Assicurazione auto: il confronto dei preventivi oggi è a portata di click

La sottoscrizione delle polizze auto si verifica con frequenza crescente sul web, un fenomeno legato al fatto che le assicurazioni online permettono di usufruire di diversi vantaggi.

0
Assicurazione auto, foto generica da Pixabay

La sottoscrizione delle polizze auto si verifica con frequenza crescente sul web, un fenomeno legato al fatto che le assicurazioni online permettono di usufruire di diversi vantaggi.

In particolare, gli automobilisti apprezzano la possibilità di beneficiare di premi generalmente più competitivi. Senza contare che affidandosi al web è possibile risparmiare tempo per quello che riguarda la fase della ricerca della polizza.

Il merito, in questo caso, è da attribuire ad appositi siti specializzati dov’è possibile mettere a confronto le proposte più interessanti del momento in pochi click. Si tratta di portali di comparazione come Facile.it, che calcola ogni preventivo assicurazione auto passando di volta in volta in rassegna solo le proposte più in linea con le necessità dell’utente.

Come richiedere un preventivo per l’assicurazione auto online

 

Per richiedere un preventivo per l’assicurazione auto online è sufficiente inserire una serie di informazioni relative al sottoscrittore della polizza e al veicolo che si ha intenzione di tutelare.

Per quanto riguarda nello specifico il contraente, si tratta dei dati anagrafici e personali, come per esempio l’anno di conseguimento della patente, lo stato civile, il titolo di studio conseguito, la professione svolta e l’eventuale presenza di figli minorenni.

La richiesta del preventivo può essere effettuata anche prima dell’acquisto della vettura, indicando semplicemente il modello, l’allestimento e la cilindrata. In fase di compilazione può essere indicato anche il tipo di utilizzo che si fa del veicolo, nonché il numero medio di chilometri che si è soliti percorrere in un anno, così da ottenere un risultato ancora più in linea con le proprie esigenze.

Naturalmente, riportare informazioni aggiuntive può contribuire anche ad abbassare l’entità del premio, come per esempio segnalare la presenza di un antifurto o la volontà di installarne uno. Si tratta, infatti, di un dispositivo in grado di assicurare un livello di sicurezza maggiore, soprattutto se l’auto è parcheggiata in strada e non in un garage coperto.

Contribuisce a determinare il premio anche la classe di merito in cui rientra il sottoscrittore. Com’è noto, infatti, è prevista una classificazione che va da 1 a 18, dove si avanza o si retrocede in base al comportamento tenuto dall’automobilista nell’arco temporale di un anno. Un neopatentato in genere parte dalla quattordicesima classe, tuttavia può avvalersi della Legge Bersani per rientrare nella stessa categoria del familiare più virtuoso.

Le garanzie accessorie disponibili per l’assicurazione auto

 

In fase di richiesta di preventivo è anche possibile indicare le garanzie accessorie con cui completare la polizza.

Tra le più gettonate è possibile annoverare quella del cosiddetto Risarcimento Diretto, ovvero un risarcimento che proviene, in caso di sinistro, direttamente dalla propria compagnia assicurativa senza dover attendere la controparte. Risultano molto richieste anche Furto e incendio, Atti vandalici e Polizza cristalli, soprattutto da parte di automobilisti che non dispongono di un posto auto.

Un’altra garanzia accessoria piuttosto apprezzata risulta essere quella degli Eventi naturali, particolarmente indicata soprattutto in tutte quelle regioni in cui fenomeni atmosferici piuttosto estremi si verificano con una maggiore frequenza.

Per quanto riguarda la Kasko, è importante sottolineare che essa consente di disporre di un risarcimento anche se si rimane coinvolti in un sinistro con colpa, mentre l’Assistenza stradale è particolarmente indicata per tutti quegli automobilisti che sono soliti percorrere lunghe percorrenze con frequenza.

Assicurazione auto: gli altri elementi da valutare in fase di scelta

In fase di scelta dell’assicurazione auto è importante valutare anche altri elementi, come per esempio il massimale, ovvero la cifra massima risarcibile dalla compagnia.

Un altro aspetto di cui tenere conto è rappresentato dalla franchigia, vale a dire il limite minimo al di sotto del quale sarà responsabilità dell’assicurato provvedere alle spese in caso di danni riportati dal veicolo o a terze parti.

È altrettanto importante ricordare che in alcuni casi optare per un determinato metodo di pagamento permette di accedere a offerte personalizzate grazie alle quali beneficiare di un ulteriore risparmio.

Infine, è fondamentale scegliere la frequenza delle rate sulla base delle proprie esigenze, così da orientarsi in modo consapevole tra la classica annuale, la semestrale oppure la mensile.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome