Riapre “Sorella Lucia”

    0
    Bsnews whatsapp

    Durante i mesi freddi erogano un aiuto senza il quale le donne che si trovano in difficoltà non saprebbero come passare l’inverno. E’ da poco ripartito il servizio di emergenza freddo chiamato "Sorella Lucia", un progetto promosso dalla Caritas di Brescia in collaborazione con le suore ancelle della carità e l’associazione "Casa betel 200". Si tratta di dare un aiuto concreto a tutte le donne sole che sono in difficoltà, economica soprattutto ma anche di salute, o che semplicemente soffrono di troppa solitudine. Nella struttura messa a disposizione dalle suore ancelle, in via Vittorio Emanuele 17, queste donne trovano l’ospitalità che permette loro di attraversare i difficili mesi invernali, dal 10 novembre alla fine di aprile. Ospitalità dalle 18 alle 8 del mattino successivo, un tetto sotto il quale dormire innanzitutto, un pasto caldo, una colazione al risveglio. Un bagno dove potersi lavare. E soprattutto il calore umano di persone che aiutano senza volere nulla in cambio. Quello che è appena iniziato sarà il sesto anno in cui il servizio è erogato. Quindici i posti letto a disposizione delle donne, già sette quelli utilizzati la prima notte. Migranti dell’est, donne dall’Africa senza una casa nè amici, anche donne italiane a dir la verità. In passato esclusivamente signore e ragazze straniere, ora anche cittadine italiane. Addirittura una su tre durante lo scorso inverno. Mogli fuggite da mariti violenti, donne con un passato difficile, prostitute recuperate dalla strada, donne in attesa di un appartamento dal comune. Non solo un aiuto materiale contingente, anche un sostegno per provare a ripartire. Tanti i modi per dare una mano: aiuti economici, donazioni di cibo, di vestiti, coperte.
    Per informazioni, si può contattare direttamente la Caritas diocesana di Brescia al n.030375774; e-mail: caritas.brescia@caritas.it.
    Au.Bi.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    RISPONDI