Aeroporti di Roma, innovazione e sostenibilità le parole d’ordine

0

ROMA (ITALPRESS) – I taxi aerei elettrici saranno presto realtà in Italia. “Il viaggio del futuro non sarà, secondo noi, così tanto nel futuro. Stiamo lavorando già da qualche anno per portare in Italia e per essere i precursori di una forma di mobilità verticale ed elettrica, con un rumore quasi inesistente e soprattutto senza emissioni”, dice Ivan Bassato, Chief Aviation Officer di Aeroporti di Roma, in un’intervista all’Agenzia Italpress. “Ci stiamo impegnando, non da soli, per far sì che a Roma ci sia il primo collegamento commerciale entro il 2024. Parliamo praticamente di domani, e penso che questo sarà l’inizio di una nuova era. Saremo tra i primi al mondo, stiamo lavorando per avere Roma tra quella manciata di città che a livello globale avrà questo tipo di servizio. Sarà una partenza che potrebbe essere lenta, perchè stiamo implementando una tecnologia che al momento non esiste, e per questo dobbiamo dare tutte quelle garanzie di sicurezza e di compatibilità con le nostre città”. Bassato spiega che “a brevissimo realizzeremo il primo vertiporto, cioè l’infrastruttura di terra che serve a ospitare questo tipo di aeromobili, non ancora approvato per le operazioni commerciali da parte dell’Autorità, ma ci sono molti costruttori in dialogo con noi. Volocopter, azienda tedesca, probabilmente riuscirà a certificare questo velivolo, l’airtaxi, per il 2024”.

L’intermodalità, sottolinea quindi Bassato, “è un capitolo importantissimo della nostra strategia per la sostenibilità. La novità è che già quest’estate si poteva arrivare alla stazione ferroviaria dell’aeroporto di Fiumicino con un servizio di Alta velocità diretta provenendo sia da Sud, da Napoli, che da Nord, Firenze: già oggi è possibile fare colazione a Napoli centrale e cenare a Manhattan prendendo un trasporto ferroviario fino a Fiumicino e poi, mattina/pomeriggio, l’aereo fino agli Stati Uniti. L’intermodalità apre opportunità fino a oggi non esistenti, quasi sconfinate, di integrazione sostenibile”.

Evidenziando che “innovazione e sostenibilità sono le due parole d’ordine di Aeroporti di Roma e sempre di più saranno la componente centrale della nostra missione per i prossimi anni”, Bassato sottolinea che “in campo ambientale AdR credo stia giocando un ruolo da protagonista: è evidente che il trasporto aereo, seppure responsabile di circa il 2% delle emissioni globali di gas serra, ha bisogno di trovare piena compatibilità con il futuro del Pianeta. Siamo molto ingaggiati su questo, abbiamo recentemente lanciato il Patto sulla decarbonizzazione perchè vogliamo trovare una modalità tecnicamente ed economicamente realizzabile per l’annullamento delle emissioni di CO2”.

L’obiettivo che si è dato AdR “è molto ambizioso, vogliamo come aeroporto non emettere anidride carbonica nel 2030: l’aviazione civile si è posta l’obiettivo net zero per il 2050”. Per quanto riguarda le colonnine per la ricarica dei mezzi elettrici, “abbiamo appena aperto quelle fast a Fiumicino, ne metteremo 16 entro l’anno e ne metteremo centinaia da qua al 2030: faremo due grandi installazioni fotovoltaiche che entreranno in funzione entro il 2024/25”, conclude Bassato.

– foto Italpress –

(ITALPRESS).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.