🔴 Trattori a ruba… nel bresciano più di un furto alla settimana

Come prima contromisura, prefettura, questura e forze dell'ordine hanno deciso di dar vita a una unità di crisi per prevenire il fenomeno (anche con incontri con gli agricoltori per definire misure protettive) e assicurare i responsabili alla giustizia

0
Agricoltura, foto generica da Pixabay

I trattori nel Bresciano vanno letteralmente a ruba. A dirlo sono i numeri, in continua crescita, degli episodi di sottrazione di mezzi agricoli nella nostra provincia: ben 12 negli ultimi due mesi, con una media di oltre un furto alla settimana, secondo i dati diffusi da Copagri.

La leonessa, come noto, è una delle principali realtà agricole della Lombardia e d’Italia, con migliaia di aziende attive. Ma i furti di trattori e altri mezzi stanno notevolmente aumentando (nell’ultimo colpo il bottino è stato di ben 120mila euro) e il sospetto è che vi siano una o più bande specializzate che imperversano nella Bassa.

Come prima contromisura, prefettura, questura e forze dell’ordine hanno deciso di dar vita a una unità di crisi per prevenire il fenomeno (anche con incontri con gli agricoltori per definire misure protettive) e assicurare il prima possibile i responsabili alla giustizia.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome