Lavori per la 4°corsia: traffico in tilt

    0

    Ieri, per gli automobilisti bresciani, è stata una giornata di fuoco. Per diverse ore del giorno, si sono registrati rallentamenti lungo via XX Settembre a causa della realizzazione della quarta corsia. Oggi, la situazione non sembra essere migliorata: le imprese impegnate nei lavori hanno dovuto spegnere infatti il semaforo che regola l’incrocio con via Romanino. Inevitabili i disagi per gli automobilisti che per tutta la mattina, con l’aiuto dei vigili, hanno dovuto districarsi alla ben e meglio in questa arteria sempre molto trafficata, aggravando una situazione già pesante. Mentre i lavori proseguono, l’assessore alla mobilità, Nicola Orto, invita gli automobilisti ad evitare la pratica dei parcheggi selvaggi, responsabili anch’essi alla congestione del traffico sulla via.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. è DAVVERO INTERESSANTE RILEVARE COME AI TEMPI DELLA GIUNTA CORSINI OGNI SITUAZIONE DIFFICILE PER IL TRAFFICO VENIVA IMPUTATA ALL’INCAPACITà AMMINISTRATIVA, ORA SEMBRA UNA INEVITABILE DISAGIO. CERTO TRA PRIMA E ORA C’è UNA DIFFERENZA: PRIMA SI STAVA REALIZZANDO UN PROGETTO, ANCHE SE PERSONALMENTE NON PIENAMENTE CONDIVISO, ORA … DEMOLENDO IL PROGETTO ALTRUI AVENDO COME UNICO OBBIETTIVO QUELLO DI ASSECONDARE IL "PRESUNTO" DESIDERIO DELLA GENTE. FORSE è TEMPO DI INIZIARE ANCHE ORA A PROTESTARE AD ALTA VOCE E IN OGNI LUOGO VERSO QUESTI INCAPACI CHE GOVERNANO BRESCIA!

    2. E’ EVIDENTE COME PORRE RIMEDIO AL TRAFFICO CITTADINO CON UNA CITTA’ CHE NON PUO’ MAGICAMENTE ADATTARSI AD UN NUMERO DI MACCHINE CRESCIUTO IN MODO ESPONENZIALE NEGLI ULTIMI ANNI NON E’ FACILE. VERO E’ CHE MENTRE CON L’AMMINISTRAZIONE PRECEDENTE DIETRO AI DISAGI CAUSATI DAI CANTIERI SI POTEVA INTRAVEDERE UN PROGETTO, UN’IDEA DI CITTA’, UN TENTATIVO DI RENDERE IL TRAFFICO PIU’ FLUIDO, ANCHE INCENTIVANDO L’USO DI ALTRI MEZZI CHE NON SIAMO LE AUTOMOBILI: PEDONALIZZAZIONE DEL CENTRO, BICICLETTE, LAM ECC. ECC.
      MODALITA’ CHE POSSONO ANCHE NON ESSERE CONDIVISE DA ALCUNI CITTADINI MA CHE CERTAMENTE RICHIEDONO PER POTER FUNZIONARE TEMPI LUNGHI PASSANDO ANCHE ATTRAVERSO UN CAMBIAMENTO DELLA MENTALITA’ DEL CITTADINO UN VERO CAMBIAMENTO CULTURALE.
      ORA SEMBRA CHE SI VOGLIA SOLO DISTRUGGERE PEZZO A PEZZO LE STRUTTURE REALIZZATE DALL’AMMINISTRAZIONE PRECEDENTE SENZA UN VERO PROGETTO, CREDENDO FORSE CHE SOLO SPOSTANDO UN MARCIAPIEDE O ALLARGANDO LEGGERMENTE UNA STRADA LA CITTA’ POSSA ACCOGLIERE SENZA PROBLEMI UNA QUANTITA’ SEMPRE CRESCENTE DI AUTOVETTURE.

    LEAVE A REPLY