Progetto esteso all’hinterland

    0

    Questa è una bella notizia. Il servizio di bike-sharing del Comune di Brescia presto si estenderà anche ai paesi limitrofi al capoluogo. La disponibilità di massima a collaborare al progetto è già arrivata da alcuni sindaci interpellati dall’assessore alla Mobilità e al Traffico Nicola Orto. Presto potremmo trovare stazioni di cambio anche a Botticino, Borgosatollo, Bovezzo, Castelmella, Castenedolo, Cellatica, Collebeato, Concesio, Flero, Gussago, Rezzato, Roncadelle, Nave e San Zeno Naviglio. Ciò che più conta è che accanto al noleggio delle biciclette questi comuni potrebbero impegnarsi a implementare le piste ciclabili già esistenti, condizione necessaria affinchè i cittadini utilizzino il servizio in tutta sicurezza evitando di rischiare la vita sulle carreggiate percorse dalle automobili.
    L’assessore ha anche assicurato che in città verranno predisposte nuove stazioni dove prendere i mezzi, anche al di fuori del centro storico. E’ un passo decisivo per la reale diffusione del servizio, oggi usufruito quasi esclusivamente per brevi tragitti tra un negozio e l’altro del centro.
    a.c.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Se le biciclette devono continuare a convivere con il caotico traffico cittadino e con l’intolleranza degli automobilisti che parcheggiano e viaggiano tranquillamente sulle piste, l’uso della bicicletta resterà sempre limitato ai più temerari.
      Se poi le piste ciclabili sono fatte pensando solo a chi deve andare a fare un giro al parco e non a chi le deve usare per trovare il tragitto più breve tra casa e lavoro, l’utilizzo più capillare della bicicletta come mezzo di trasporto abituale resterà sempre pura utopia.
      Spero che si provi a pensare finalmente che la bicicletta come mezzo di trasporto deve essere incentivato attraverso la messa in sicurezza dei percorsi e delle piste, installando anche semafori dedicati che, al loro verde, blocchino tutto il traffico automobilistico per dare la precedenza ai ciclisti.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome