Desenzano, non si placa la polemica per le nuove scuole al Parco del laghetto

A Capdanno, nell'area del cantiere sono comparsi scritte e striscioni ("Verde, no cemento", "Qui parco, no scuola", "Malinverno vergogna") anonimi contro le nuove scuole.

0
Guido Malinverno
Guido Malinverno, foto da profilo ufficiale

Continuano a Desenzano le polemiche per la nuova scuola voluta dall’amministrazione nell’area adiacente al parco del Laghetto, di fronte al Penny Market. Un progetto duramente contestato dalle minoranze, che hanno raccolto migliaia di firme parlando di localizzazione sbagliata perché “al confine del bacino di utenza, troppo vicino all’altra scuola media, in un’area angusta e in zona già troppo trafficata”.

Nella notte di Capdanno, poi, sull’area del cantiere sono comparsi striscioni e scritte (“Verde, no cemento”, “Qui parco, no scuola”, “Malinverno vergogna”) anonimi contro le nuove scuole. Ovviamente subito rimossi dagli operai.

Il progetto, lo ricordiamo, vale 12 milioni di euro (finanziati per l’80% da Regione e Pnnr) e andrà a rimpiazzare il vecchio edificio che attualmente ospita le medie Catullo. La collocazione, secondo l’amministrazione, è strategica vista la difficoltà di reperire altre aree compatibili e i tempi stretti per accedere ai finanziamenti.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome