I problemi ambientali nella zona Est della città

    0
    Bsnews whatsapp

    Egregio Direttore,

    i dati letti in questi giorni sui giornali locali mi impongono di intervenire sulla discussione in corso in merito ai problemi ambientali nella zona est della città.

    Faccio parte dell’Osservatorio dell’Alfa Acciai e della Commissione Grandi Impianti Sportivi Integrati e soprattutto sono un residente nel quartiere storico di San Polo.

    I dati letti nella relazione dell’Arpa, che evidenziano livelli esorbitanti di PCB nell’aria, si aggiungono ai già preoccupanti dati comunicati pochi mesi fa dall’Asl, relativamente all’aumento dei casi di tumore in questo quartiere.

    In quell’occasione alcuni membri autorevoli della maggioranza in Loggia, avevano gridato al terrorismo psicologico. I dati di questi giorni sono la drammatica conferma che la misura è colma e questa zona della città necessita di un intervento rapido ed efficace per fare chiarezza sui livello di inquinamento, sulle sue origini e soprattutto sulle conseguenze.

    Sono allibito per le esternazioni del Presidente della Circoscrizione, Ennio Garzetti, quando interpellato dichiara ai giornali “questo è il prezzo da pagare per il progresso” e “questi dati ce li aspettavamo”. Leggo un grave senso d’irresponsabilità nei confronti di tutti i residenti.

    Se lui è rassegnato, io, il mio partito, e soprattutto molti cittadini non lo sono!

    A chi il compito di tutelare la salute dei cittadini bresciani? Dov’è il nostro Sindaco?

    Non sarebbe opportuno, anche in via preventiva, alla luce di questi dati rilasciati dall’ARPA, che il Sindaco emetta un’ordinanza che vieti la coltivazione, la produzione e l’uso di prodotti ortofrutticoli in tutta l’area di San Polo?

    I bambini possono giocare liberamente sull’erba dei giardini pubblici!!

    In Consiglio Comunale come Partito Democratico, avevamo proposto con un emendamento di destinare una somma di denaro da inviare all’ASL per agevolare ed incrementare le analisi sui cittadini residenti e quindi per raccogliere velocemente dei dati certi: era la dimostrazione tangibile, concreta che il nostro Comune si faceva parte attiva in questo problema; che voleva giocare un ruolo da protagonista.

    Non solo l’emendamento del PD è stato bocciato, ma successivamente il Comune ha confermato la volontà di NON contribuire a questo tipo di spese.

    Da due anni il Partito Democratico ha proposto la realizzazione di un Tavolo Permanente sull’Ambiente per la Zona Est della città: Perché l’abbiamo chiesto? E’ evidente a tutti che in questa zona le problematicità ambientali sono tante, gravi e soprattutto le conseguenze sanitarie possono diventare esplosive!

    Cosa aspettiamo? La modernità e lo sviluppo economico hanno sicuramente un prezzo da pagare, ma fino a che punto!! Che mondo vogliamo lasciare ai nostri figli!! Cosa ci diranno i nostri figli tra qualche anno!!

    Dopo questi dati mi domando se ha senso la realizzazione di una cittadella dello sport, circondata da pcb, diossine e polveri fini, oppure se sarebbe più opportuno creare o potenziare un’area di mitigazione ambientale che crei una zona verde che cerchi di far respirare la zona!!??

    Altro traffico e cemento oppure un polmone verde, un filtro a disposizione di tutta la città!!

    Non è populismo, ma la ricerca di una prospettiva seria, credibile e sostenibile per i nostri cittadini e soprattutto per le generazioni future.

    Con l’Alfa Acciai il percorso intrapreso deve continuare: interessa all’amministrazione comunale tanto quanto all’azienda creare una fattiva collaborazione per creare le premesse per una convivenza che può essere possibile solo a certe condizioni di assoluta trasparenza nella lettura dei dati di monitoraggio e nella volontà, peraltro espressa dall’azienda , di risolverei vari problemi tutt’ora esistenti. Mi lascia perplesso questo vuoto normativo sia a livello nazionale che regionale!

    Com’è possibile che non ci sia un limite alle emissioni di PCB nell’aria in una delle aree geografiche (la pianura padana) più inquinate in Europa! Perché non viene scritto questo fatidico numero!! Per non dare fastidio a chi emette porcherie, per incapacità, per mancanza di volontà??

    Ai lettori la risposta, agli elettori il coraggio di cambiare!!

    Brescia, 18 gennaio 2011

     

    Valter Muchetti

    Consigliere Comunale del Partito Democratico

    e cittadino residente a San Polo

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Caro Valter
      Questo problema esiste da tempo..anche quando al governo c’eravate voi.Sbaglio o nella scorsa consigliatura qualcosa di simile da parte dell’Arpa era già uscito?
      Non politicizzare un problema che esiste da tanti anni e mai risolto da entrambe le parti.
      Concordo con te sul fatto che delle misure debbano essere prese urgentemente il primato di terza città più inquinata d’europa non ci fa certo onore.

    RISPONDI