🔴 Vita da nababbo, redditi da “povero”: sequestrati 8,6 milioni a un imprenditore

Nelle sue disponibilità c'erano immobili di pregio (valore quattro milioni di euro), ma anche orologi di lusso, suppellettili e opere d'arte del valore di due milioni, oltre a denaro e investimenti per oltre due milioni e mezzo di euro

0
foto generica da Pixabay

La Corte di Cassazione ha confermato il sequestro da 8,6 milioni di euro a carico di un imprenditore bresciano pluripregiudicato per reati di natura fiscale e contro il patrimonio.

I sigilli ai suoi beni erano scattati nel maggio dello scorso anno: nelle disponibilità sue e di prestanome – stando a quanto ricostruito dagli investigatori – c’erano immobili di pregio (valore quattro milioni di euro), ma anche orologi di lusso, suppellettili e opere d’arte del valore di due milioni, oltre a denaro e investimenti per oltre due milioni e mezzo di euro.

Ma il tenore di vita del 62enne, secondo quanto accertato dalla Finanza, era sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati al Fisco (che pare ammontassero a solo 20mila euro nel 2020). Da qui il primo provvedimento, confermato dalla Corte suprema.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome