🔴 Rezzato, si fingono sordomuti per raccogliere soldi: scoperta la truffa

Tutti e tre sono stati denunciati per accattonaggio con modalità vessatorie o simulando deformità o malattie o attraverso il ricorso a mezzi fraudolenti per destare l'altrui pietà

0
Polizia locale, foto d'archivio

Si avvicinavano alle persone chiedendo loro denaro per sostenere le attività di un’organizzazione benefica fingendosi sordomuti. È accaduto a Rezzato, nella provincia bresciana: protagonisti due giovani di minore età, 15 e 16 anni secondo quanto riportano fonti locali, residenti in Romania e domiciliati a Bologna. La coppia, che si è scoperto poi essere istigata da un adulto, aveva già inscenato la truffa ai danni di alcuni cittadini quando è stata interpellata la Polizia Locale di Rezzato. Gli agenti sono riusciti ad individuare i due, che si erano procurati anche una brochure dell’organizzazione per rendere più veritiera la loro storia. Grazie alla segnalazione di alcuni cittadini insospettiti dall’atteggiamento della coppia, si è potuto scoprire che si trattasse di una vera e propria truffa. I due minori, tenuti sott’occhio a distanza dal padre di uno di loro, avevano già raccolto circa 130 euro. Tutti e tre,  sono stati denunciati per accattonaggio con modalità vessatorie o simulando deformità o malattie o attraverso il ricorso a mezzi fraudolenti per destare l’altrui pietà.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome