Brescia, ristoratore africano di nuovo in carcere: in cantina aveva mezzo chilo di cocaina

Il 48enne, appunto già noto alle forze dell'ordine, sarebbe stato beccato nei pressi dello stesso ristorante mentre pare fosse intento a vendere una dose di droga ad un cliente

0
Polizia Locale Brescia - foto redazione Bsnews.it
Polizia Locale Brescia - foto redazione Bsnews.it

Sembra non voler perdere il vizio l’uomo, titolare di un ristorante africano nel quartiere Carmine nel centro storico di Brescia, arrestato nella serata di martedì dagli agenti della polizia locale.

Il ristoratore di origine nordafricana pare fosse già stato arrestato due volte nel 2018 per spaccio di sostanze stupefacenti all’interno del suo locale, chiuso proprio per tale ragione.

Il 48enne, appunto già noto alle forze dell’ordine, sarebbe stato beccato nei pressi dello stesso ristorante mentre pare fosse intento a vendere una dose di droga ad un cliente. A quel punto gli agenti sarebbero entrati in azione e sarebbe scattata la perquisizione: il cittadino straniero sarebbe stato trovato con circa 20 grammi di cocaina addosso, mentre nella cantina dell’abitazione sono stati trovati circa 500 grammi della stessa sostanza. Il pusher è stato trasferito al carcere Nerio Fischione e si attende la convalida dell’arresto.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome