Rolfi lancia l’allarme-malattie

    0

    Lucciole e viados che provengono dal Sudamerica, dall’Africa, dall’Est Europa. Dopo le norme anti-prostituzione e l’avvio delle multe da 500 euro pareva fosse diminuito il fenomeno, almeno per strada, ma lo spauracchio è finito. E’ preoccupato il vice sindaco e assessore alla sicurezza Fabio Rolfi che oltre ad arginare il fenomeno illegale si dice allarmato dalla situazione sanitaria di chi esercita la professione, donne e uomini malati di aids, epatite C, scabbia e tubercolosi. Non solo ipotesi quelle di Rolfi, dati alla mano ha presentato i risultati di un’indagine condotta dalla municipale: in venti giorni sono stati fermati e controllati in città 44 viados sudamericani, 19 sono risultati essere sieropositivi all’aids, 5 hanno contratto l’epatite C, 4 la tubercolosi e uno la scabbia. Anche se espulsi i viados non se tornano nei loro paesi ma rimangono in strada e non possono esere curati perché clandestini.
    Au.Bi.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Non c’è dubbio: la caccia ai clandestini sta ottenendo ottimi risultati.
      La prostituzione continua come prima, anche se qualcuno dice che è meno evidente, e gli ammalati aumentano.
      Proprio risultati di cui sentivamo il bisogno!

    2. PURTROPPO GLI UOMINI NON HANNO CAPITO CHE CI SONO UNA MIRIADE DI MALATTIE CHE VENGONO CONTRATTE FACENDO I PRELIMINARI SCOPERTI……….. IL NOSTRO LAVORO E’ ROVINATO DA TUTTE QUELLE PERSONE CHE OFFRONO TUTTO E SENZA PROTEZIONI……….E NATURALMENTE GLI UOMINI CI CASCANO COME DEI POLLI…………

    LEAVE A REPLY