Suicida a 16 anni

    0

    Adolescenza. Un periodo che può essere il più bello e spensierato di tutta la vita, ma che a volte può rappresentare una fase problematica, vissuta con difficoltà.

    Ieri mattina in città si è sparsa la notizia del suicidio di un ragazzo sedicenne che frequentava la classe seconda in un istituto superiore. L’adolescente si è tolto la vita legandosi al collo un lenzuolo e gettandosi da un soppalco. La madre l’ha trovato così tornando a casa alle 9:30. La donna ha provato a chiamare il 118 ma non c’era più nulla da fare.

    All’origine del dramma pare ci sia la situazione scolastica del ragazzo: proprio in mattinata assieme alla madre il giovane avrebbe dovuto incontrare il preside dell’istituto che stava frequantando per affrontare l’argomento del suo rendimento, certo non eccelso ma nemmeno irrecuperabilmente segnato. Il problema maggiore era rappresentato dal fatto che il ragazzo non si recava a scuola da diversi giorni, non aveva mai subito episodi di bullismo ed era ben integrato in classe. Nei giorni scorsi aveva espresso il desiderio di cambiare indirizzo di studi, ma sempre nello stesso istituto.

    Immenso il dolore della famiglia, residente in centro a Brescia, dei compagni di classe e degli amici, per una tragedia difficile da comprendere.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. La gente non ci prova nemmeno a capire i problemi degli altri….
      poi succedono queste cose terribili solo perchè lo stress di questo mondo ci sta facendo impazzire tutti….

    2. sono madre di un tredicenne e queste notizie mi fanno rabbrividire. Non li capiamo mai abbastanza e la scuola con certi insegnanti meno ancora di noi. Oggi è davvero difficile essere un adolescente.

    3. sono madre di una bambina di 10 anni e sono pienamente convinta che un corso di psicologia adolescenziale debba essere frequentato da genitori, maestri delle elementari,professori per riuscire poi a capire determinate lo stato psicologico debole o forte dei nostri ragazzi,infine piu dialogo umano tra professori e ragazzi ciao

    4. Sono una mamma di 3 figlie sono molto vicina al dolore che sta provando quella famiglia, purtroppo i nostri ragazzi sono imprevedibili e a volte pagano le conseguenze della brutta società che ci circonda oggi, la scuola ha un compito molto fondamentale nella crescita dei ragazzi non solo culturale ma anche a quell\’insegnamento di vita che i professori dovrebbero dare perchè la scuola oltre a essere un insegnamento culturale deve essere anche educativo per cercare di formare i nostri figli a diventare adulti, purtroppo questo insegnamento ai nostri giorni manca.

    LEAVE A REPLY