🔻 Al Kurort di Arco la poesia di Rilke | 🔺DAL GRUPPO G9

La fortuna di Arco fu l’arrivo dell’arciduca Alberto d’Austria che, incantato dalla bellezza del luogo, acquistò un vasto terreno dove costruire la propria residenza. Il suo arrivo indusse i cittadini più attivi ad avviare piccole industrie e ad acquistare terreni. In quell’istituto nacque il Kurort, il luogo di cura, a sud della chiesa parrocchiale, a ridosso della facciata della Collegiata

0
Ranier Maria Rilke, foto d'archivio

Per dipingere i vicoli incavati
con i bambini bruni mendicanti
non riesco a trovare il tono vero
e nemmeno a comporre un canto breve
capace di librarsi alto nel cielo.

                                                   Ranier Maria Rilke (1897)

di MARIO BALDOLI Arco fu una cittadina molto povera fino a metà dell’Ottocento, senza industrie, col solo commercio dell’olio, del vino e della seta che rendevano pochissimo. Unica risorsa, il clima, mite e dolce anche d’inverno, riparato dai venti. Era la risorsa da sfruttare. Nel 1870 nacque la sua prima struttura: una tettoia addossata a sud ai muri del coro della Collegiata, esposta al sole anche d’inverno e a protezione dalla pioggia. Fu un’iniziativa che provocò una violenta reazione popolare, sedata dall’arciprete.

La fortuna di Arco fu l’arrivo due anni dopo dell’arciduca Alberto d’Austria che, incantato dalla bellezza del luogo, acquistò un vasto terreno dove costruire la propria residenza. Il suo arrivo indusse i cittadini più attivi ad avviare piccole industrie e ad acquistare terreni. In quell’istituto nacque il Kurort, il luogo di cura, a sud della chiesa parrocchiale, a ridosso della facciata della Collegiata: la “tettoia” del 1870 si affacciava quindi sulla “piazza della cura”. Ad Arco chiede un alloggio anche Elisabetta (Sisi), moglie dell’imperatore. Ormai i tempi erano maturi per l’industria del turismo. Il medico Marchetti trasforma la vecchia filanda Marcabruni nel primo hotel, l’Albergo Imperiale dell’Olivo: “unico per la cura”.

Nel 1872 un farmacista tedesco è presidente del “Comitato di cura di Arco” e tedeschi sono i titolari della “Libreria internazionale di Arco” che, oltre a reclamizzare il luogo nelle sue guide, si dedica anche al settore immobiliare.

Nel 1883 il Kurort occupò la villa arciducale a nord-ovest della “piazza della cura” in una magnifica posizione tra i colli e i boschi, in vista del lago, ma senza la forza dei suoi venti. Ormai Arco era diventata una località di villeggiatura alla moda.

Al Kurort si usavano soprattutto metodi naturali puntando sulla bontà del clima, poco umido e senza nebbia, protetto dal vento proveniente dal sud del lago, l’ora; quiete, ricca vegetazione, varietà di passeggiate e paesaggio mediterraneo circondato da monti si univano a concerti, riunioni, vari intrattenimenti.

L’alimentazione era semplice e locale: la cura dell’uva, del latte fresco, del siero, delle acque minerali. C’erano cabine singole per inalazioni di vapori aromatici, strutture per idroterapia, vasche da bagno, elettroterapia. Si raccomandavano passeggiate per ravvivare la circolazione e ricreare lo spirito, utili soprattutto alle “donne infelici”. Il punto di forza della cura era comunque il clima che irrobustiva, adatto alle malattie di petto, corde vocali, rachitismo scoliosi, disturbi cardiocircolatori, anemie, malattie nervose, convalescenze, epilessia e tubercolosi.

Un Eden immerso in una natura primitiva: la vegetazione spontanea di olivo e corbezzolo si univa alle piante esotiche importate dai proprietari, quasi tutti tedeschi. Il Kurort era una sorta di colonia tedesca dove però si godeva l’Italia delle “atmosfere” e – scrive Rilke- qui le cose guardano chi le guarda, lo fanno sentire una cosa tra le altre cose, sembrano rivelargli il segreto della vita.

Fu lì che nel 1897 arrivò da Praga la signora Sophie Entz, la civettuola madre di Rainer Maria Rilke, detta Phia, divorziata dal marito, poi ospite costante del Kurort. Per quattro anni intorno a metà marzo quando il clima era perfetto, il figlio la raggiungeva due settimane dopo l’arrivo, restava una ventina di giorni, residente prima a Villa Mantovani, poi a Villa Florida.

Rilke soffriva l’avvicendarsi delle stagioni, l’ambiente freddo e piovoso del nord della Germania, desiderava tranquillità, riposo, possibilità di concentrazione, aveva “esaurimenti nervosi” e una stanchezza che gli sembrava influenza e lo rendeva incapace di qualunque sforzo.

Ad Arco trovò il tempo e le condizioni favorevoli, per prendere appunti, scrivere qualche poesia, abbozzare capitoli di romanzi tra cui I quaderni di Malte Laurids Brigge.

I suoi versi misurano la difficoltà di trovare immagini linguistiche nuove per l’ambiente mediterraneo:

So una roccia grigia sul lago

Da androni profondi solcata.

Agli usci, lontana mia fata,

mi sembra ch’io debba ascoltare

della tua veste il frusciare,

nella grotta grigia sul lago.

So una grotta grigia sul lago

e intorno un silente giardino.

Di tra gli olivi far capolino

un tuo cenno gentile mi pare,

nella grigia rocca sul lago.

Oh valle ricca d’arie profumate!

Corron acque con mormorio leggero.

Oltre chiare colline ecco affiorare

paeselli che fumano pace,

solitari castelli.

E noi vaghiamo allora lungo l’acque,

senza fine, fanciulli sereni,

immersi in idilliaca libertà.

Si fa preghiera il volere selvaggio,

e il desiderio pura gratitudine.

Mulino

Stanco mulino intaccato dagli anni,

la tua ruota muscolosa esalta la quiete.

Da un fresco d’oliveti

la sera sta a guardarti.

Canzoni umane

ricanta assorto il torrente.

Tu tiri fin sopra le orecchie

Il tuo tetto rotto alle intemperie.

Grazie per avermi illustrato le rigogliose

meraviglie di Arco, mia cara!

A Mathilde Nora Goudstikker

Cinge con braccio d’amore

castelli solitari,

caldi giardini floreali

la risacca

lucente nel sole,

un tendersi al vento di vele

lontano, sullo specchio di zaffiro;

un quieto devoto ascoltare

sciacquii

dalla musica lieve.

Poi un pensiero scavato

Per una patria lontana

Nelle valli di Baviera,

un regalo inviato

da una solitudine straniera.

Per Bodo Wildberg

Vado in cerca di tutti i castelli

Da noi sognati- e vedo

Dietro piante dai fiori perenni

Sul lago discendere il vespro.

Le vele si gonfian vermiglie,

frusciano nella pace delle onde.

Tutti i miei sogni origliano

le notti, fiori profondi.

A Malcesine scrisse

Tutti i castelli che noi sogniamo

io vado a cercare- e vedo:

dietro alberi eternamente in fiore

cala la sera sul lago.

Le sue vele rosse si gonfiano,

frusciando nelle quiete delle onde-

tutti i miei sogni stanno ad ascoltare

profonde notti in fiore.

Stimoli che anni dopo lo portarono a immaginare e realizzare il rovescio di queste liriche: una poesia più dura, inesorabile (Soffici scrivendo di lui dice: feroce) che trasferisce la sua concezione dell’arte dall’estetica all’etica, nella quale la parola stenta ad affermarsi sulla melodia, come i colori si affermano sulla forma in Cézanne, i cui colori puri diventano la sua guida artistica.

Punto d’arrivo di cui scrive alla moglie da Parigi (24 giugno 1907): gli oggetti d’arte sono sempre un risultato dell’essere-stati-in-pericolo, dell’essere andati fino in fondo a un’esperienza, sin dove nessuno può avanzare oltre.

Rilke e la moglie, la scultrice Clara Westhoff, foto d’archivio

L’AUTORE DELL’ARTICOLO: MARIO BALDOLI

Mario Baldoli, laureato in filosofia, giornalista, direttore responsabile di “Tuttogarda” (2004-2005), periodico della Comunità del Garda. Dal 2009 è direttore della rivista online www.gruppo2009.it, e redattore della rivista “Atlante bresciano”. Due suoi saggi sono alla Library of Congress Washington.

ARTICOLO A CURA DEL GRUPPO G9

LEGGI LE PUNTATE PRECEDENTI DELLA RUBRICA CLICCANDO SU QUESTO LINK

Ultimo aggiornamento il 4 Ottobre 2022 11:16

MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, LA GUIDA

🔴 MASCHERINE, QUALI SONO UTILI CONTRO IL CORONAVIRUS

🔴 MASCHERINE, APPROFONDIMENTO SU DPI FFP2 E FFP3

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, I CONSIGLI DELL’ESPERTO

🔴 MASCHERINE CONTRO IL CORONAVIRUS, COSA BISOGNA GUARDARE PER NON SBAGLIARE L’ACQUISTO

🔴 DIFFERENZA TRA MASCHERINE FILTRANTI E CHIRURGICHE

🔴 CORONAVIRUS, CHI DEVE USARE LE MASCHERINE E QUALI

🔴 MASCHERINE, GUANTI E IGIENIZZANTI MANI: COME SI USANO

🔴 LE MASCHERINE SERVONO O NO?

🔴 L’INCHIESTA: MASCHERINE FINITE? GLI OSPEDALI NON SANNO CHE POSSONO RIGENERARLE…

🔴 CORONAVIRUS: OBBLIGATORIO COPRIRSI CON MASCHERINA O ALTRO QUANDO SI ESCE DI CASA

NOTIZIE IMPORTANTI SUL CORONAVIRUS

🔴 CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO NEL BRESCIANO

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 QUI TUTTE LE NOTIZIE PUBBLICATE DA BSNEWS.IT SUL CORONAVIRUS

15,20€
16,00€
disponibile
14 new from 15,20€
as of 4 Ottobre 2022 11:16
13,30€
14,00€
disponibile
11 new from 13,30€
1 used from 9,80€
as of 4 Ottobre 2022 11:16
26,60€
28,00€
disponibile
4 new from 26,60€
as of 4 Ottobre 2022 11:16
33,25€
disponibile
9 new from 33,25€
as of 4 Ottobre 2022 11:16
9,97€
10,50€
disponibile
8 new from 9,97€
as of 4 Ottobre 2022 11:16
36,10€
38,00€
disponibile
12 new from 35,64€
as of 4 Ottobre 2022 11:16
Ultimo aggiornamento il 4 Ottobre 2022 11:16
close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome