🔴 Montirone, tomba profanata dai ladri per rubare gioielli e denaro

A un paio d'anni dal caso dei furti al cimitero di Calcinato, che aveva portato a ipotizzare una faida tra famiglie rom, tornano i profanatori di tombe nel Bresciano.

0
Cimitero di Montirone, foto da Google Maps

A un paio d’anni dal caso dei furti al cimitero di Calcinato, che aveva portato a ipotizzare una faida tra famiglie rom, tornano i ladri profanatori di tombe nel Bresciano.

E’ accaduto a Montirone e stavolta ad essere violata è stata la sepoltura di un 28enne (sempre di origine rom), che era morto nel 2010 e all’epoca risiedeva nel campo nomadi allestito abusivamente sul territorio e poi smantellato. A scoprire la sepoltura aperta (con la bara scoperchiata), ieri mattina, è stato un visitatore.

Ad attirare i ladri, probabilmente, è stato il “ricco” corredo con cui era stato sepolto il giovane, secondo la tradizione rom: gioielli, banconote e quanto era con lui al momento del decesso. Mentre – secondo quanto riporta l’edizione odierna di Bresciaoggi – sono stati lasciati sul posto altri oggetti, creme e un cellulare.

Sul furto indagano i carabinieri della stazione di San Zeno. La speranza è che le telecamere di videosorveglianza della zona possano aiutare a dare un nome ai colpevoli.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome