🟢 Rovato, dopo cinque anni ecco il nuovo ponte degli Spalti

La struttura permette di passare dagli spalti (e quindi dal vicino mercato e dal grande parcheggio che la serve) direttamente nel cuore della cittadina.

0
Il ponte sugli spalti di Rovato, foto Comune

Ci sono voluti cinque anni. Ma alla fine l’amministrazione guidata da Tiziano Belotti ce l’ha fatta. Sugli Spalti Don Minzoni di Rovato, dove un percorso pedonale è separato dalle mura venete da un profondo fossato, è stato varato nelle scorse ore il nuovo ponte. “Un piccolo ponte per una grande città”, ha commentato il primo cittadino su Facebook.

La struttura permette di passare dagli spalti direttamente nel cuore della cittadina. Un intervento che ha diviso la comunità, ma che – al di là delle considerazioni estetiche e del colmare il vuoto urbanistico del grande portale affacciato sul fossato – promette di fatto di collegare direttamente l’area del mercato e l’importante parcheggio che la supporta con il centro storico.

L’iter del ponte era iniziato nel 2017. L’anno dopo era stato approvato il progetto esecutivo, ma problemi legati agli appalti e contese legati avevano fermato più volte l’opera. I cantieri, quindi, avevano riaperto il 30 agosto e questa volta non ci sono stati intoppi. L’opera è costata circa mezzo milione di euro.

IL RENDERING DEL PROGETTO


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome