🔴 Disagi trasporto pubblico, Bondio (Provincia): in Valtrompia nessun problema significativo

"L’analisi della gestione del servizio ha consentito di appurare (anche dopo verifiche ispettive eseguite in loco in questi giorni) che il maggiore problema operativo si è generato nell’area di Salò e verrà sanato con il nuovo piano turni di febbraio"

0
Roberto Bondio, foto da Provincia di Brescia

“L’analisi della gestione del servizio ha consentito di appurare (anche dopo verifiche ispettive eseguite in loco in questi giorni) che il maggiore problema operativo si è generato nell’area di Salò e verrà sanato con il nuovo piano turni di febbraio. Relativamente alla Valle Trompia-Lumezzane non sono state rilevate significative problematiche, non si sono riscontrati sovraccarichi di mezzi e i tempi di attesa, nel caso dell’annullamento programmato delle corse, si sono limitati a una decina di minuti”.

Così Roberto Bondio, consigliere delegato della Provincia in materia, risponde all’interrogazione presentata dal leghista Giacomo Zobbio, che aveva denunciato pesanti disagi nel trasporto pubblico valtrumplino e chiesto al Broletto di intervenire.

Bondio fa riferimento all’esito di un incontro organizzato dall’Agenzia Tpl oggi alla presenza di diversi sindaci e sottolinea che “visto il perdurare delle difficoltà in capo ai gestori nel reperimento di autisti in numero sufficiente, il Consorzio Trasporti Brescia Nord (con maggior operatore Arriva nel territorio considerato) ha richiesto e concordato con l’Agenzia, a partire dal 10 gennaio, una riduzione selettiva di corse sulle due principali linee provinciali: S-LINK 201 (Val Trompia-Lumezzane)  e S-LINK 202 (Salò-Gargnano)”. Ma i problemi rilevati riguarderebbero quasi esclusivamente Salò e non la  valle.

“L’occasione odierna – incalza il consigliere delegato – mi consente di richiamare la generale attenzione sui complessi problemi che stanno coinvolgendo il TPL e che non vedono la possibilità di immediata soluzione, sia perché sarebbero necessarie risorse economiche ad oggi non esistenti, sia perché, nel caso disponessimo delle risorse, saremmo in crisi con il personale e con i mezzi a causa di problematiche nazionali, non locale, accumulate nel tempo e non risolvibili, se non con scelte strutturali governative che necessiteranno di tempi non brevi per essere risolutive. In Provincia – precisa – esistono zone in cui il livello del TPL, nel corso degli anni, è pesantemente peggiorato (la Bassa e l’Ovest in particolare) e con la ripresa della scuola il servizio non ha retto. Contemporaneamente ci sono aree della Provincia in cui il servizio è rimasto su livelli di significativa qualità”.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome