in diverse aree agricole della provincia di Brescia  e  di altre province”.
“La sentenza è molto importante – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi – perché riconosce in pieno un’eccezione difensiva promossa dalla Provincia di Brescia in ordine al difetto di legittimazione ad agire dell’Amministratore Unico della Società, che ha deciso di impugnare il provvedimento di revoca senza consultare il giudice delegato, che ha disposto il sequestro dell’impianto, nell’ambito delle indagini promosse dai carabinieri forestali”.
La stessa rappresenta dunque un importante precedente che si allinea ad alcune pronunce del nostro TAR, “che bene definiscono le competenze degli amministratori societari, qualora vi siano provvedimenti di sequestro preventivo degli impianti, che nel nostro caso sono stati adottati per finalità di tutela ambientale”.

“Tutti auspichiamo – ha concluso Alghisi – che anche le ulteriori decisioni, sui ricorsi degli impianti di Calvisano e di Calcinato, si allineino sulla decisione di ieri, stante l’identità di problematiche processuali preliminari. Il TAR ha inoltre affrontato nel merito le censure mosse contro il provvedimento provinciale riconoscendone la piena legittimità, alla luce dei plurimi inadempimenti che hanno giustificato la revoca dell’autorizzazione integrata ambientale”.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome