🟢 Pane e speranza per chi è in difficoltà: Confartigianato sostiene la Caritas

L'appuntamento è per il 27 novembre, quando - in coincidenza con la prima domenica di Avvento - si terrà la Giornata del Pane 2022: un evento promosso da Confartigianato Brescia e da Caritas Diocesana sin dal lontano 1995 e che nei decenni ha consentito di dare in beneficenza una cifra non lontana dagli 800mila euro

0
Da sinistra: Rinaldi, Massetti, Danesi e Guagni, foto Andrea Tortelli (BsNews.it)

L’appuntamento è per il 27 novembre, quando – in coincidenza con la prima domenica di Avvento – si terrà la Giornata del Pane 2022: un evento promosso da Confartigianato Brescia e da Caritas Diocesana sin dal lontano 1995 e che nei decenni ha consentito di dare in beneficenza una cifra non lontana dagli 800mila euro. Anche per quest’anno l’obiettivo è confermare il trend dell’ultimo decennio, che ha consentito di donare fra i 50 e i 70mila euro a volta.

A presentare l’edizione 2022 sono stati oggi – nella sede di Confartigianato, in via Orzinuovi), il presidente di Confartignanato Eugenio Massetti, Ruggero Guagni (presidente della categoria Panificatori di Confartigianato), don Maurizio Rinaldi (coordinatore dell’area pastorale per la Società e direttore della Caritas) e Marco Danesi (vicedirettore della Caritas di Brescia).

Concretamente, domenica 27, oltre un centinaio di panificatori aderenti alla principale associazione di categoria bresciana produrranno pane extra, che sarà donato a oratori e parrocchie. Saranno poi loro a distribuirlo ai destinatari in cambio di una donazione libera. Il ricavato, quindi, sarà devoluto alla Caritas a supporto della nuova sede del Rifugio Caritas di via Ardigò, struttura nota come Casa di accoglienza delle Suore missionarie della Nigrizia.

“I nostri panificatori – ha detto Massetti – ci sono e continueranno ad esserci, producendo pane in più per aiutare chi ne ha bisogno attraverso la Caritas. E’ un’iniziativa in cui crediamo e che vogliamo continuare a sostenere nonostante le difficoltà del settore legate anche all’aumento dei costi di energia e materie prime. Io stesso andrò in una o due parrocchie per fare la mia parte”. “Partecipiamo sempre volentieri – ha aggiunto Guagni – anche se per la nostra categoria è un momento particolarmente difficile, con quasi un’attività su tre che rischia di chiudere a fine anno” (qui trovate l’approfondimento su questa affermazione).

“La giornata del pane è un’iniziativa simbolica e materiale: in questi tempi complicati abbiamo tutti bisogno di alimentare la speranza. Il nostro è un percorso che parte dal simbolo (il monogramma con due “P”, pane e parola, e la croce) ed è centrato sulla lettera pastorale del vescovo e sul valore nutritivo della parola”, ha sottolineato don Rinaldi, citando poi una preghiera che si conclude dicendo: “Dai il pane a chi non ne ha e dai la fame di te a chi ne ha troppo”.

Danesi, invece, ha posto l’accento su come anche la Caritas abbia dovuto aggiornare la sua accoglienza con il Covid: “Il 12 settembre – ha detto – ci siamo spostati nella nuova sede di via Ardigò, in cui diamo accoglienza h24 a 18 persone, che speriamo presto di riportare a 24”. L’esigenza di aiuto, del resto, non conosce crisi. “L’autunno sarà complicato – ha sottolineato – e lo vediamo anche nella nostra mensa, che ha visto sensibilmente aumentare i pasti distribuiti: non soltanto persone senza dimora, ma anche lavoratori in difficoltà a far quadrare i conti”. “Perché – ha chiosato don Rinaldi – le persone vulnerabili, quelle che faticano ad arrivare a fine mese, oggi sono ancora più a rischio: in molti si rivolgono a noi, ma altrettanti hanno ancora remore a farlo perché purtroppo avere bisogno è motivo di vergogna”.

Da sinistra: Rinaldi, Massetti, Danesi e Guagni, foto Andrea Tortelli (BsNews.it)


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome