🔴 “Spese pazze in Regione”: annullate le condanne a Peroni, Rizzi, Marelli, Toscani e Moretti

La condanna di Gianmarco Quadrini è stata annullata per i fatti antecedenti al 2019 e annullata con rinvio in appello per i successivi

0
Margherita Peroni
Margherita Peroni, foto da Mcl

Sono state annullate le condanne a carico dei consiglieri regionali bresciani coinvolti nel caso delle cosiddette “spese pazze” che sarebbero state effettuate da alcuni tra il 2008 e il 2012.

La sentenza è arrivata nella serata di ieri e si somma a quelle che aveva già portato in precedenza ad archiviare le posizioni degli assessori bresciani o annullarne le condanne per vizi. Stavolta ad essere annullate (per lesione del diritto alla difesa e intervenuta prescrizione) sono state le sentenze a carico dei consiglieri Margherita Peroni, Monica Rizzi, Alessandro Marelli, Enio Moretti e Pierluigi Toscani. Mentre la condanna di Gianmarco Quadrini è stata annullata per i fatti antecedenti al 2019 e annullata con rinvio in appello per i successivi.

“A dieci anni dai fatti, dopo un lungo processo, finalmente è stata fatta giustizia – commenta Luigi Maione, legale di Margherita Peroni – in questo lungo percorso Peroni è sempre stata presente e consapevole della propria innocenza: ora la Cassazione le ha reso giustizia. I diritti della difesa – precisa – sono stati lesi durante il processo ed è per questo che la sentenza è stata annullata”.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome