Carabinieri: coinvolta malavita dell\’est

    0

     Nella notte tra venerdì e sabato in via Chiappa era stato colpito con 3 colpi di pistola. Ora il tunisino è fuori pericolo, ma restano da indagare le cause dell’agguato. Secondo i carabinieri della Compagnia di Brescia incaricati delle indagini, si tratterebbe di questioni legate alla malavita a cui sarebbe collegata l’attività della vittima. Seguendo questa pista, hanno interrogato il fratello del tunisino – anche lui coinvolto nell’attentato – e alcuni conoscenti. Hanno provveduto poi a perquisire alcune abitazioni sospette, per trovare la pistola. Finora però nulla di fatto e agli investigatori guidati dal capitano Donato D’amato non resta che confidare nella testimonianza della vittima, ancora ricoverata in terapia intensiva e quindi impossibilitato a parlare. Visto il suo probabile coinvolgimento in affari illeciti però, sembra difficile che la sua versione dei fatti possa contribuire ad individuare gli aggressori.

    Comments

    comments

    LEAVE A REPLY