Protezione animali, alla scoperta dell’ENPA: la più antica associazione italiana

Quando si parla di protezione, uno dei primi rimandi è diretto agli essere umani, ai più fragili, a prescindere che siano uomini, donne, bambini oppure anziani. Però, la protezione la meritano anche altri esseri viventi, che non sono dotati della parola ma hanno un’anima, che non svolgono mansioni volte a contribuire al sostentamento dell’economia di un Paese ma, in compenso, svolgono la mansione di donare tanto affetto, stiamo parlando degli animali.

0
Canile, foto generica da Pixabay

Quando si parla di protezione, uno dei primi rimandi è diretto agli essere umani, ai più fragili, a prescindere che siano uomini, donne, bambini oppure anziani. Però, la protezione la meritano anche altri esseri viventi, che non sono dotati della parola ma hanno un’anima, che non svolgono mansioni volte a contribuire al sostentamento dell’economia di un Paese ma, in compenso, svolgono la mansione di donare tanto affetto, stiamo parlando degli animali.

Qualsiasi tipo di animale, a quattro zampe come i cari amici che abitano le case degli italiani ovvero cani e gatti o conigli, oppure a due zampe che popolano tante fattorie o agriturismi oppure campagne del Paese come, ad esempio, i polli insieme ad altri quadrupedi estremamente utili per il settore primario ovvero l’allevamento come capre, mucche, ecc.

Per la loro protezione, l’Italia verso la fine dell’800 ha istituito la Società Reale per la Protezione degli Animali che, ad oggi, si chiama ENPA, ovvero l’Ente Nazionale Protezione Animali. È un Ente che si occupa e si batte per la difesa di tutti gli animali. Vediamo la sua storia. Però, prima di continuare è bene sapere che per non perdere mai alcuna notizia si può consultare https://www.subito.news/protezione-animale/

Società Reale per la Protezione degli Animali

Come già detto, si chiamava così la più antica associazione animalista italiana che risale, difatti, al 1° aprile 1871, anno della sua fondazione. La sua nascita si deve ad una nobildonna inglese, Lady Anna Winter, che chiese al suo medico che operava a Torino di istituire proprio una società che si occupasse della protezione degli animali e così fece.

Nasce così la Società Reale per la Protezione degli Animali, sotto il regime di Giuseppe Garibaldi che viene proclamato socio fondatore e la Winter come presidente onorario. Da oramai oltre 150 anni il ruolo di quell’associazione è fondamentale ed offre costantemente supporto pratico a tutti gli animali bisognosi.

Cosa fa l’ENPA e quando rivolgersi

L’ENPA rientra, quindi, nelle associazioni animaliste italiane più antiche, longeve e importanti del nostro territorio. È diffusa in modo capillare su tutta l’Italia e tra i suoi obiettivi principali c’è quello di vigilare attentamente sull’osservanza delle leggi e regolamenti inerenti alla protezione degli animali. Nessuno è escluso, infatti si impegna a vigilare su tutte le norme che riguardano anche l’esercizio di caccia e pesca.

Come Ente si impegna anche a sensibilizzare tutti gli individui al rispetto e all’amore verso gli animali e la natura. Inoltre, svolge un lavoro impeccabile in ambito di soccorso e difesa degli animali. Ci si può rivolgere all’ENPA per chiedere aiuto e si riceverà risposta diretta e celere oltre ad un tempestivo soccorso, in base alle situazioni.

Bisognerà rivolgersi all’ENPA in tutti quei casi in cui si sospettino o siano già evidenti dei maltrattamenti su qualsiasi animale. L’Ente interverrà per effettuare maggiori e approfonditi controlli. Saranno necessarie, se non vitali, le segnalazioni in tutti quei casi in cui ci si trovi ad essere testimoni di episodi di violenza oppure in tutti quei casi in cui un animale risulti potenzialmente smarrito o abbandonato.

Ci si potrà rivolgere all’ENPA tramite il mezzo dell’e-mail oppure tramite il proprio cellulare. La sezione locale più vicina prenderà in carico la segnalazione o la richiesta di aiuto. È fondamentale precisare, però, che ogni essere umano deve impegnarsi al rispetto di un altro essere vivente, in questo caso un animale, per civiltà e rispetto verso la vita.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome