🔴 Morte di Federico, la velocità delle auto sotto la lente della procura

Entrambi i conducenti sono risultati negativi all'alcol test, ma ora la Procura vuole approfondire la dinamica dell'incidente e le eventuali responsabilità. Per questo, come atto dovuto per consentire le indagini, i due guidatori sarebbero stati iscritti al registro degli indagati in un fascicolo che ha come ipotesi di reato quella di omicidio stradal

0
Federico Doga

Proseguono gli accertamenti dopo il tragico incidente che nel fine settimana ha provocato la morte del 16enne Federico Doga, straziato da due auto a Iseo.

Il giovane (residente a Comezzano-Cizzago con la famiglia) – stando alla prima ricostruzione – sarebbe stato investito prima dalla Fiat Punto guidata da un 39enne albanese e poi travolto dalla Bmw su cui viaggiava una famiglia bergamasca in via Roma: poi le auto si sono scontrate tra loro.

Entrambi i conducenti sono risultati negativi all’alcol test, ma ora la Procura vuole approfondire la dinamica e le eventuali responsabilità. Per questo, come atto dovuto per consentire le indagini, i due guidatori sarebbero stati iscritti al registro degli indagati in un fascicolo che ha come ipotesi di reato quella di omicidio stradale. In particolare i magistrati vogliono accertare se la velocità delle due vetture abbia avuto un ruolo nella tragedia.

Federico Doga è morto sul colpo (i funerali si sono tenuti ieri), mentre il 39enne è stato portato in ospedale, dove gli sono state riscontrate ferite guaribili in sette giorni. Gli occupanti della Bmw, invece, sono stati portati a Chiari per accertamenti e già dimessi.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome