Stipendio ai precari anche d’estate

    0

    Una sentenza della Corte d’Appello Bresciana potrebbe dare in via a una maxi campagna di richiesta risarcimenti al Ministero della Pubblica Istruzione della bresciana Maria Stella Gelmini.

    Che è successo? Una insegnante ha chiesto alla Corte d’Appello di poter ricevere gli stipendi estivi degli ultimi 5 anni perchè lei, essendo precaria, è stata puntualmente licenziata a giugno e riassunta a settembre, per 5 volte. Il Ministero così risparmiava gli stipendi di luglio e agosto, contravvenendo però a una esplicita direttiva della Corte di Giustizia Europea che vieta questa cattiva pratica. Ora il Ministero farà ricorso alla Cassazione, ma potrebbe essere vano. La sentenza è stata molto chiara: l’insegnante non potrebbe essere precaria in quanto soddisfa un bisogno di personale permamanente, evidente anche dal fatto dei 5 anni consecutivi che sta lavorando.

    L’insegnante verrà risarcita di circa 13mila euro, ciò che preoccupa il Ministero, e il Ministro, è però l’effetto emulazione: in Italia lavorano nella scuola decine di migliaia di precari.
    a.c.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome