Bracconaggio, 141 denunce un arresto in un mese nel Bresciano

Diversi i casi recidivi che, uniti ai numeri che danno conto del fenomeno, testimoniano, purtroppo, l'indifferenza nei confronti delle regole del settore e della tutela degli animali

0
bracconaggio - foto WWF Lombardia
Bracconaggio, foto genericad'archivio WWF Lombardia

Centoquarantuno denunce e un arresto in un mese: è l’esito dell’operazione antibracconaggio condotta dai carabinieri forestali della Sezione Operativa Antibracconaggio e Reati in danno degli Animali nel Bresciano.

Si tratta nella maggior parte dei casi di cacciatori beccati con richiami illegali e persino vivi utilizzati per uccidere esemplari di specie protette.

Le attività dei forestali hanno consentito di fermare allevatori abusivi e bracconieri che avevano realizzato sui terreni di loro pertinenza roccoli seminascosti utili alla cattura di avifauna migratoria viva con decine di animali da richiamo pronti per essere immessi sul mercato nero. Diversi i casi recidivi che, uniti ai numeri che danno conto del fenomeno, testimoniano, purtroppo, l’indifferenza nei confronti delle regole del settore e della tutela degli animali.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome