A Brescia tiene il manufatturiero

    0

    Ieri è stato presentato presso la facoltà di Economia di Brescia il settimo rapporto su "Economia e finanza delle imprese manifatturiere bresciane". Un’occasione per fare un bilancio sulla situazione di uno dei settori chiave dell’economia bresciana, alla prese con gli effetti di una crisi che non accenna a passare. I dati parlano di problemi occupazionali ancora rilevanti e di margini in calo. Sembra però che il settore, nonostante tutto, regga. Anzi, in alcuni casi, Brescia appare un passo avanti rispetto al resto d’Italia. E’ stato confermato il rating in classe BBB e la produttività è aumentata dell8%. Secondo Aldo Bonomi, vicepresidente di Confindustria, non bisogna dimenticare che le aziende bresciane hanno saputo più di altre accogliere nuove sfide, puntando molto sull’innovazione (salita al 4,3% del fatturato) e rivolgendo lo sguardo oltreconfine, promuovendo strategie che le hanno permesso di ottenere il terzo posto nazionale per quanto riguarda il flusso commerciale internazionale. Certo bisogna fare qualche passo in più, verso nuovi investimenti tecnologici, la patrimonializzazione e il superamento del gap dimensionale, attraverso nuove fusioni e accordi.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY