Si registra record di parti cesarei

    0

    Nonostante l’Oms abbia raccomandato di non superare il 15% di cesarei, una paziente su tre lo richiede. A detenere il record nella nostra città e in tutta la Lombardia è la clinica Città di Brescia, con una percentuale del 46%. Un’indagine svolta da O.N.Da (osservatorio Nazionale sulla salute della Donna) e dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Salute) mette in luce che la maggior parte dei cesarei avviene in strutture private. Queste vantano infatti un 56,9% di parti indotti contro il 33,3% eseguiti nelle strutture pubbliche. Le motivazioni dell’ampio numero di richieste sembra sia dovuto al numero delle donne che si sottopongono alla fecondazione assistita e all’età matura delle future partorienti. Tra le altre motivazioni la paura del dolore al parto, la preoccupazione che possa accadere qualcosa al nascituro e il desiderio di avere tutto sotto controllo. Per tutto questo già dalla prima visita le future mamme fanno richiesta del parto cesareo. Ad alzare la percentuale anche la convinzione che chi ha già avuto un parto cesareo debba ripeterlo in caso di una nuova nascita.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Dopo 30 ore di travaglio è nata la mia bambina. Parto naturale, senza epidurale o altro. Doloroso, si. Ma rifarei tutto. TUTTO! E\’ stata la gioia più grande della mia vita e sono felice di aver assaporato ogni istante. Mi sono sentita fortissima, con una potenza e un\’energia incredibile. Un\’esplosione di vita che, a distanza di mesi, senti ancora forte dentro di te..

    2. …io purtroppo tre anni fa ho desiderato un parto normale e dopo 8 ore mi sono sentita dire che dovevo essere tagliata, secondo me senza motivo….a distanza di tre anni ho lottato per avere un parto normale, mi hanno tagliato perche\’secondo loro ero oltre il termine e rischiavo….mi spiace solo che al primo parto facevo meglio starmene a casa, secondo me, gli ospedali prendono sovvenzioni per tagliarti!!!!!

    LEAVE A REPLY