Cittadini contro i lavori in corso

    0
    Bsnews whatsapp

    Programmati da tempo, i lavori per la modifica della viabilità e la riqualificazione di via XX Settembre sono da poco iniziati. Non appena le ruspe sono entrate in azione un gruppo di cittadini ha intrapreso una raccolta firme per sospendere i lavori: 87 persone si sono fatte portavoce di una protesta che mira alla salvaguardia del verde urbano e delle piante che verrebbe sacrificato per far spazio ai parcheggi, visto che dove sono situati ora verrà ricavata una quarta corsia di scorrimento. I firmatari della petizione, spedita a sindaco e assessore alla Mobilità e al Traffico Nicola Orto, chiedono che i soldi destinati ai lavori vengano inpiegati in maniera diversa, chiedono uno studio che migliori la scorrevolezza del traffico evitando lavori strutturali, magari semplicemente modificando la disposizione dei semafori troppo ravvicinati. I cittadini di via XX Settembre trovano sbagliato intervenire ora nella via, dopo che in passato per mesi hanno dovuto sopportare i cantieri che hanno portato all’attuale situazione, tuttosommato accettabile secondo il loro parere.
    a.c.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Quel che sta avvenendo in via XX settembre è una solenne stupidaggine, si sta distruggendo, con soldi pubblici, lavori di sistemazione terminati solo un paio d’anni fa, realizzati sempre con soldi pubblici. Che ogni amministrazione si senta in diritto di sprecare inpunemente soldi dei contribuenti è solo l’indizio dell’insensibiltà politica e democratica di chi ci amministra. Ovviamente il traffico non ne avrà nessun giovamento. Aspettare per vedere.

    2. La volontà di creare passaggi propositivi che diano voce ai cittadini in fase progettuale (riunioni, laboratori, processi di progettazione partecipata) è l’unico modo per risolvere questi problemi di viabilità legati a zone specifiche della città senza creare contraccolpi polemici e gettare denaro pubblico facendo e rifacendo gli stessi lavori a seconda dello schieramento politico che sta amministrando. Le risoluzioni in forma "grezza" dei problemi specialmente viabilistici stanno solo nella testa dei cittadini residenti, nessun politico può avere maggiore conoscenza di una data zona rispetto ai suoi residenti.
      Starà poi all’amministratore fare filtro delle proposte e renderle realizzabili nel rispetto delle leggi vigenti.
      Una strada non rappresenta la destra o la sinistra ma deve essere funzionale all’esigenza per cui è stata costruita.

    3. mi chiedo da una parte quanti cittadini abbiano davvero voglia di far sentire la propria voce in fase progettuale… mi chiedo d’altra parte quanti amministratori vogliano davvero coinvolgere la cittadinanza, far proprie le loro esigenze, renderle attuabili e funzionali… a mio avviso troppo pochi. E finchè sarà così continueremo con le "solenni stupidaggini", "facendo e rifacendo gli stessi lavori a secondo dello schieramento politico che sta amministrando".

    RISPONDI