Giù a settembre, ma il cibo cresce

    0

    L’andamento congiunturale di questo mese si attesta su valori registrati a settembre dell’anno scorso con una variazione del -0,5%. La causa principale di tale andamento è riconducibile ai diffusi cali di prezzo tra i prodotti stagionali e che maggiormente incidono sui capitoli Trasporti (viaggi aerei e marittimi), Ricreazione Spettacolo e Cultura (pacchetti vacanza, stabilimenti balneari e ingressi ai parchi divertimento) e Servizi Ricettivi e di Ristorazione (camping ed agriturismo). In calo anche il capitolo Comunicazione (telefonia mobile). Ciò nonostante si evidenzia una netta inversione di tendenza, iniziata lo scorso mese di agosto, del capitolo Alimentari e Bevande Analcoliche dove i rincari, che coinvolgono circa il 49% delle voci di prodotto, riguardano comparti diversi, dai prodotti caseari ai latticini, dai prodotti ittici alle carni. Il capitolo maggiormente inflativo risulta essere quello dell’Istruzione (tasse d’istituto scuole superiori e rette scuole elementari private). Variazioni congiunturali positive, ma più contenute, anche per i capitoli Bevande Alcoliche e

    Tabacchi, Abitazione Acqua Energia Elettrica e Combustibili, Mobili Articoli e Servizi per la casa e Altri Beni e Servizi. Nonostante il cambio stagionale, rimane immutato il tasso congiunturale di Abbigliamento e Calzature. Nessuna variazione per il capitolo Servizi Sanitari e Spese per la Salute. Il trend segnala ancora, seppur in forma più contenuta, andamento

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome