2000 persone colpite: di chi la colpa?

    0

    Mentre la cifra complessiva delle persone colpite da gastroenterite tocca quota 2000 (!) Asl e Garda Uno (società che gestisce la rete idrica del paese e delle sue frazioni, oltreché di buona parte dei comuni limitrofi) iniziano a bisticciare e a palleggiare tra loro le responsabilità per ciò che sta accadendo. Garda Uno insiste col dire che dai loro controlli l’acqua è sempre risultata potabile perchè il problema è causato da un virus e non da un batterio. Il direttore della società, Franco Richetti, dalle colonne di Bresciaoggi in edicola stamattina: «A noi l’acqua risultava potabile per un semplice motivo: i controlli che noi svolgiamo, e che sono conformi alle norme vigenti, prescrivono analisi batteriologiche, non virali. I batteri sono una cosa, i virus un’altra. E la normativa non prevede da parte nostra analisi che permettano di individuare eventuali virus. Ecco perchè noi non abbiamo individuato i virus: nessuno ci ha chiesto di cercarli e non è un compito che la legge, o la stessa Asl, assegni a noi».
    Iniziata la querelle delle responsabilità, non si esaurisce tuttavia l’emergenza: di ieri l’ultima ordinanza del sindaco Paolo Rosa: vietato anche il bagno nelle piscine riempite con acqua dell’acquedotto (praticamente tutte).
    Au.Bi.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome