🔴 Gussago, i vandali distruggono l’opera di Friso, ma la fototrappola li incastra: “conto da 50.000 euro”

Il gallerista Marchina annuncia la richiesta di danni agli autori del gesto, precisando che il risarcimento sarà devoluto alle famiglie bisognose della comunità

0
L'opera di Joahn Friso distrutta a Gussago, foto da Marchina

Vandali in azione, ad Halloween, a Gussago. Qui, infatti, mani ignote hanno distrutto l’opera che l’artista Johan Friso aveva regalato al Comune, posizionata nella frazione di Ronco sulla curva per il ristorante Bombaglio.

Le immagini diffuse dal gallerista Ettore Marchina sui social parlano chiaro e mostrano la statua (raffigurante la sofferenza di una madre che vede volare in cielo il proprio figlio) distrutta a terra.

Ma i vandali, stavolta, hanno le ore contate. I loro volti e il loro blitz, infatti, sarebbero stati immortalati da una fototrappola a vibrazione che l’artista (fresco vincitore del premio Modigliani) aveva inserito nell’opera.

“Mercoledì (oggi 2 novembre 2022, ndr) – ha commentato Marchina – verrà depositata una denuncia ai Carabinieri di Gussago, con il magnificentissimo ritratto dei bulli sfigati del nostro paese. Dopo il loro lavoro, avviserò della situazione gli assistenti sociali che proseguiranno per legge ad attuare una serie di indagini sui loro genitori. Dulcis in fundo, una lieve richiesta alle loro famiglie di 50.000 eurini, per danni, mi pare equa. Risarcimento che sarà devoluto alle famiglie bisognose della nostra Comunità”.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome