Un ospedale in difficoltà

    0

    Da mesi ormai l’ospedale Sant’Orsola-Fatebenefratelli versa in condizioni (economico-finanziarie) difficili. Si è parlato di chiusura, poi di cessione, ora l’ipotesi più accreditata sembra il passaggio della gestione alla Poliambulanza. In ogni caso la struttura di via Vittorio Emanuele rischia di essere quantomeno ridimensionata. Forte preoccupazione per la sorte del nosocomio è stata espressa ieri dai medici del Sant’Orsola che in un comunicato lamentano la pressoché totale assenza di dialogo con la proprietà, che si rifiuterebbe di organizzare un incontro con il sindacato che rappresenta i medici. Preoccupazione per il futuro della struttura e per il destino dei 100 medici e 400 lavoratori a vario titolo impiegati. Piero Tarantola, portavoce del sindacato Anmirs parla dalle colonne di Bresciaoggi: «Le maggiori preoccupazioni dei nostri pazienti sono relative ad una diversa ubicazione dell’ospedale. Il Sant’Orsola è da sempre punto di riferimento e di accoglienza per numerosi malati del centro storico, ma secondo le ultime notizie l’immobile in cui è situato l’ospedale andrebbe prima o poi chiuso. Siamo sicuri che tutti i posti di lavoro saranno conservati? Una presa di posizione ufficiale in merito è auspicabile perché sarebbe un importante contributo per rasserenare l’ambiente. Non ci nascondiamo il fatto che esistano anche numerosi problemi, tuttavia la nostra associazione sindacale fino ad oggi non è mai stata coinvolta nell’analisi delle problematiche dell’ospedale». I problemi dell’ospedale riguardano solo la gestione economica: i dati infatti dimostrano che la struttura medica è in salute.
    Au.Bi.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY