Presidente a tutto campo

    0

    Il presidente del Brescia Gino Corioni è stato intervistato dai microfoni della redazione sportiva Mediaset di Studio Sport. Un’intervista a tutto campo, trasmessa ieri alle 13. Il presidente analizza vari aspetti della squadra, a cominciare dalla parteza-sprint e dalle ambizioni delle Rondinelle: «Abbiamo fatto sei gare, la prima non bene ma le altre cinque sì. Anche se il Brescia è indubbiamente una squadra che deve fare molto di più.»

    Il mercato estivo: «Abbiamo condotto una campagna acquisti sorprendentemente positiva: Eder è un campione, Ho pianto tantissimo perchè è costato molto, ma alla fine abbiamo trovato il modo di farlo arrivare».

    Su Diamanti, espulso nella gara dell’Olimpico contro la capolista Lazio: «È un giocatore più dotato di altri, ma proprio per questo deve essere più umile e disponibile degli altri. E deve essere d’esempio: sono convinto che l’espulsione di domenica scorsa, se non era un fuoriclasse, non sarebbe arrivata. Però non è stato espulso perchè è un fuoriclasse, è stato mandato fuori perchè ha chiaccherato troppo».

    Come non parlare infine di arbitri? «Ora, la sudditanza psicologica gli arbitri cercano di non averla più. Prima, oltre a non liberarsene, erano costretti ad averla. Ed erano costretti ad ascoltare qualcuno, sennò non arbitravano. Quello di oggi è un calcio più pulito. Anche se giochi bene, con il Milan si perde al 90%, ma una volta te la facevano perdere sempre».
    a.c.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome