🟢 Dall’11 al 26 novembre Brescia è la capitale italiana della Pace | TUTTI GLI EVENTI

Per la giornata inaugurale (11 novembre alle 17, come sempre ospitata nel Salone Vanvitelliano di Palazzo Loggia) è atteso Romano Prodi, presenza illustre e significativa per aver ricoperto la carica di Presidente della Consiglio dei Ministri e di Presidente della Commissione Europea, oggi a capo della Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli

0
Bandiera della pace, foto da ufficio stampa

La quinta edizione del Festival della Pace di Brescia avrà inizio venerdì 11 novembre e caratterizzerà la proposta culturale della città fino a sabato 26. Una pluralità di presenze e di voci significative animerà incontri e tavole rotonde, spettacoli e concerti, mostre e proiezioni cinematografiche, visite guidate e laboratori, appuntamenti per le scuole ed eventi speciali per offrire molteplici opportunità di confronto e di riflessione declinate nei diversi linguaggi e forme espressive.

Brescia torna così ad essere per due settimane capitale della Pace. Oggi più che mai – in un contesto internazionale così preoccupante e delicato, con la guerra tornata in Europa e scenari che fanno temere un’estensione del conflitto con relativo rischio nucleare – abbiamo bisogno di argomenti a favore della costruzione di un orizzonte di pace, di nonviolenza, di fratellanza e riconciliazione.

L’edizione 2022 sarà focalizzata sul rapporto tra economia e guerra, tema del quale si propone un’indagine a tutto campo, estesa e approfondita grazie anche alla partecipazione di esperti di rilevanza internazionale, intorno alle disuguaglianze e alla diseguale distribuzione delle risorse come causa e conseguenza dei conflitti armati.

Per la giornata inaugurale (11 novembre alle 17, come sempre ospitata nel Salone Vanvitelliano di Palazzo Loggia) è atteso Romano Prodi, presenza illustre e significativa per aver ricoperto la carica di Presidente della Consiglio dei Ministri e di Presidente della Commissione Europea, oggi a capo della Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli, che ha accettato l’invito a portare la propria analisi sul ruolo dell’Europa nell’attuale frangente di uno scenario internazionale contrassegnato da una crescente tensione. Un ruolo che può e deve tornare determinante nel costruire equilibri e condizioni per un futuro di pace. A quello del Professore, si aggiungeranno i contributi del Presidente di Amnesty International Italia Emanuele Russo e dell’editorialista di Repubblica Giovanni Vernetti, già Sottosegretario agli Affari Esteri. La cerimonia, con gli interventi del Sindaco Emilio Delbono, del Presidente della Provincia Samuele Alghisi e del Presidente del Consiglio Comunale Roberto Cammarata, si svolgerà con la partecipazione di Camilla Bianchi, Presidente del Coordinamento Provinciale Enti Locali per la Pace e la Cooperazione Internazionale e alla presenza dei Sindaci della Provincia aderenti al Coordinamento.

Al grande rilievo della giornata d’apertura farà da contraltare l’evento conclusivo del Festival: A Mass For Peace (il 26 novembre alle 20, nella Chiesa di Santa Maria del Carmine), opera multimediale per soli, coro e orchestra prodotta dalla  Filarmonica del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo  diretta dal Maestro Pier Carlo Orizio che con la triade formata da Coro misto del Conservatorio di Brescia, Coro Marenzio e  Chorus Universitatis Brixiae diretta dal Maestro Silvio Baracco vede coinvolti ben 150 elementi per dar vita a un’emozionante messa in scena di The Armed Man-A Mass For Peace dell’acclamato compositore Sir Karl Jenkins. Anche le visite guidate, che da qualche anno non mancano nella proposta del Festival, si accordano a corollario dell’evento in forma di passeggiate letterarie a sfondo musicale a cura di Cieli Vibranti.

A Padre Francisco “Paco” De Roux andrà il Premio Brescia per la Pace (14 novembre ore 20.45 in Palazzo Loggia) promosso dal Coordinamento Enti locali per la Pace e la Cooperazione Internazionale. Dopo quello a Patrick Zaki, nel 2021, il riconoscimento di questa seconda edizione del premio è assegnato al padre gesuita che, alla guida della Comisión de La Verdad, è stato instancabile promotore del processo di pace e a fianco delle vittime del conflitto armato in Colombia. Padre De Roux parteciperà – in collegamento – alla tavola rotonda a seguire, a cura del Coordinamento e della Rete Italia Ripensaci Brescia. Uno speciale Premio alla Memoria vuole inoltre ricordare anche il pacifista bresciano Roberto Cucchini.

La mostra-evento di quest’anno, il terzo in un percorso condiviso insieme a Fondazione Brescia Musei e dedicato al rapporto tra arte, libertà di espressione e diritti umani, che nelle precedenti edizioni ha avuto come protagonisti la curda Zehra Doğan e il cinese Badiucao, è dedicata all’artista russa Victoria Lomasko, che con le sue opere dà voce alla  Russia degli emarginati, degli esclusi e di chi, dentro e fuori la Russia, si oppone alla guerra e alla limitazione della libertà (Victoria Lomasko. The Last Soviet Artist, Museo di Santa Giulia, inaugurazione venerdì 11 novembre alle 19, aperta fino all’8 gennaio, ingresso gratuito nel periodo del Festival).

Nei giorni successivi, sono previsti vari appuntamenti collegati promossi da Brescia Musei: oltre a visite guidate, laboratori e attività mirate per l’utenza scolastica, un incontro dell’artista con il pubblico, la presentazione della sua graphic novel Altre Russie (entrambi il 12 novembre) e il convegno incentrato sulla Violazione dei principi democratici e dei diritti umani nella Russia di oggi (15 novembre), questi ultimi in collaborazione con la Cooperativa Cattolico-democratica di Cultura.

Altre esposizioni invitano a esplorare il rapporto tra linguaggi artistici e pace, con particolare attenzione alla fotografia. Mirare Sarajevo, proposta da ADL a Zavidovici nel trentesimo anniversario dall’inizio dell’assedio alla città, contrappone le testimonianze di drammatica quotidianità negli scatti del fotoreporter Mario Boccia alle immagini di Luigi Ottani, in una sorta di dialogo tra passato e presente da differenti punti prospettici (dal 14 novembre nel Salone Vanvitelliano di Palazzo Loggia). A cura del Collettivo Cuspide arriva Chi accoglie non fa notizia, una documentazione degli sbarchi sulle coste italiane, che ha avuto come prima tappa Lampedusa, attraverso l’obiettivo di Carlo Bianchetti (Mo.Ca, dal 19 al 27 novembre).

Banca Etica espone Senzatomica nella filiale di Brescia (per tutto il mese di novembre) allestita per un giorno anche al Teatro San Carlino in concomitanza con la tavola rotonda È giusto finanziare una guerra giusta? (19 novembre). Questo e altri appuntamenti rimarcano la continuità di impegno del Festival sul tema del disarmo nucleare; tra questi assume particolare rilevanza la tavola rotonda Il rischio nucleare: la parola alla scienza a cura dell’Associazione Cultura Libera Brescia (Collegio Lucchini, 22 novembre).

La Croce Rossa Italiana – Comitato di Brescia organizza (sabato 12 novembre, a partire dalle 10 del mattino) un’intera giornata di incontri articolati in tre sessioni: Dalle radici bresciane della Croce Rossa al diritto internazionale umanitario e Solidarietà senza confini (nel Salone Vanvitelliano) e Le donne cambieranno il mondo (nella White Room di Santa Giulia).  Al fondatore della Croce Rossa è anche dedicato lo spettacolo di Centopercento Teatro Dunant. Una questione di principio (13 novembre, Teatro Arcobaleno di via Manara).

Altre associazioni confermano la loro partecipazione al dialogo intorno ai diritti fondamentali,  al bene, alla cura, alla casa, diritti negati dalle guerre e dalle sperequazioni economiche:  Emergency, che nella medicina di eccellenza in Africa vede un efficace strumento di contrasto contro le disuguaglianze (Non esistono scommesse impossibili, 17 novembre, Museo Diocesano), Medicus Mundi, che pone l’accento sulle conseguenze dei conflitti a danno dei più vulnerabili (I conflitti che generano conflitto, 24 novembre, Palazzo Broletto), Amnesty International Gruppo 028 Brescia, che punta l’attenzione su una necessità primaria  (La mia casa, 12 novembre, Chiesa di San Giorgio).

Il dibattito intorno alla questione economica in correlazione alla guerra, cornice tematica che inquadra tutto il Festival, si fa più mirato in una serie di appuntamenti che ne esplorano e approfondiscono le ricadute nei diversi ambiti.  La tavola rotonda di U4P University for Peace – Università degli Studi di Brescia analizza in una prospettiva economica la connessione tra pace, risorse e ambiente, con la presenza di studiosi di fama internazionale tra i quali, in videocollegamento, l’economista Jeffrey Sachs, Direttore del Centro per lo Sviluppo Sostenibile della Columbia University e Presidente di UN SDSN Sustainable Development Solutions Network (22 novembre, Università degli Studi, Salone Apollo). Per iniziativa dei Frati Francescani Minori Conventuali di Brescia, dal volume The Economy of Francesco si sviluppa un’analisi sul linguaggio dell’economia (13 novembre, Convento di San Francesco). Il Collegio Universitario Lucchini promuove e ospita il convegno, coordinato dal Direttore Carla Bisleri, Un mondo senza pace? con due grandi esperti in dialogo su cause e conseguenze di mutamenti climatici, crisi economiche globali e conflitti internazionali (25 novembre).

Promossa da Casa della Memoria, la conferenza Le mafie in tempo di guerra, con la partecipazione del Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Giovanni Melillo intervistato dall’editorialista del Corriere della Sera Luigi Ferrarella, affronterà il tema dello sfruttamento delle ricadute socioeconomiche e geopolitiche nelle situazioni di conflitto armato da parte della criminalità organizzata (Salone Vanvitelliano, 16 novembre).

La lotta alle disuguaglianze condotta dalle associazioni bresciane di volontariato internazionale è al centro della relazione che illustra alcuni progetti di cooperazione realizzati con la Consulta per la Pace del Comune di Brescia (Teatro Sant’Afra, 25 novembre).

Agli interrogativi aperti dalle nuove conquiste della tecno-scienza si rivolge la riflessione filosofica di Federico Perelda per il seminario Guerra e intelligenza artificiale promosso da Centro Casa Severino – Associazione Studi Emanuele Severino con Paolo Barbieri e Claudio Bragaglio (Palazzo Loggia, Sala dei Giudici, 14 novembre).

In una rassegna così articolata, ritornano, spesso tra loro interconnessi ed espressi in una commistione di linguaggi, i temi dell’accoglienza, del dialogo, della risoluzione dei conflitti con incontri, laboratori, concerti e spettacoli.   Da U4P University for Peace – Università degli Studi di Brescia nasce lo spettacolo Sperimentare la gestione nonviolenta dei conflitti (Der Mast, 19 novembre); dall’Associazione Dòsti con La Chiesa Evangelica, Valdese e Metodista e il Centro Culturale Islamico Giovani dialoghi (26 novembre). Con La carovana dei diritti Bergamo-Brescia il Sistema Accoglienza e Integrazione incontra la cittadinanza in un appuntamento, a cura di K-Pax e ADL a Zavidovici, animato dal gruppo musicale interculturale Jamal Quassini Ensemble Med (San Carlino, 24 novembre).      Dal libro 19 donne di Samar Yazbek, Weare Odv costruisce un momento di confronto a più voci su accoglienza e integrazione, che si chiude con lo spettacolo Ri_tratti. Studio La Luce partecipa con il convegno-concerto La musica è voce di libertà (Teatro San Carlino, 18 novembre) e con un evento online che prevede, tra gli altri, il contributo della “artigiana di pace” Jacqueline Morineau (19 novembre).

Il mondo in musica, coreografie e suoni per i diritti umani è proposto da Intermed Onlus nella Chiesa dei Santi Cosma e Damiano, dove Lions Clubs International presenta in contemporanea una mostra degli elaborati del concorso Un Poster per la Pace (20 novembre).

In calendario anche lo spettacolo di narrazione con musica dal vivo Ribelli. Al novembre del ‘43 di Filippo Garlanda e Alessandro Adami, liberamente tratto dal saggio di Marco Ugolini Il Carmine ribelle. Storia dell’antifascismo nei quartieri popolari del centro storico di Brescia, dal «biennio rosso» alla Resistenza di Piazza Rovetta (San Carlino, 13 novembre) e la lettura scenica Quinto non uccidere. Don Mazzolari condanna la guerra di Luciano Bertoli a cura di Missione Oggi (Complesso San Cristo, 21 novembre).    Il Salterio offre una coinvolgente serata di Danze dal mondo per la pace (Der Mast, 18 novembre). Ritorna La musica che unisce, appuntamento consolidato e sempre molto partecipato nato dal progetto del maestro Gérard Colombo (Chiesa di San Giovanni, 20 novembre).

Due le proiezioni della sezione cinematografica, a cura di Cinema Sociale e Nuovo Mascherino circolo del cinema: Europa di Haider Rashid e Ada di Kira Kovalenko, entrambi premiati a Cannes e presentati in prima visione per Brescia.

Per gli incontri con gli autori, Nuova Libreria Rinascita ha invitato a Brescia l’avvocata Cathy La Torre, con il libro Ci sono cose più importanti (San Carlino, 17 novembre, in collaborazione con Banca Etica) e Marianna Filandri con Lavorare non basta. Dentro le disuguaglianze del Paese (e d’Europa) alla ricerca di buone alternative (Sala Giudici di Palazzo Loggia, 21 novembre). Attesi anche Vitaliano Fulciniti con Ovunque qualcuno. Storie di condivisione e accoglienza (San Carlino, 21 novembre) e la giornalista d’inchiesta Annalisa Camilli che dialoga con Marco Deriu, autore del volume Rigenerazione. Per una democrazia capace di futuro, e Roberto Cammarata sulla Fragilità della democrazia (Mo.Ca, 18 novembre). Il Comune di Gussago con la Biblioteca Carlo Bonometti ospita Barbara Cassioli, che nel libro Di questi tempi racconta la sua esperienza da Bologna a Lampedusa senza soldi alla ricerca di storie di cambiamento.

La sezione Ragazzə e Scuole, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Brescia, offre all’utenza scolastica laboratori e spettacoli attraverso le proposte di Cicogne Teatro Arte e Musica, Teatro Laboratorio e Studio La luce, e il nuovo Progetto Giornalisti di Pace a cura di InPrimis, Bresciagiovani, e Commissione Scuola ANPI Dolores Abbiati. Al carnet si aggiungono i Laboratori di filosofia per bambini e ragazzi dell’Associazione Perimetri.

Tanti modi diversi per dire una cosa sola: il mondo ha un disperato bisogno di pace e la pace, per essere realizzata, ha bisogno dell’azione consapevole e responsabile di ognuno di noi.

Il Festival della Pace è promosso da Comune, Provincia e Cantiere Internazionale per la Pace, ma gode dell’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e del Patrocinio di Amnesty International. Info: www.festivaldellapace.it 

FESTIVAL DELLA PACE A BRESCIA, IL PROGRAMMA COMPLETO

 

 

IL PROGRAMMA

11 – 26 NOVEMBRE 2022

 

VENERDÌ 11 NOVEMBRE

 

11 novembre, ore 17:00

Palazzo Loggia, Salone Vanvitelliano

Piazza della Loggia, 1

 

CERIMONIA INAUGURALE DEL FESTIVAL

Per un futuro di pace. Il ruolo dell’Europa.

 

intervengono

Romano Prodi Presidente della Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli, già Presidente del Consiglio dei Ministri e della Commissione Europea

Emanuele Russo Presidente Amnesty International Italia

Giovanni Vernetti Editorialista La Repubblica, già Sottosegretario agli Affari Esteri

 

con

Emilio Del Bono Sindaco di Brescia

Roberto Cammarata Presidente del Consiglio Comunale

Samuele Alghisi Presidente della Provincia di Brescia

Camilla Bianchi Presidente del Coordinamento Provinciale Enti Locali per la Pace e la Cooperazione internazionale

 

alla presenza dei

Sindaci della Provincia aderenti al Coordinamento

 

Ingresso libero

 

 

11 novembre, ore 19:00

Museo di Santa Giulia

Via Musei, 81/b

 

Inaugurazione della mostra

VICTORIA LOMASKO. THE LAST SOVIET ARTIST

a cura di Elettra Stamboulis

promossa da Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei

 

intervengono

Emilio Del Bono Sindaco di Brescia

Roberto Cammarata Presidente del Consiglio Comunale

Laura Castelletti Vice Sindaco e Assessore alla Cultura

Francesca Bazoli Presidente di Fondazione Brescia Musei

Stefano Karadjov Direttore di Fondazione Brescia Musei

Elettra Stamboulis Curatrice

Victoria Lomasko Artista

 

La mostra, presentata nell’ambito del Festival della Pace di Brescia, rappresenta il terzo atto della ricerca intrapresa da Fondazione Brescia Musei nel 2019 con la mostra Zehra Doğan, Avremo anche giorni migliori. Opere dalle carceri turche, e proseguita con quella di Badiucao nel 2021 La Cina non è vicina. Badiucao – Opere di un artista dissidente.

Il progetto espositivo presenta una vasta personale dell’artista russa con un percorso ideato specificatamente per gli spazi di Brescia, dove Lomasko sta trascorrendo un periodo in residenza per la realizzazione di opere site-specific, dedicato a quanto sta vivendo e osservando negli ultimi mesi. La ricerca artistica di Lomasko permette di ricostruire in modo minuzioso la storia sociale e politica della Russia dal 2011 a oggi: dalle manifestazioni anti Putin, che l’artista ha disegnato dal vivo con un tratto originale e immediatamente riconoscibile, alle rappresentazioni della “profonda Russia”, quella dei dimenticati e marginali, che da sempre costituiscono i suoi soggetti preferiti.

 

Ingresso gratuito alla mostra per tutta la durata del Festival della Pace

aperta fino all’8 gennaio, dal 27 novembre all’8 gennaio ingresso € 5

ridotto € 4 (gruppi e convenzioni, 14-18 anni, over 65, studenti universitari),

€ 3 (6-13 anni, scuole), € 5 (scuole con attività)

info www.bresciamusei.com – CUP 030 2977833/834 – [email protected]

 

Visite guidate a cura dei Servizi educativi di Fondazione Brescia Musei

domenica 13 e 20 novembre, ore 11:00

giovedì 17 e 24 novembre, ore 16:30

 

Laboratorio Cartoline dalla Russia

sabato 12 e 26 novembre, ore 15:30 (per famiglie con bambini e bambine dagli 8 anni)

 

per tutte le attività è richiesta la prenotazione

CUP 030 2977833/834 – [email protected]

costi di visite e laboratori: € 4 cad. contributo attività famiglie e visite guidate adulti

SABATO 12 NOVEMBRE

 

12 novembre, dalle ore 10:00

 

SUCCEDE A VOLTE CHE DAL MALE POSSA NASCERE DEL BENE

Incontro internazionale in tre sessioni

a cura di Croce Rossa Italiana – Comitato di Brescia

grazie al contributo di Fondazione Banca San Paolo di Brescia

 

Brescia al centro del dialogo per il processo di pace nel mondo. La città è protagonista nel soccorso ai feriti della battaglia di Solferino nel 1859 e ospita, in uno slancio di generosità che non ha eguali nella storia, 35.000 soldati, tanti quanti i suoi abitanti di allora. Tutto ciò è avvenuto in modo generoso e organizzato: Henry Dunant scrisse che se Castiglione era una grande ambulanza, Brescia era un immenso ospedale. Generosità, professionalità e organizzazione sono le caratteristiche dei bresciani e sono quelle che verranno mutuate nella più grande organizzazione umanitaria del mondo.

 

ore 10:00

Palazzo Loggia, Salone Vanvitelliano

Piazza della Loggia, 1

 

I sessione – Dalle radici bresciane della Croce Rossa al diritto internazionale umanitario

 

intervengono

Emilio del Bono Sindaco di Brescia

Rosario Maria Gianluca Valastro Vicepresidente Nazionale Croce Rossa Italiana

Costantino Cipolla Sociologo

Paolo Corsini Storico

Marcello Flores Storico 

 

 

ore 14:00

Palazzo Loggia, Salone Vanvitelliano

Piazza della Loggia, 1

 

II sessione – Solidarietà senza confini

 

intervengono

Maria Paola Pannacciulli Coordinatrice IFRC a Vinnytsia, in collegamento

Alberto Cairo Delegato ICRC a Kabul, in collegamento

Fabrizio Damiani Desk Manager CRI per Europa, Asia e Pacifico

Marta Prandelli Delegata Comitato CRI Brescia Cooperazione Internazionale decentrata

Aleksandra Ristovski Coordinatrice Programmi Promotion of Humanitarian Values e Responsabile Programmi di Gemellaggio Croce Rossa Macedonia del Nord

Sandra Tomovska Coordinatrice sul Campo per i Programmi di Migrazione Croce Rossa Macedonia del Nord

 

ore 16:00

Museo di Santa Giulia, White Room

Via Musei 81/b

 

III sessione – Le donne cambieranno il mondo

 

intervengono

Valentina Baldassari Capomissione navi quarantena Croce Rossa Italiana

Santina Bianchini Presidente Campagna Italiana contro le mine

Elena Branca Cultrice di storia della Croce Rossa e della medicina

Emilia Scarcella Ispettrice Nazionale Corpo delle Infermiere Volontarie CRI

 

moderatori delle sessioni
Anna Della Moretta Giornale di Brescia

Fabrizio Fasanella Linkiesta

 

Ingresso libero

durante gli interventi saranno presenti interpreti LIS Lingua Italiana dei Segni

info 030 3531931 – [email protected]

 

 

 

 

 

12 novembre, ore 10:00

Museo di Santa Giulia, White Room

Via Musei 81/b

 

L’ARTISTA INCONTRA IL PUBBLICO

Un’occasione per il pubblico di confrontarsi con l’artista Victoria Lomasko.

 

Ingresso libero – prenotazione obbligatoria

CUP 030 2977833/834 – [email protected]

 

 

 

12 novembre, ore 18:00

Museo di Santa Giulia, White Room

Via Musei 81/b

 

ALTRE RUSSIE

Presentazione della graphic novel di Victoria Lomasko Altre Russie (BeccoGiallo, 2022)

promossa da Cooperativa Cattolico-democratica di Cultura e Fondazione Brescia Musei

in collaborazione con Memorial Italia

 

intervengono

Federico Zaghis Presidente e Direttore editoriale di BeccoGiallo

Elettra Stamboulis Critica d’arte e curatrice della mostra “Victoria Lomasko. The Last Soviet Artist”

Victoria Lomasko Artista

 

introducono

Francesca Bazoli Presidente della Fondazione Brescia Musei

Francesca Gori Memorial Italia

 

Altre Russie è un libro reportage che racconta e illustra la Russia di ieri e di oggi attraverso una serie di ritratti, persone, realtà poco note, artisti e attivisti sotto processo, ma anche gente comune che non ha mai voce nella stampa nazionale o internazionale.

In Altre Russie Victoria Lomasko descrive la disuguaglianza e l’ingiustizia presente nel cuore della società russa contemporanea intervistando, raccontando e disegnando i molti cittadini russi che non hanno voce. I suoi ritratti sono ricchi di dignità, compassione, amore e di grande talento.

 

Ingresso libero

info www.ccdc.it – 347 9487638

 

 

 

12 novembre, ore 20:30

Chiesa di San Giorgio

Vicolo San Giorgio (Contrada Santa Chiara)

 

LA MIA CASA

La casa è quel luogo dove torno e mi sento al sicuro

Tavola rotonda promossa da Amnesty International Gruppo 028 Brescia,

Associazione culturale True Quality e Casa editrice MalEdizioni

 

intervengono

attivisti del gruppo 028 Brescia Amnesty international

Giovanni Gandolfi Associazione culturale True Quality

Luigi Filippelli Casa editrice MalEdizioni

 

Attraverso le opere di street artist provenienti da paesi dove il diritto ad una casa è spesso messo in discussione, Amnesty International dialogherà con l’associazione True Quality, promotore dell’iniziativa, e con alcuni degli artisti, sul diritto fondamentale alla casa.

 

Ingresso libero

info [email protected]mail.com

 

 

 

DOMENICA 13 NOVEMBRE

 

13 novembre, ore 17:00

Convento San Francesco d’Assisi, Salone Conferenze Fra Giacomo Bulgaro

Piazzetta San Francesco d’Assisi, 3/A

 

Tavola rotonda a partire dal volume

THE ECONOMY OF FRANCESCO

Un glossario per riparare il linguaggio dell’economia (Città Nuova, 2022)

a cura dei Frati Francescani Minori Conventuali di Brescia (Chiesa di San Francesco)

 

dialogo tra gli autori del volume

e i curatori Stefano Rozzoni e Plinio Limata

 

L’incontro prevede un dialogo tra alcuni dei 34 autori internazionali che hanno partecipato al volume The Economy of Francesco. Un glossario per riparare il linguaggio dell’economia (Città Nuova, 2022), dedicato alla rivisitazione di alcune parole chiave del discorso economico attraverso la prospettiva maturata nel progetto The Economy of Francesco, a partire dal suo sviluppo nel 2020. Le riflessioni di giovani ricercatrici e ricercatori invitano i lettori a confrontarsi con gli strumenti concettuali alla base del pensiero economico dominante, ripensandoli in forme etiche, inclusive e pluraliste ispirate dall’esortazione mistica ricevuta da Francesco d’Assisi: “Va’ e ripara la mia casa”.

 

Ingresso libero

info 338 6056741

www.cittanuova.it/libri/9788831135481/the-economy-of-francesco/

prenotazioni 030 2926701 (dal lunedì al venerdì ore 9:00-12:00 e 14:30-18:00)

 

 

 

13 novembre, ore 18:00

Teatro Arcobaleno

Via Luciano Manara, 23

 

DUNANT. Una questione di principio

Spettacolo teatrale a cura di Centopercento Teatro

 

testo e regia Ettore Oldi

con Stefano Iagulli, Antonio Panice, Miriam Russo

 

1895: un deluso Henri Dunant (il fondatore della Croce Rossa, che sei anni dopo riceverà il primo Nobel per la Pace) è solo, malato e in povertà a Heiden. Fuori dalla struttura ospedaliera che lo ospita c’è un valzer di grandi scoperte, imperialismo, corsa agli armamenti e depressioni economiche, mentre nella sua stanza la stasi; un piccolo mondo fatto di persone semplici: un’inserviente dell’ospedale e il figlio adolescente, in equilibrio tra la quotidianità̀ e il chiasso dei giornali a portare, tra notizie di cinematografi e telegrafi senza fili, la grande storia nella quiete del paese. Ma un incontro inaspettato sta per cambiare le cose.

 

Ingresso € 10
info e prenotazioni [email protected] – 375 6197095 www.centopercentoteatro.it

 

 

 

13 novembre, ore 20:30

Teatro San Carlino

Corso Giacomo Matteotti, 6

 

RIBELLI. Al novembre del quarantatré

Spettacolo con musica dal vivo

liberamente tratto dal saggio Il Carmine ribelle di Marco Ugolini

 

drammaturgia Filippo Garlanda, musiche Alessandro Adami

con Filippo Garlanda Attore

Alessandro Adami Voce e fisarmonica

Carlo Gorio Chitarra

 

I ribelli insorgono armati contro l’autorità. I ribelli rifiutano obbedienza e sottomissione, si mostrano impazienti a costrizioni o imposizioni, sono indocili. I ribelli oppongono resistenza, non si lasciano vincere. Raccontare una strage può sembrare una questione di poche parole, che dicono la fine innaturale e ingiusta di alcune vite. Ma di ciascuna vita si può seguire la traccia risalendo fino all’inizio, come su una mappa. Una narrazione intensa e tesa dialoga con chitarra, fisarmonica, canto. Perché a cantare si è meno soli e ci si fa forza a vicenda.

 

Ingresso libero

info [email protected] – www.filippogarlanda.info – www.alessandroadami.it

LUNEDÌ 14 NOVEMBRE

 

14 novembre, ore 17:00

Palazzo Loggia, Salone Vanvitelliano

Piazza della Loggia, 1

 

Inaugurazione della mostra fotografica

MIRARE SARAJEVO

di Luigi Ottani e Mario Boccia

promosso da associazione ADL a Zavidovici

a cura di Roberta Biagiarelli

 

intervengono

Emilio del Bono Sindaco di Brescia

Luigi Ottani e Mario Boccia Fotoreporter

Agostino Zanotti Attivista sociale

Gigi Chittò Presidente ADL a Zavidovici

 

In occasione del trentesimo anniversario dell’inizio dell’assedio della città di Sarajevo, l’associazione ADL a Zavidovici Onlus, con il contributo del Comune di Brescia, a cura dell’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea assieme a Babelia-progetti culturali, presentano dal 14 novembre al 2 dicembre nel Salone del Vanvitelliano in Palazzo Loggia la mostra Mirare Sarajevo, fotografie di Mario Boccia e Luigi Ottani.

 

L’evento nasce in seguito al progetto editoriale Shooting in Sarajevo pubblicato da Bottega Errante Edizioni nel 2020, ideato da Luigi Ottani e Roberta Biagiarelli al quale hanno collaborato Mario Boccia, Carlo Saletti, Gigi Riva, Azra Nuhefendić e Jovan Divjak.

Gli scatti di Mario Boccia, fotoreporter che nella capitale bosniaca documentò la quotidianità dell’assedio per diverse testate nazionali e internazionali, dialogano a trent’anni di distanza con le immagini di Luigi Ottani, che ha voluto riproporre il punto di vista dei cecchini dagli stessi luoghi dai quali questi tenevano sotto assedio la città e i suoi abitanti.

 

Nell’aprile del 1992 prendeva avvio quello che sarebbe diventato il più lungo assedio della storia del Novecento in Europa. La capitale della Bosnia-Erzegovina, Sarajevo, accerchiata dalle forze dell’esercito serbo-bosniaco, veniva stretta in una morsa. La più antica delle tattiche militari, l’accerchiamento e lo strangolamento della popolazione civile, grazie alla comunicazione globale poteva essere vista in diretta in ogni angolo del mondo. L’assedio terminò nel febbraio del 1996 in seguito agli accordi di Dayton.

 

Ingresso libero

mostra aperta fino al 2 dicembre

dal lunedì al venerdì ore 9:00-12:30 e 14:00-19:00

sabato ore 9:00-12:30

info www.adl-zavidovici.eu – 347 0013750

 

 

14 novembre, ore 18:00

Palazzo Loggia, Sala dei Giudici

Piazza della Loggia, 1

 

GUERRA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Seminario promosso da Centro Casa Severino – Associazione di Studi Emanuele Severino

 

intervengono

Paolo Barbieri Giornalista, Centro Casa Severino – Associazione di Studi Emanuele Severino

Federico Perelda Filosofo

modera Claudio Bragaglio Centro Casa Severino – Associazione di Studi Emanuele Severino

 

L’intelligenza artificiale è entrata prepotentemente nelle nostre vite.

Non c’è settore della società contemporanea che si possa dire estraneo all’utilizzo dell’I.A.: il lavoro nelle fabbriche, nel terziario, nella scuola, nel commercio, nella medicina e nella ricerca.  Poteva forse non interessare la guerra? Quali sono i problemi etici aperti da questa nuova frontiera della tecno-scienza?

 

Ingresso libero

info [email protected]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

14 novembre, ore 20:45

Palazzo Loggia, Salone Vanvitelliano

Piazza della Loggia, 1

 

PREMIO BRESCIA PER LA PACE 2022

 

Cerimonia di consegna del Premio Brescia per la Pace

a Francisco “Paco” De Roux Padre Gesuita, presidente della Comisión de la Verdad Colombia

e del Premio alla Memoria

a Roberto Cucchini Pacifista bresciano, ritira il premio il figlio Andrea

con

Emilio del Bono

Roberto Cammarata

Camilla Bianchi

 

Il Coordinamento Provinciale degli Enti Locali per la Pace e la Cooperazione Internazionale in accordo con la Presidenza del Consiglio Comunale di Brescia è onorato di assegnare il Premio per la Pace 2022 a Padre Francisco De Roux per il suo impegno decennale a fianco delle vittime del conflitto colombiano, nella ricerca della pace e per garantire giustizia e riparazione. Alla guida della Commissione per la Verità ha promosso un processo di pace basato sulla giustizia transizionale.

È stato inoltre deciso di assegnare quest’anno anche un Premio alla memoria a Roberto Cucchini per il suo impegno di ricercatore storico e attivista nonviolento dei movimenti contro la guerra. La sua grande onestà intellettuale, coerenza negli ideali di giustizia e rigore nell’affrontare i grandi temi della vita sono stati per molti un punto di riferimento e di confronto dialettico.

 

a seguire tavola rotonda

ABBIAMO BISOGNO DI PACE. Giustizia riparativa e risoluzione nonviolenta dei conflitti.

a cura del Coordinamento Provinciale degli Enti Locali per la Pace e la Cooperazione Internazionale e Rete Italia Ripensaci Brescia

 

intervengono

Francisco “Paco” De Roux in collegamento

Adolfo Ceretti Professore ordinario di Criminologia Università degli Studi di Milano Bicocca

Daniele Novara Pedagogista, Fondatore del Centro Psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti

modera Camilla Bianchi Presidente Coordinamento Provinciale degli Enti Locali per la Pace e la Cooperazione Internazionale

 

A partire dalla stretta attualità, una riflessione sulle implicazioni che un conflitto armato porta con sé, sulle relazioni tra le persone e le popolazioni, sui risentimenti che rischiano di rimanere aperti e insondati. Si tracceranno delle piste di lavoro attraverso esperienze in atto, secondo i modelli della giustizia riparativa, della giustizia transizionale, e della risoluzione nonviolenta dei conflitti, compresi quelli più quotidiani.

 

Ingresso libero

MARTEDÌ 15 NOVEMBRE

 

15 novembre, ore 18:00

Auditorium di Santa Giulia

Via Piamarta, 4

 

LA VIOLAZIONE DEI PRINCIPI DEMOCRATICI E DEI DIRITTI UMANI NELLA RUSSIA DI OGGI

Convegno promosso da Cooperativa Cattolico-democratica di Cultura

e Fondazione Brescia Musei

in collaborazione con Memorial Italia

 

intervengono

Francesca Bazoli Presidente Fondazione Brescia Musei

Marcello Flores Ha insegnato Storia contemporanea nell’Università degli Studi di Siena, dove ha diretto anche il Master in Humain Rigthts and Genocide Studies

Anna Zafesova Giornalista de La Stampa, di cui è stata corrispondente da Mosca, vincitrice del Premio Cerruglio 2022, il concorso letterario nazionale di saggistica d’attualità, con il saggio “Navalny contro Putin”

Carolina De Stefano Autrice del libro “Storia del potere in Russia. Dagli zar a Putin” (La Morcelliana)

Anton Dolin Il più celebre critico cinematografico russo, caporedattore della rivista Isskustvo kino (Arte del cinema), editorialista del portale Meduza, che ha lasciato il paese dopo l’invasione dell’Ucraina

Victoria Lomasko Artista

 

Jan Rachinskij, cofondatore di Memorial, in occasione dell’assegnazione del premio Nobel per la Pace 2022 ha affermato: “La memoria e la libertà non si possono vietare… Ora più che mai è importante ricordare il pensiero di Sakharov: ‘Pace, progresso e diritti umani sono tre obiettivi inscindibili l’uno dall’altro’. Uno Stato che soffoca i diritti all’interno del proprio Paese è una minaccia per il mondo intero”.

Il convegno vede la presenza di alcuni tra i più importanti studiosi italiani sul potere in Russia e l’attuale involuzione autoritaria, insieme a testimoni diretti fuggiti dalla Russia negli ultimi mesi.

 

Ingresso libero

info www.ccdc.it – 347 9487638

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

15 novembre, ore 18:00 e ore 20:45

Cinema Sociale

Via Felice Cavallotti, 20

 

EUROPA

In prima visione per Brescia

Proiezione del film scritto e diretto da Haider Rashid (Italia, 2021, 75’)

vincitore del Premio della critica indipendente al Festival di Cannes 2021

a cura di Cinema Sociale e Nuovo Mascherino circolo del cinema

 

Europa è un film scritto e diretto da Haider Rashid, figlio di un immigrato iracheno e madre italiana, presentato al Festival di Cannes nel 2021 nella sezione Quinzane del realisateurs, dove ha vinto il Premio della critica indipendente.

Un ragazzo iracheno cerca di attraversare il confine fra la Turchia e la Bulgaria: il film racconta l’esperienza della migrazione facendoci provare a livello polisensoriale che cosa voglia dire affrontare quel viaggio.

 

Ingresso 5

info www.nuovomascherino.org

MERCOLEDÌ 16 NOVEMBRE

 

16 novembre, ore 18:00

Palazzo Loggia, Salone Vanvitelliano

Piazza della Loggia, 1

 

LE MAFIE IN TEMPO DI GUERRA

Come la criminalità organizzata sfrutta le ricadute socioeconomiche e geopolitiche dei conflitti armati

Tavola rotonda promossa da Casa della Memoria

 

intervengono

Giovanni Melillo Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo

Emilio Del Bono Sindaco di Brescia

Luigi Ferrarella Corriere della Sera

 

La guerra non è solo distruzione di vite umane, ma anche opportunità per la criminalità organizzata di condizionare e mettere in discussione gli sviluppi dei processi democratici e sociali.

 

Ingresso libero

info 030 2978253

la videoregistrazione dell’evento verrà resa disponibile sul sito www.sempreperlaverita.it

 

 

 

 

 

GIOVEDÌ 17 NOVEMBRE

 

17 novembre, ore 18:30

Museo Diocesano

Via Gasparo da Salò, 13

 

NON ESISTONO SCOMMESSE IMPOSSIBILI

La medicina di eccellenza in Africa come strumento di contrasto alle disuguaglianze

Tavola rotonda promossa da Emergency – Gruppo di Brescia

 

dialogano

Rossella Miccio Presidente di Emergency

Roberto Cammarata Presidente del Consiglio Comunale

Enrico Vianello Architetto, TAMassociati – Venezia

in collegamento un operatore sanitario dall’Ospedale di Chirurgia Pediatrica in Uganda

modera Natalia Danesi BresciaOggi

 

Una rete sanitaria d’eccellenza per l’Africa: dallo “scandalosamente bello” Children’s Surgical Hospital di Entebbe, al Salam Center in Sudan. Ecco l’ANME, per rappresentare le molteplici ricadute che queste realtà hanno sull’intera regione africana: una visione pensata e fortemente voluta da Gino Strada sin dal 2010. Perseguire un obiettivo comune, quale il diritto alla cura, rende possibile il dialogo tra Stati, talvolta conflittuali sia sul fronte interno che esterno e consente di percorrere così strade inconsuete: l’accesso ai diritti come azione di contrasto alle diseguaglianze.

 

Ingresso libero

info e prenotazioni 340 9025397(whatsapp) – [email protected]

 

 

17 novembre, ore 20:30

Teatro San Carlino

Corso Giacomo Matteotti, 6

 

CATHY LA TORRE

Presentazione del libro

CI SONO COSE PIÙ IMPORTANTI (Mondadori, 2022)

promossa da Nuova Libreria Rinascita e Banca Etica

 

dialoga con l’autrice Francesca Parmigiani Avvocata

 

La retorica del “ci sono cose più importanti” negli ultimi anni è diventata una vera e propria tendenza. Ed è proprio seguendo questa logica che molte battaglie – dal fine vita al diritto all’adozione passando per ius soli e parità fra uomini e donne – scivolano lontani nell’agenda delle priorità.

Cathy La Torre, fondatrice nel 2008 del Centro Europeo di Studi sulla Discriminazione e premiata nel 2019 come miglior avvocata pro bono d’Europa, disegna la mappa di un viaggio nei diritti che non possono più attendere e racconta come altrove hanno fatto, spesso a costo zero, quello che in Italia ancora si rimanda.

 

Ingresso libero

info www.nlr.plus – 030 3755394

 

 

 

 

 

 

 

VENERDÌ 18 NOVEMBRE

 

18 novembre, ore 16:45

Teatro San Carlino

Corso Giacomo Matteotti, 6

 

LA MUSICA È VOCE DI LIBERTÀ OLTRE LA VIOLENZA CHE LA NEGA

Convegno e Concerto a cura di Studio la Luce

in collaborazione con

Casa delle Donne, Associazione Italiana Donne Medico sezione di Brescia,

VAD – Volontari Assistenza Domiciliare e Croce Rossa Italiana sezione di Brescia

con il patrocinio di Spedali Civili di Brescia

con il sostegno di Passadori Pianoforti

 

intervengono

Piera Stretti Casa delle Donne

Caterina Sottini Associazione Italiana Donne Medico

Carolina David Croce Rossa Italiana

modera Nini Ferrari Consigliera di Parità della Provincia di Brescia

 

a seguire

concerto al pianoforte di Andrea Legori

 

Facendo riferimento alla letteratura scientifica, che riconosce alla musica un valore terapeutico di riarmonizzazione bio-psico-sociale, il pianista Andrea Legori offre la sua musica al pubblico, in particolare al personale sanitario e parasanitario di Spedali Civili, in un viaggio verso “la Pace del Cuore”.

 

Ingresso libero

info [email protected]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

18 novembre, ore 18:00

Mo.Ca, Sala Danze

Via Moretto, 78

 

LA FRAGILITÀ DELLA DEMOCRAZIA

Incontro a cura di Fabbrica Sociale del Teatro, Wonderland Festival e ADL a Zavidovici

 

intervengono

Roberto Cammarata Presidente del Consiglio Comunale

Annalisa Camilli Giornalista d’inchiesta, Internazionale

 

Un dialogo su quanto e come la democrazia sia messa in discussione ai giorni nostri, ponendo l’attenzione sull’importanza dell’arte per stimolare la riflessione e mantenere viva la memoria accendendo anche campanelli d’allarme nella cittadinanza. Nell’ultimo decennio gli artisti si sono sempre più interrogati sugli scenari sociopolitici diventando spesso degli attivisti. Qual è la loro visione? Che cosa stanno vedendo? Cosa ci racconta questo decennio tormentato?

Le democrazie stanno dando per scontati i propri valori, valori che le hanno fondate e che ora rischiano di essere persi. Anni di lotte e di conquiste sembrano messi in discussione creando instabilità e dando vita ad un circolo vizioso che mette a rischio la democrazia stessa.

 

Ingresso libero

info e prenotazioni [email protected] – 030 291592 – 339 2968449

 

 

 

18 novembre, ore 20:30

Der Mast

Via Giosuè Carducci, 17/E

 

DANZE DAL MONDO PER LA PACE

Paesi in pace, paesi in conflitto, uniti nelle tradizioni danzate

Spettacolo di danze tradizionali popolari internazionali promosso da APS il Salterio

 

Il gruppo di danza popolare Il Salterio nasce nel 1983 dall’incontro di persone interessate alla conoscenza e divulgazione della danza etnica di diverse tradizioni. L’obiettivo principale del gruppo è trasmettere attraverso la danza il carattere di festa tipico delle antiche sagre popolari e i valori appartenenti alle diverse culture, portando “in ogni piazza il mondo in movimento” con un messaggio di condivisione e solidarietà.

Lo spettacolo intende evidenziare che ogni paese, compresi quelli in conflitto tra loro, ha danze tradizionali per festeggiare le stesse occasioni e ricorrenze.

 

Ingresso libero

info www.ilsalterio.net – 327 7563452 – [email protected]

 

 

SABATO 19 NOVEMBRE

 

19 novembre, ore 10:00

Evento online su piattaforma Zoom

 

SEMI DI PACE E DI SPERANZA: UN ALTRO SGUARDO SUL FUTURO

La tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti

Dialogo a cura di Studio La Luce

in collaborazione con Associazione Fiducia e Libertà Carcere presieduta da Danila Biglino

e Casa Circondariale Nerio Fischione          

 

con

Jacqueline Morineau Centre de Médiation et de Formation à la Médiation di Parigi

Lia Sacerdote Associazione Bambinisenzasbarre

 

introduce

Alberto Giasanti Università degli Studi di Milano-Bicocca

 

modera

Annalisa Voltolini Responsabile Medicina di Genere ASST Spedali Civili di Brescia

 

con la partecipazione di

Francesca Paola Lucrezi Direttore della Casa Circondariale di Brescia

 

Un dialogo tra Jacqueline Morineau e Lia Sacerdote nell’ambito del progetto “Il dialogo e la serenità per un avvenire di pace con Jacqueline Morineau e la mediazione umanistica”. Saranno presenti i detenuti della Casa Circondariale Nerio Fischione.

 

Prenotazione obbligatoria entro venerdì 11 novembre: [email protected]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

19 novembre, ore 18:00

Mo.Ca, sala Amorini

Via Moretto, 78

 

Inaugurazione della mostra fotografica

CHI ACCOGLIE NON FA NOTIZIA

di Carlo Bianchetti

a cura di Collettivo Cuspide

 

Il fotografo ha documentato la situazione degli sbarchi sulle coste italiane, realtà dimenticata una volta fuori dai riflettori dei media, ma sempre presente per la popolazione del luogo. Bianchetti ha iniziato il suo viaggio da Lampedusa, forse la meta di sbarco più conosciuta e prima tappa di un percorso che lo ha portato a Roccella Jonica, Oulx, Claviere, Trieste e Trento. Il fotografo si è recato in queste località per ascoltare e raccontare con i suoi scatti le storie di questi luoghi e delle persone che li abitano e attraversano.

 

Nell’ambito della mostra

sabato 26 novembre, ore 16:00

Incontro con la scrittrice Antonella Iaschi

per la presentazione dei suoi lavori: L’isola del mondo indaco e il sogno di Seku, libro per bambini sul tema della mostra, e Non partite, che racconta la storia di Abate Diabate costretto a lasciare la Costa d’Avorio per trovare una vita migliore.

 

Ingresso libero

mostra aperta fino a domenica 27 novembre

dal martedì alla domenica ore 15:00 – 19:00

info [email protected]

prenotazioni per gruppi o visite scolastiche [email protected]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

19 novembre, ore 18:00

Teatro San Carlino

Corso Giacomo Matteotti, 6

 

È GIUSTO FINANZIARE UNA GUERRA GIUSTA?

Tavola rotonda a cura di Banca Etica

 

intervengono

Marco Piccolo Presidente di Fondazione Finanza Etica e componente del CDA di Banca Etica

Alice Pistolesi Giornalista e redattrice di Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo

Cecilia Strada Responsabile Comunicazione di ResQ People Saving People

Claudia Vago Autrice per la rivista Valori e Project Manager di Fondazione Finanza Etica

modera Francesco Zambelli InPrimis

 

I drammatici eventi di questo anno interrogano le nostre coscienze e ci portano a riflettere sulle non meno drammatiche situazioni che hanno messo alla prova la nostra umanità negli ultimi decenni. In un momento in cui non possiamo accontentarci di domande retoriche con risposte comode o scontate, vogliamo costruire un dialogo a più voci che ci permetta di approfondire le ragioni di scelte coraggiose.

 

Ingresso libero

info e prenotazioni [email protected] – 389 1704804

 

In concomitanza con la tavola rotonda, è allestita al Teatro San Carlino la mostra SENZATOMICA, curata dall’omonima organizzazione e dalla Rete Italiana Pace Disarmo.

La mostra ha lo scopo di generare consapevolezza sulla minaccia delle armi nucleari, rispondendo a domande quali: Quante sono le testate nucleari nel mondo? Quanto costa la loro gestione? Quali sono gli impatti sull’ambiente e sulla popolazione dei test nucleari? Quali banche sono coinvolte nel finanziamento delle armi nucleari?

La mostra è visitabile per tutto il mese di novembre presso la Filiale di Brescia di Banca Etica, in via Vittorio Veneto 5.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

19 novembre, ore 21:00

Der Mast

Via Giosuè Carducci, 17/E

 

SPERIMENTARE LA GESTIONE NONVIOLENTA DEI CONFLITTI

Spettacolo a cura degli studenti delle Scuole Superiori e dell’Università degli Studi di Brescia

promosso da U4P University for Peace – Università degli Studi di Brescia
con il sostegno di Gruppo A2A

 

Attraverso un percorso che include intelletto, pratica e soprattutto emozione, il pubblico verrà chiamato a riflettere sulle questioni della sostenibilità e le cause dei conflitti.

Lo spettacolo, realizzato secondo il metodo Theatre Teaches, mette in evidenza l’importanza del riciclo e dei comportamenti sostenibili a livello globale, per contrastare quei fenomeni che contribuiscono a peggiorare i conflitti internazionali.

Le tematiche del Festival della Pace e di University for Peace prenderanno voce sul palco grazie agli studenti e alle studentesse che saranno impegnati/e nei ruoli di scrittura, recitazione e scenografia.

 

Ingresso libero

info e prenotazioni [email protected][email protected]

www.unibs.it – www.theatreteaches.it

 

 

 

 

 

 

 

 

DOMENICA 20 NOVEMBRE

 

20 novembre

Chiesa dei SS. Cosma e Damiano

Via Fratelli Cairoli, 23

 

dalle ore 17:30

Concorso internazionale

UN POSTER PER LA PACE

Mostra degli elaborati

a cura di Lions Clubs International

 

Dal 1988 Lions Clubs International sostiene il concorso internazionale Un Poster per la Pace per far esprimere agli studenti fra gli 11 e 13 anni, attraverso il disegno, i loro sentimenti e la loro visione della pace come valore importantissimo nella vita quotidiana di una comunità.

Il concorso, proposto annualmente con un titolo sempre nuovo, vede l’adesione delle scuole di oltre 210 Paesi e si stima che più di 4 milioni di alunni, grazie alla guida dei docenti di materie artistiche, abbiano partecipato al concorso ed espresso con un poster la visione della pace da loro stessi elaborata.

Il tema dell’edizione 2022-2023 è “Guidare con compassione”.

I poster esposti in mostra sono stati esaminati da una giuria che ha scelto il migliore di ogni istituto.

 

ore 18:00

IL MONDO IN MUSICA

Coreografie e suoni per i diritti umani

Spettacolo promosso da Intermed Onlus

 

con Associazione Culturale Danzaviva

e il gruppo musicale Couleurs d’Afrique

 

Lo spettacolo focalizza l’attenzione sui Diritti dei bambini con la finalità di insegnare loro che la vera felicità si snoda attraverso diritti e doveri, per vivere con un ritmo inclusivo in grado di coinvolgere persone provenienti da tutti i luoghi del pianeta, senza distinzione di genere, religione, credo politico.

Attraverso la danza e la musica verrà coinvolto il pubblico, che potrà partecipare attivamente all’evento seguendo un ritmo talmente dirompente da abbracciare chiunque.

 

Ingresso libero

info 335 5423229 – www.intermed-olus.it

 

 

 

 

 

 

20 novembre, ore 20:45

Chiesa di San Giovanni Evangelista

Contrada San Giovanni, 12

 

LA MUSICA CHE UNISCE

Concerto corale e strumentale promosso da La Musica che Unisce APS

 

Coro ed ensemble vocale La Musica che unisce

Gérard Colombo Direttore

 

Nadia Engheben Soprano

Romina Tomasoni Mezzosoprano

Gabriele Levi Organo

Quartetto d’archi

 

In una società sempre più dominata dall’indifferenza e dall’individualismo, il canto corale aiuta a ritrovare la nostra umanità, a esprimere emozioni e sentimenti che creano relazioni.

È con questa convinzione che dal 2018 il M° Gérard Colombo, già artista del Coro del Teatro alla Scala, partecipa al Festival della Pace, con un concerto che è l’esito finale di un percorso laboratoriale di conoscenza dello strumento voce e di costruzione dello strumento corale.

 

Ingresso libero

LUNEDÌ 21 NOVEMBRE

 

21 novembre, ore 17.30

Teatro San Carlino

Corso Giacomo Matteotti, 6

 

VITALIANO FULCINITI

Presentazione del libro

OVUNQUE QUALCUNO

Storie di condivisione e accoglienza (Rubbettino, 2022)

 

dialoga con l’autore Massimo Venturelli La Voce del Popolo

 

La memoria è un percorso per unire piccoli eventi che scandiscono la nostra vita. Viviamo intensamente per produrre ricordi e per condividerli con parole e pause che tramandano un passato intensamente vissuto.

Il libro di Fulciniti non vuole insegnare nulla, ma tutto condividere perché ogni parola scritta sia ascoltata: ognuno di noi ha qualcosa da dire, da tramandare, ma se nessuno ascolta tutto si perde, come acqua che scorre senza meta. L’insieme dei racconti evidenzia scelte, sacrifici, illusioni di persone diverse che nella loro diversità ci fanno capire come sia importante costruire una vita senza mai abbandonare la speranza, la speranza di vivere per costruire. Ripensando all’acqua che scorre, accarezziamo l’idea che quest’acqua, come la vita, sia un po’ come la storia di un ruscello che nascendo scorra ovunque e ovunque caparbiamente s’alimenti per continuare a scorrere incessantemente per raggiungere un luogo in cui ogni singola goccia dia significato all’intero percorso.

 

Ingresso libero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

21 novembre, ore 18:45

Palazzo Loggia, Sala dei Giudici

Piazza della Loggia, 1

 

MARIANNA FILANDRI

Presentazione del libro

LAVORARE NON BASTA

Dentro le disuguaglianze del Paese (e d’Europa) alla ricerca di buone alternative

(Laterza, 2022)

promossa da Nuova Libreria Rinascita

 

dialogano con l’autrice

Thomas Bendinelli Corriere della Sera

Marco Fenaroli Assessore alle Politiche Sociali Comune di Brescia

 

Disoccupazione crescente, economia dei lavoretti, ruoli professionali sempre più precari e frammentati. Il lavoro non basta più: sono necessarie urgenti misure che restituiscano stabilità economica e, con questa, fiducia nel futuro.

Marianna Filandri insegna Sociologia delle disuguaglianze economiche e sociali e Analisi dei dati all’Università di Torino. I suoi principali interessi di ricerca riguardano le disuguaglianze sociali, in particolare negli ambiti della povertà, del lavoro e della casa.

 

Ingresso libero

info www.nlr.plus – 030 3755394

 

 

 

21 novembre, ore 20:30

Complesso San Cristo, Sala Romanino

Via Piamarta, 9

 

QUINTO / NON UCCIDERE. Don Mazzolari condanna la guerra

Lettura scenica a cura di Missione Oggi

 

di e con Luciano Bertoli

fisarmonica Davide Bonetti

introduce Mario Menin Direttore Missione Oggi

 

Primo vero formulatore di una nuova teologia della storia, Don Mazzolari condanna la guerra in modo assoluto e annuncia un pacifismo attivo e il coraggio di prendere posizione, sempre e comunque. Attingendo dai libri e dalle lettere del parroco di Bozzolo e alle testimonianze dirette di chi lo ha conosciuto da vicino, lo spettacolo vuole essere la testimonianza della vita di un uomo, utilizzando parole che furono sue.

 

Ingresso gratuito – prenotazione obbligatoria

030 3772780/1 – [email protected] – www.saveriani.it/missioneoggi

MARTEDÌ 22 NOVEMBRE

 

22 novembre, ore 14:15

Università degli Studi di Brescia, Salone Apollo

Piazza del Mercato, 15

 

PACE, RISORSE E AMBIENTE

Tavola rotonda a cura di U4P University for Peace – Università degli Studi di Brescia

 

intervengono

Jeffrey Sachs Direttore del Centro per lo Sviluppo Sostenibile della Columbia University e Presidente di UN SDSN, in collegamento

Raul Caruso Professore Ordinario di Politica Economica, UniCattMI

Alberto Pallecchi Program Manager, WRI Europe, in collegamento

modera

Sergio Vergalli Professore Ordinario di Politica Economica presso UniBS e Program director presso Fondazione Eni Enrico Mattei

 

La tavola rotonda ha l’obiettivo di analizzare attraverso una prospettiva economica la complessa relazione tra pace, risorse e ambiente. La disponibilità di risorse e le dinamiche climatiche rappresentano elementi cardine sia nell’insorgere di conflitti che nel favorire periodi di prosperità geopolitica ed economica. La comprensione di come tali fattori influenzino e supportino il perdurare della pace o possano destabilizzarla è fondamentale al fine di poter concepire un modello di sviluppo etico ed efficace.

 

Ingresso gratuito – iscrizione obbligatoria

Evento in modalità ibrida e in lingua inglese

per partecipare all’evento, sia in presenza che online, è necessario iscriversi al link bit.ly/pacerisorseambiente
info [email protected]

 

 

 

22 novembre, ore 17:45

Auditorium del Collegio Universitario Lucchini

Via Senatore Diogene Valotti, 3/C-D

 

IL RISCHIO NUCLARE: LA PAROLA ALLA SCIENZA

Tavola rotonda a cura di Associazione Cultura Libera Brescia

 

intervengono

Paolo Cotta-Ramusino Fisico, Docente di Matematica Fisica all’Università degli Studi di Milano, Ricercatore dell’Istituto Italiano di Fisica Nucleare, USPID Unione degli Scienziati Per il Disarmo

Marilù Chiofalo Fisica, Dipartimento di Fisica e Centro Interdisciplinare Scienze per la Pace Università di Pisa, Ricercatrice in tecnologie quantistiche, Divulgatrice, Associazione Donne e Scienza

Francesco Vignarca Astrofisico, Coordinatore Campagne della Rete Italiana Pace e Disarmo

coordina Massimo Lanzini Giornale di Brescia

 

La partecipazione di scienziati e scienziate permette di avvicinare con approccio scientifico il tema del rischio nucleare, purtroppo più che mai attuale, individuando in cosa effettivamente consista e affrontando il tema della responsabilità degli scienziati. La ricerca scientifica va salvaguardata e garantita; la consapevolezza dei suoi usi va altrettanto promossa.

 

Ingresso libero

info [email protected]

 

 

 

22 novembre, ore 18:00 e ore 20:45

Cinema Sociale

Via Felice Cavallotti, 20

 

ADA

In prima visione per Brescia

Proiezione del film di Kira Kovalenko (Russia, 2021, 97’)

Vincitore nella sezione Un certain regard al Festival di Cannes 2021

a cura di Cinema Sociale e Nuovo Mascherino circolo del cinema

 

A Mizur, piccola cittadina mineraria dell’Ossezia del Nord, la ventenne Ada è rimasta l’unica donna in famiglia: si prende cura del padre e del fratello adolescente ma progetta di fuggire da un contesto familiare schiacciante e soffocante. Ada è stato presentato al Festival di Cannes nel 2021, dove ha vinto il premio come migliore film nella sezione Un certain regard.

La regista Ada Kovalenko e il compagno Kantemir Balagov (regista di Tesnota e La ragazza di autunno) hanno lasciato la Russia dopo essere scesi a protestare contro l’invasione dell’Ucraina e sono attualmente negli Usa.

 

Ingresso 5

info www.nuovomascherino.org

MERCOLEDÌ 23 NOVEMBRE

 

23 novembre

Teatro Sant’Afra

Vicolo dell’Ortaglia, 6

 

ore 19:30

ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE: FEMMINILI PLURALI

La dimensione femminile del cambiamento, invisibile resistenza nel silenzio sociale

Conferenza e presentazione del libro 19 donne di Samar Yazbek (Sellerio, 2019)

a cura di Weare ODV

 

intervengono

Alberto Tortelli Frate guardiano del convento-chiesa San Francesco di Brescia

Antwan Misheal Al-Kabak e Tony Wassouf Studenti siriani ospiti della chiesa francescana

Enrico Vandini Presidente dell’Associazione Weare ODV

 

La marginalità sociale è una dimensione sempre più esperita, ovunque. Due soggetti particolarmente esposti, quali i migranti e le donne, si confrontano sul tema nelle sue componenti radicali per poter essere di riferimento a tutte le -storiche e nuove- marginalità che la quotidianità di sistema rende spesso invisibili. Un’invisibilità dolorosa.

 

 

a seguire, ore 20:30

RI_TRATTI

Spettacolo teatrale liberamente tratto da 19 donne di Samar Yazbek (Sellerio, 2019)

promosso da Weare ODV

 

di Valeria Lotta e Sabrina Corsini

con Alice Salogni Attrice

Hajar Ouhra, Ouafa Bakhouch, Salma Ejjet, Sarra Hnaien Studentesse

Federico Lotta Chitarra

Roberto Guarneri Voce e chitarra

Ghiath Kanaa Percussioni

 

La guerra in Siria, come tutte le guerre, è stata ed è un evento che ha generato e continua a generare vittime e profughi. Su questo tema vogliamo tornare con una nuova prospettiva, integrando alla ricostruzione documentaristica degli eventi, lo sguardo poetico di chi ha dovuto lasciare la propria terra. Ulteriore angolatura da cui ricostruiremo la situazione attuale è la narrazione delle nuove speranze, personali e sociali, con particolare attenzione alla dimensione femminile. La coralità dell’amore e della libertà cerca un pertugio praticabile nell’oblio generale.

 

Ingresso libero – prenotazione consigliata

[email protected] – 051 262392 – www.weareodv.org

GIOVEDÌ 24 NOVEMBRE

 

24 novembre, ore 18:00

Palazzo Broletto, Sala Sant’Agostino

Piazza Paolo VI, 29

 

I CONFLITTI CHE GENERANO CONFLITTO

Il Burkina Faso tra guerre, pandemia e insicurezza alimentare

Tavola rotonda promossa da Medicus Mundi Italia

 

intervengono

Giampiero Carosi Presidente Medicus Mundi Italia

Alberto Bigi Coordinatore delle attività di emergenza e resilienza della FAO in Africa

Virginio Pietra Medico, già Rappresentante Paese MMI Burkina Faso

modera Luciano Scalettari Famiglia Cristiana

 

Le conseguenze dei conflitti nel mondo ricadono sui contesti più vulnerabili e l’Africa, ancora una volta, è il continente più colpito. La regione del Sahel, caratterizzata da povertà cronica, ha visto un peggioramento della situazione di sicurezza. Negli ultimi anni l’accentuarsi della siccità, la pandemia e la guerra in Ucraina hanno ampliato le diseguaglianze, con forte impatto sulle condizioni di insicurezza alimentare.

Malgrado la crescente instabilità, MMI, attiva in Burkina dal 1997, continua a lavorare per migliorare l’accesso ai servizi di salute primaria e di lotta alla malnutrizione.

 

Ingresso libero

info www.medicusmundi.it – 030 6950381 – [email protected]

 

 

 

 

24 novembre, ore 20:30

Teatro San Carlino

Corso Giacomo Matteotti, 6

 

CAROVANA DEI DIRITTI BERGAMO-BRESCIA

Il Sistema Accoglienza e Integrazione incontra la cittadinanza

Incontro e concerto a cura di K-Pax e ADL a Zavidovici

 

I progetti del Sistema di Accoglienza e Integrazione delle città e delle province di Brescia e Bergamo inaugurano la Carovana dei Diritti, ciclo di iniziative di informazione e sensibilizzazione aventi per oggetto le migrazioni, il diritto d’asilo e la società multiculturale. Gli operatori, le operatrici, i beneficiari e le beneficiarie dei progetti SAI Brescia articolo 2 e Brescia Provincia Aperta incontrano la cittadinanza condividendo le loro storie professionali come “libri viventi”.

 

a seguire

ENCUENTROS

Concerto del gruppo interculturale Jamal Ouassini Ensemble Med

straordinario crogiolo di musiche mediterranee.

 

Ingresso libero

info www.k-pax.eu – www.adl-zavidovici.eu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VENERDÌ 25 NOVEMBRE

 

25 novembre, ore 10:30

Auditorium del Collegio Universitario Lucchini

Via Senatore Diogene Valotti, 3/C-D

 

UN MONDO SENZA PACE?

Due grandi esperti in dialogo su cause e conseguenze di mutamenti climatici, crisi economiche globali, conflitti internazionali

Conferenza a cura del Collegio Universitario Luigi Lucchini

 

intervengono

Grammenos Mastrojeni Diplomatico, Professore di Ambiente, risorse e geostrategia alla Ottawa University, Vicesegretario aggiunto dell’Unione per il Mediterraneo

Antonello Pasini Fisico climatologo del CNR, Professore di Fisica del clima all’Università degli Studi Roma Tre e di Sostenibilità ambientale – aspetti scientifici all’Università Gregoriana di Roma – in collegamento

 

coordina Carla Bisleri Direttore del Collegio Universitario Lucchini

 

Gli autori di Effetto guerra effetto serra (Chiarelettere, 2020), un analista diplomatico e un fisico del clima descrivono le correlazioni tra clima, conflitti e migrazioni e indicano la strada per gestire cooperativamente il futuro che ci aspetta.

 

Ingresso gratuito – prenotazione obbligatoria

[email protected] – 030 2010693 – www.collegiounibs.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

25 novembre, ore 18:00

Teatro Sant’Afra

Vicolo dell’Ortaglia, 6

 

LA LOTTA ALLE DISUGUAGLIANZE CONDOTTA DALLE ASSOCIAZIONI BRESCIANE

I media per un buon servizio alla città

Tavola rotonda a cura della Consulta per la Cooperazione e la Pace del Comune di Brescia

 

intervengono

Mario Rubagotti Coordinatore dell’Ufficio di Presidenza della Consulta per Cooperazione e la Pace del Comune di Brescia

Massimo Chiappa Presidente Medicus Mundi Italia, sezione di Brescia

Suor Enza Frignani Delegata per l’Europa dell’Ordine delle Suore Operaie, Referente per

l’Associazione Amici delle Suore Operaie

Alessandro Sette Operatore sociale dell’Associazione ADL a Zavidovici

Bruno Bedussi Presidente dell’associazione Amare

Simona Lavo Presidente dell’Associazione Aid For Education

 

Cinque progetti di cooperazione internazionale realizzati da alcune delle associazioni bresciane di volontariato internazionale con il sostegno della Consulta per la Cooperazione e la Pace. Brasile (Medicus Mundi Italia), Mali (Amici Delle Suore Operaie), Bosnia (ADL a Zavidovici) Etiopia (Amare) Pakistan (Aid For Education).

Le associazioni si raccontano illustrando le loro attività, la Consulta presenta il suo blog, ovvero la piattaforma creata per amplificare la narrazione collettiva delle organizzazioni aderenti.

 

Ingresso libero

info 030 2312084

 

 

 

25 novembre 2022, ore 20:45

Gussago, Biblioteca Comunale Carlo Bonometti

Piazza San Lorenzo, 9

 

BARBARA CASSIOLI

Presentazione del libro

DI QUESTI TEMPI. Da Bologna a Lampedusa senza soldi alla ricerca di storie di cambiamento (Alpine Studio, 2020)

a cura del Comune di Gussago e della Biblioteca Comunale Carlo Bonometti

 

La storia di un viaggio in solitaria, intrapreso senza soldi, da Livergnano a Lampedusa, alla ricerca di forme di vita comunitaria, storie di cambiamento e ispirazione, finanziando Mediterranea Saving Humans.

 

Ingresso libero

info e prenotazioni 030 2770885 – [email protected]

SABATO 26 NOVEMBRE

 

26 novembre, ore 15:00

Chiesa Evangelica, Valdese e Metodista

Via dei Mille, 4

 

GIOVANI DIALOGHI

Parole di guerra, parole di pace

Laboratorio/spettacolo a cura di Associazione culturale DÓSTI – Festival delle Arti e Culture Religiose in collaborazione con Chiesa Evangelica, Valdese e Metodista di Brescia e Centro Culturale Islamico di Brescia

 

con Antonio Viceconte, Michele Lobaccaro, Don Fabio Corazzina, i giovani di Dòsti

 

L’incontro pubblico si svolge in un luogo di culto protestante; sono invitati giovani maschi e femmine, credenti e non credenti, rappresentanti di diverse convinzioni e religioni presenti a Brescia (cattolicesimo, islam, sikhismo, ebraismo, cristianesimo ortodosso, protestantesimo, induismo, buddismo…). Con la guida di un moderatore i giovani rispondono alla domanda “Come si esprime la tua religione a proposito della pace? E quale giudizio dà della guerra?”
In una discussione corale, con intermezzi musicali a cura della Orchestra Interreligiosa Dòsti, i giovani si passano la parola. L’evento si conclude con una riflessione di Don Fabio Corazzina.

 

Ingresso libero – prenotazione consigliata

[email protected] – www.dosti.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

26 novembre, ore 20:00

Chiesa di Santa Maria del Carmine

Contrada del Carmine

 

EVENTO DI CHIUSURA DEL FESTIVAL DELLA PACE

A MASS FOR PEACE 

Una produzione Filarmonica del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo

 

Sir Karl Jenkins 

THE ARMED MAN – A MASS FOR PEACE 

Opera multimediale per soli, coro e orchestra 

Filarmonica del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo

Pier Carlo Orizio Direttore

Coro misto del Conservatorio di Brescia

Coro Marenzio
Chorus universitatis Brixiae

Silvio Baracco Maestro del coro

 

Grande evento di chiusura del Festival della Pace 2022 che coinvolge 150 elementi.

Per la prima volta a Brescia un inno alla pace interculturale e multireligioso che abbraccia le vittime di tutte le guerre.

Composta nel 2000, The Armed Man ricalca la struttura di una messa e si caratterizza per la fusione di identità musicali differenti, con sonorità insolite e originali che mescolano antico e moderno, oriente e occidente. Sir Karl Jenkins, il compositore contemporaneo più eseguito al mondo, dedica l’opera alle vittime della guerra in Kosovo. Un testo che unisce poesia e fedi diverse: molteplici i riferimenti al cattolicesimo, all’islamismo, fino a toccare l’induismo.

 

Ingresso libero 

info www.filarmonicadelfestival.it

 

In preparazione all’evento è collegata l’iniziativa

Aspettando A Mass For Peace . Passeggiate letterarie  

Itinerari nel centro storico a cura di Cieli Vibranti

nei giorni 24 e 25 novembre, ore 18:00

e 26 novembre, ore 16:00 

 

Tre itinerari alla scoperta della città e della sua storia ispirati dai temi dell’opera di Jenkins: sacro e profano, identità e multiculturalità, antico e moderno. Meta conclusiva di ogni passeggiata la Chiesa di S. Maria del Carmine, per una lettura a tema accompagnata dalla musica di The Armed Man – A Mass for Peace.

 

 

 

RAGAZZə E SCUOLE
Attività e iniziative

VICTORIA LOMASKO. THE LAST SOVIET ARTIST

 

Museo di Santa Giulia

Via Musei 81/b

VICTORIA LOMASKO. THE LAST SOVIET ARTIST

a cura di Elettra Stamboulis

promossa da Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei

 

VISITE GUIDATE

a cura dei Servizi educativi di Fondazione Brescia Musei

domenica 13 e 20 novembre, ore 11:00

giovedì 17 e 24 novembre, ore 16:30

 

LABORATORI

Cartoline dalla Russia

sabato 12 e 26 novembre, ore 15.30 per famiglie con bambini e bambine dagli 8 anni

 

per tutte le attività è richiesta la prenotazione

CUP 030 2977833/834 – [email protected]

costi di visite e laboratori: € 4 cad. contributo attività famiglie e visite guidate adulti

 

ATTIVITÀ PER LE SCUOLE

 

The Last Soviet Artist

Visita guidata per Scuole Secondarie di 1° e 2° grado

La ricerca artistica di Victoria Lomasko permette di ripercorrere la storia sociale e politica della Russia dal 2011 a oggi: dalle manifestazioni anti Putin alle rappresentazioni della “profonda Russia”, quella dei dimenticati e marginali, che da sempre costituiscono i suoi soggetti preferiti.

 

Raccontare la cronaca

Laboratorio per Scuole Secondarie di 1° e 2° grado

Partendo da immagini di cronaca, in laboratorio si sperimenterà lo stile della Lomasko fatto di colori saturi e segni netti e puliti. Con l’ausilio di carta da lucido e strumenti grafici scopriremo cosa significa raccontare la cronaca per immagini, estrapolando dalle fotografie date, gli elementi salienti e simbolici che si desidera mettere in evidenza.

 

informazioni e prenotazioni

CUP 030 2977833/834 – [email protected]

contributo di partecipazione € 2 cad. per tutta la durata del Festival della Pace.

Gratuità per 2 insegnanti accompagnatori.

 

 

 

LABORATORI DI FILOSOFIA

a cura di Perimetri

 

Spazio comunità Mics

Via Milano, 105/Q

 

19 novembre, ore 15:30

FACCIAMO LA PACE?

Laboratorio di filosofia per bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni

 

20 novembre, ore 10:30

PERCHE’ GLI UOMINI FANNO LA GUERRA?

Laboratorio di filosofia per ragazzi di età compresa tra i 12 e i 15 anni

 

A partire dalla domanda del laboratorio I/le partecipanti si confrontano attraverso un dialogo attivo, stimolando la capacità di ascolto, le competenze logico-argomentative e lo spirito critico.

 

Partecipazione gratuita – prenotazione obbligatoria

[email protected] – 333 7306035

 

 

PROGETTO SCUOLE

Con la collaborazione di Ufficio Scolastico Territoriale di Brescia

 

GIORNALISTI DI PACE

Laboratorio per le Scuole Secondarie di Secondo grado

a cura di Associazione Culturale inPrimis, Bresciagiovani, Commissione Scuola ANPI Dolores Abbiati

 

Un gruppo di giovani reporter delle scuole medie superiori bresciane è stato formato in un percorso di incontri teorici e pratici per imparare a elaborare podcast che raccolgano e diffondano i contenuti del Festival della Pace. Il podcast sarà disponibile sulle principali piattaforme e sul sito del Festival.

 

info 393 0173695 – [email protected]

 

 

lunedì 14 novembre, ore 9:00 e venerdì 18 novembre, ore 9.00

Istituto Superiore Piero Sraffa, Aula Magna 

Via Daniele Comboni, 6

 

IN CAMMINO VERSO L’ ARMONIA 

Laboratori di pace riservati a studenti/esse del IV e V anno

a cura di Studio La Luce in collaborazione con Istituto Superiore Piero Sraffa

Antonella Tosi Formatrice per la Mediazione Umanistica dei Conflitti (Modello Jacqueline Morineau)

Eugenia Favretto Formatrice e Mediatrice Comunitaria con competenze specifiche in Mediazione Umanistica (Modello Jacqueline Morineau)

 

I laboratori hanno l’obiettivo di far sperimentare agli studenti la loro capacità di problem solving, di sviluppare competenze per l’individuazione e la concretizzazione di soluzioni pacifiche di fronte a conflitti di ogni genere e di evidenziare come il momento della “crisi” possa essere occasione di un processo evolutivo, concentrando l’attenzione dei ragazzi sulle capacità trasformative proprie di ciascun individuo in merito alle relazioni umane e ai conflitti che da esse derivano.

venerdì 18 novembre, ore 9:00

Liceo Guido Carli

Via Stretta, 175

 

FRAGILITÀ E FUTURO DELLA DEMOCRAZIA

Incontro a cura di Fabbrica Sociale del Teatro, Wonderland Festival e ADL a Zavidovici

intervengono

Roberto Cammarata Presidente del Consiglio Comunale

Annalisa Camilli Giornalista d’inchiesta – Internazionale

Marco Deriu Università degli Studi di Parma, Autore del volume “Rigenerazione. Per una democrazia capace di futuro” (Castelvecchi, 2022)

 

 

sabato 19 Novembre, ore 9:00 e ore 11:00

I.I.S.S. Camillo Golgi, Sala Audiovisivi

Via Rodi, 16

 

ANCORA MI RIALZO – BIANCO COME DIO

Spettacolo teatrale per Scuole Secondarie di 1° e 2° grado

promosso da Associazione di Promozione Sociale Teatro Laboratorio

di e con Alessandra Domeneghini – regia di Sergio Mascherpa

 

Lo spettacolo è basato sul libro che racconta i primi anni di impegno di Nicolò Govoni nell’orfanotrofio in India e si chiude con una parte dedicata all’organizzazione Still I Rise. L’accento è posto sulle scelte che fanno di noi quello che siamo, sulla possibilità di riscattarsi sempre, anche quando da ragazzini possiamo aver perso la fiducia in noi stessi e aver creduto di non avere valore, sull’importanza di restare aperti ai cambiamenti, agli altri e di impegnarci nel sociale, di accorgerci di tutto ciò che ci circonda.

 

ingresso gratuito

info 030 302696 – www.teatrolaboratoriobrescia.net

 

 

mercoledì 23 novembre, Istituto Comprensivo Luigi Einaudi, Sale Marasino (BS)

venerdì 25 novembre, Istituto Comprensivo Franchi Sud 2, Brescia, Villaggio Sereno

 

AH… L’ECONOMIA!

Spettacolo teatrale interattivo seguito da attività di laboratorio

riservato alle Scuole Secondarie di Primo grado

a cura di Cicogne Teatro Arte Musica

di Claudio Simeone – con Roberto Capo, Abderrahim El Hadiri, Marcelo Solla

 

Che cos’è l’economia? Quanto incidono le risorse, la loro distribuzione e il loro uso sugli squilibri sociali, strutturali e ambientali? E quali sono le conseguenze concrete nella vita quotidiana? Un bizzarro insegnante e i suoi assistenti rispondono a queste domande, coinvolgendo il pubblico in una singolare lezione in cui le informazioni tecniche e le testimonianze, a volte brutali, si alternano a momenti di gioco, musica e invenzione.

 

Ingresso gratuito

info [email protected] – www.cicogneteatro.com

FESTIVAL DELLA PACE 2022
info e contatti

 

Coordinamento Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale di Brescia

Collaborazione Associazione Culturale Visionaria

Progetto grafico e web studionoise.it

Ospitalità e viaggi a cura di Mistral Cooperativa Sociale Onlus

 

contatti

 

[email protected]

 

Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale di Brescia

030 2977350

 

Associazione Visionaria

Anna Berna 340 9715398

Sonia Mangoni 339 5354340

Alessandro Pasini 3481464313

 

www.festivaldellapace.it

facebook: Festival della Pace Brescia

instagram: @festivaldellapace

 

 

 

 

 

 

 

 

L’ingresso libero è consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili

Il programma può subire variazioni

 

 


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome