⚫ Manerba, si è spento Antonio D’Amico: ultimo compagno di Gianni Versace

Il testamento di Versace, informa Wikipedia, lasciò a D'Amico un vitalizio di 50 milioni di lire al mese (25.820€) e il diritto di vivere nelle case già di Versace in Italia e negli Usa. Ma D'Amico aveva rinunciato al diritto e si era fatto liquidare anticipatamente parte di quanto definito: con quei soldi fondò la sua casa di moda. 

0
Antonio D'Amico, foto da Wikipedia - Cristina ghisolfi, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

È morto nella notte Antonio D’Amico, stilista ed ex compagno “storico” di Gianni Versace: una relazione iniziata nel 1982 e durata fino al 1997, quando Versace era morto. Di origini pugliesi, D’Amico aveva vissuto sul lago di Garda, a Manerba, dal 2002 al 2007 (dove aveva gestito con altri il ristorante La Caera). Lì è tornato poi ed è deceduto al termine di una lunga malattia.

Classe 1959, in questo periodo ha sempre dato a tutti un esempio di forza e coraggio, tanto che soltanto un anno fa aveva inaugurato la sua nuova linea di abiti sartoriali “Principe di Ragada”. A darne la notizia è stato stamane il suo manager/amico Rody Mirri in un post su Instagram.

Il testamento di Versace, informa Wikipedia, lasciò a D’Amico un vitalizio di 50 milioni di lire al mese (25.820€) e il diritto di vivere nelle case già di Versace in Italia e negli Usa. Ma D’Amico aveva rinunciato al diritto e si era fatto liquidare anticipatamente parte di quanto definito: con quei soldi fondò la sua casa di moda.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome