🔴 Violenza dopo la scuola: sale sul bus con la sigaretta, poi sfonda il vetro con un masso

Il giovane sarebbe uno studente dell'istituto Bonsignori di Remedello: la sua folle rabbia sarebbe stata scatenata dall'invito a spegnere la sigaretta

0
Bus, foto generica da sito ufficiale Apam (non si riferisce all'articolo in questione)

E’ caccia al giovane – forse un minorenne – che ieri, a Montichiari, ha distrutto il vetro di un bus, rischiando di ferire gravemente un autista.

La dinamica di quanto accaduto nel pomeriggio di mercoledì è ancora da chiarire. Ma – stando quanto si apprende – il giovane sarebbe uno studente dell’istituto Bonsignori di Remedello (tra le fermate più temute dagli autisti, pare). Intorno alle 13 il ragazzino ha preso il bus per Montichiari, salendo però con la sigaretta accesa. A quel punto, ovviamente, l’autista l’ha invitato a spegnerla e ne è nata un’accesa disputa verbale.

Lo studente, quindi, è sceso insultando e sputando. Ma – secondo quanto riferisce l’edizione odierna di Bresciaoggi – il giovane ha poi raggiunto con altri mezzi la fermata di Montichiari, dove ha atteso il mezzo e lanciato un masso di almeno due chili di peso contro la cabina del conducente: il sasso ha sfondato due vetri ed è finito sull’asfalto sul lato opposto della strada. L’autista non è rimasto ferito per un soffio.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome