🟢 Palazzolo, il Comune stanzia 50.000 euro per chi fatica a pagare le bollette

Nello specifico, i cittadini che vorranno usufruire di questo aiuto economico avranno tempo fino al 4 gennaio per fare richiesta. Potranno presentarla i residenti nel Comune di Palazzolo sull’Oglio (che vivono qui almeno dal 23 maggio 2022) e che hanno un reddito ISEE in corso di validità, riferito al nucleo familiare, non superiore a 26mila euro annui

0
Foto generica da Pixabay

Un fondo straordinario di 50mila euro da mettere a disposizione dei cittadini in difficoltà per fronteggiare gli aumenti delle bollette dell’energia elettrica. È quello che ha approvato la Giunta del Sindaco Gianmarco Cossandi – in particolare, l’Assessorato ai Servizi Sociali – per offrire un aiuto concreto ai palazzolesi in questa delicata congiuntura economica, stanziando risorse proprie comunali allo scopo. Infatti, la crisi energetica degli ultimi mesi, connessa agli eventi bellici ancora in corso, si sta traducendo in un incremento dei costi a carico dei cittadini sia per quanto riguarda l’uso dell’energia elettrica, sia per il gas: servizi assolutamente essenziali, a maggior ragione nella stagione invernale.

Perciò, in coerenza con il programma di mandato, l’Amministrazione Comunale ha deciso di mettere in campo le risorse al momento possibili per sostenere i cittadini in difficoltà. Nello specifico, i cittadini che vorranno usufruire di questo aiuto economico avranno tempo fino al 4 gennaio per fare richiesta. Potranno presentarla i residenti nel Comune di Palazzolo sull’Oglio (che vivono qui almeno dal 23 maggio 2022) e che hanno un reddito ISEE in corso di validità, riferito al nucleo familiare, non superiore a 26mila euro annui. La richiesta potrà essere presentata mediante lo specifico modulo scaricabile dal sito del Comune (https://bit.ly/3ijr3bv) e l’istanza dovrà essere inviata esclusivamente via mail ([email protected]).

Per informazioni è possibile contattare l’Ufficio Servizi Sociali (030.7405545 – 030.7405554 – 030.7405501).

«Nonostante anche il Comune sia colpito da pesanti rincari e debba farsi carico di costi in continuo aumento sulle proprie strutture, come Amministrazione vogliamo fare ciò che è nelle nostre possibilità per aiutare i palazzolesi alle prese con questa nuova crisi, in continuità con quanto già fatto in passato durante la pandemia – ha commentato il Sindaco Gianmarco Cossandi -. Essere riusciti a stanziare 50mila euro di fondi comunali va in questa direzione. Pur nelle limitazioni del nostro bilancio, valuteremo in futuro, se del caso, ulteriori interventi nella speranza che aiuti di sostanza possano arrivare anche dal livello statale per scongiurare il rischio che servizi fondamentali possano essere messi in difficoltà».

«Stiamo vivendo tempi oggettivamente critici: dopo le difficoltà globali nate in seguito alla pandemia, l’aggressione della Russia all’Ucraina ha generato un nuovo scenario mondiale di incertezza che ci influenza tutti – hanno commentato congiuntamente l’assessora Ombretta Pedercini e l’assessore al Bilancio, Matteo Gatto –. Anche le Amministrazioni sono in difficoltà, perché i rincari energetici e gli impedimenti negli approvvigionamenti delle materie prime riguardano anche i Comuni. Tuttavia, come in altri casi, anche in questo vogliamo fare ciò che è possibile per stare al fianco di chi, tra i palazzolesi, subisce di più gli effetti di questa nuova crisi, tra cui famiglie, anziani e giovani».


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome