Berlusconi “Sì a forme di integrazione al reddito, combattere gli abusi”

0

ROMA (ITALPRESS) – Il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha incontrato in videoconferenza il coordinatore nazionale Antonio Tajani e i capigruppo al Senato Annamaria Bernini e alla Camera Paolo Barelli, per fare il punto sulla Legge di Bilancio e le altre prossime scadenze parlamentari.

Nel corso dell’incontro ha ribadito la centralità del sostegno all’impresa per la creazione di nuovi posti di lavoro, anche attraverso strumenti come il taglio del cuneo fiscale, al quale vanno destinate risorse adeguate in ogni settore.

“Creare lavoro attraverso la crescita – ha spiegato Berlusconi – è la strada principale per affrontare in maniera strutturale il tema della povertà che affligge molte famiglie italiane, soprattutto ma non soltanto nel Mezzogiorno”.

Di fronte a quest’emergenza Forza Italia “ha sempre sostenuto la necessità di forme di integrazione al reddito di chi – non per sua colpa – non può lavorare: penso agli anziani, a tanti disabili, alle casalinghe, ai giovani in attesa di occupazione o costretti a lavori poco retribuiti. L’avevamo chiamato nel 2018 “Reddito di dignità”, sul modello dell’imposta negativa sul reddito del grande economista liberale, premio Nobel Milton Friedman – ha sottolineato Berlusconi -. Non diciamo nulla di nuovo ribadendo il fatto che gli abusi, da combattere con la massima severità, non cancellano la necessità di una forma di sostegno al reddito che responsabilizzi e incentivi – per chi può – la ricerca di un’occupazione. Perchè questa non rimanga solo una petizione di principio, però, è necessario creare nuovi posti di lavoro, attraverso un uso dinamico della leva fiscale. Le risorse del PNRR devono essere utilizzate pensando a questa esigenza”.

(ITALPRESS).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments