🔴 Ordine dei sanitari e contrari al vaccino: già reintegrati i 65 bresciani sospesi

Peroni e le sedi dello stesso ordine, negli scorsi mesi, erano stati ripetutamente oggetto di attacchi e minacce da parte dei NoVax

0
Vandali contro la sede dell'ordine dei sanitari, elaborazione grafica BsNews.it su immagine ufficio stampa

La decisione del governo continua a suscitare polemiche. Ma tutti si sono dovuti adeguare. Anche l’Ordine delle Professioni Sanitarie di Brescia (TSRM-PSTRP) – dopo aver recepito il Decreto del Consiglio dei Ministri DL 162 del 31 ottobre 2022 – nella mattinata del primo novembre ha inoltrato tramite Pec l’informativa della “cancellazione della sospensione” a tutti coloro che erano stati fermati perché si erano rifiutati di fare il vaccino contro il Coronavirus.

La piattaforma – informa una nota dell’ordine guidato da Luigi Peroni – è già stata modificata, pertanto tutti i  65 sospesi risultano nuovamente iscritti all’Ordine.

L’ordine bresciano non commenta la decisione presa da Roma (contestata, invece, dalla gran parte del mondo medico), ma di certo il reintegro suona a molti come una beffa rispetto alle sofferenze patite negli ultimi mesi per colpa degli antivaccinisti: Peroni e le sedi dello stesso ordine, infatti, erano stati ripetutamente oggetto di attacchi e minacce da parte dei NoVax. La stessa sede bresciana è rimasta chiusa per mesi per paura di aggressioni.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome