🔴 False accuse di pedofilia, poi la richiesta di denaro: 16 perquisizioni

Stando a quanto si apprende, i malviventi inviavano massivamente e-mail in cui si spacciavano per autorità statali o forze dell'ordine e contestavano alle vittime presunte, gravissime, violazioni legate alla pedopornografia. Quindi invitavano i malcapitati a fornire spiegazioni entro 72 ore e, alla risposta, chiedevano denaro per chiudere il caso

0
Polizia postale in azione, foto da ufficio stampa

Sedici persone sono state oggetto di provvedimento di perquisizione in seguito a una operazione della Polizia postale di Brescia e Vicenza finalizzata a sgominare un gruppo criminale dedito alle estorsioni e alle truffe online.

Stando a quanto si apprende, i malviventi inviavano massivamente e-mail in cui si spacciavano per autorità statali o forze dell’ordine e contestavano alle vittime presunte, gravissime, violazioni legate alla pedopornografia. Quindi invitavano i malcapitati a fornire spiegazioni entro 72 ore e, alla risposta, chiedevano denaro per chiudere il caso.

L’operazione è stata denominata Kafka, con una citazione letteraria che fa riferimento al noto romanzo dello scrittore praghese in cui alcuni cittadini si vedevano processati e condannati per cose mai fatte. Estorsioni di questo genere sono molto diffuse in tutta Europa: resta da capire quale ruolo abbiano eventualmente avuto gli indagati.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome