“Carrocciopoli”, Peli: “Dalle indagini della commissione può cambiare l’esito del concorso”. Smentite, indignazione e rabbia da parte della Lega

    0
    Bsnews whatsapp

    "Secondo noi la graduatoria degli otto vincitori del concorso per istruttori amministrativi del Broletto, dopo l’analisi della commissione, potrebbe cambiare". A dirlo è stato il capogruppo del Pd Diego Peli che – parlando in vece del presidente dell’organismo presieduto da Roberto Cammarata, assente al consiglio – ha risposto alla domanda provocatoria posta dal presidente Daniele Molgora sulla commissione d’indagine sui concorsi dell’ente, di cui oggi l’Aula era chiamata a votare la proroga di tre mesi dei termini dei lavori. E subito la presunta "Carrocciopoli" bresciana, come l’hanno bollata alcuni quotidiani nazionali, ha infiammato gli animi. Con una lunga serie di smentite da parte della maggioranza e in particolare della Lega (tutti i consiglieri del Carroccio, forse per la prima volta nella storia del consiglio, sono intervenuti sull’argomento).

    La discussione sul punto si è aperta con un richiamo del presidente del Consiglio Bruno Faustini ai membri della commissione affinché mantengano la riservatezza sull’attività della stessa (i cui lavori sono chiusi al pubblico). Un appello a cui si è subito unito Molgora. "Prima di votare la proroga", ha detto il presidente dell’ente, "vorrei che fossero chiarite alcune questioni. Cammarata, che oggi è assente, si è lasciato scappare mezze dichiarazioni sui giornali parlando del fatto che sarebbero emerse animalie nel concorso. Vorrei sapere", ha aggiunto, "se si tratta di semplici errori formali, e dunque la querelle è prettamente politica, oppure se in ballo ci sono errori sostanziali che determinerebbero la modifica della graduatoria di quel concorso".

    "Se questa è la domanda", ha ribattuto Peli, "la risposta è che secondo noi in base a quegli errori la graduatoria del concorso potrebbe cambiare". Parole a cui è seguita una fitta serie di interventi leghisti. Antonio Pagiaro ha provocato Peli (ex sindaco di Concesio) sottolineando che "non mi stupisce che a Concesio i dipendenti siano in gran parte di centrosinistra". Mentre Giuseppe Donina ha smentito Peli spiegando che "in tre mesi di indagine non è emerso nulla niente di significativo". Duro anche l’assessore Guido Bontempi che ha espresso "solidarietà alle otto persone sbattute sui giornali" aggiungendo che "qualcuno qui dentro si dovrebbe vergognare per quanto fatto e chiedere scusa agli otto lavoratori". Ancora Battista Lorenzi ha accusato Cammarata di aver "gettato fango sulla Lega e di aver oltraggiato il consiglio". Il segretario provinciale Stefano Borghesi ha parlato di "linciaggio" nei confronti del suo partito. Cammilla Gritti ha smentito nuovamente Peli ("ha un suo teorema che vuole perseguire"). Ruggero Marchioni ha parlato di "lavoratrici lapidate sui giornali" e invitato Cammarata alle dimissioni, oltre che a smentire quanto dichiarato ai giornali. Più duro l’assessore camuno Mario Maisetti, che ha anche invitato Molgora a procedere con l’assunzione degli otto vincitori. E Roberto Bertelli ha ribadito la necessità di fermare la fuoriuscita di notizie e si è detto "offeso sall’assenza del presidente Cammarata", insinuando che "la sua assenza non sia casuale".

    E sul punto non si è tirato indietro Maurizio Billante (Pd) per cui "Cammarata è caduto in una leggerezza e forse doveva giustificare prima i suoi impegni lavorativi". Ma la spiegazione non è bastata al capogruppo Pdl Diego Invernici che ha parlato di "spettacolo indecente" e chiesto di fare chiarezza in fretta per evitare strumentalizzazioni politiche. Per la verità, comunque, non bisognerà aspettare ancora molto. Sull’ultimo concorso, infatti, la commissione ha promesso di pronunciarsi entro il 18 febbraio. Mentre per discutere degli altri ci saranno tre mesi di tempo.

     

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. La questione è delicata. La ribalta nazionale – sacrosanta – rischia di trasformare tutto in una bagarre tra tifoserie. E’ giusto fare chiarezza e sanzionare eventuali abusi o scorrettezze. Ma di mezzo c’è anche la reputazione di 8 persone. Camarata non si è dimostrato all’altezza di guidare la commissione; più che fare chiarezza, gli interessa di finire sui giornali. Se questo è il "nuovo" del Pd…

    2. La questione sarà anche delicata e Cammarata avrò anche fatto una leggerezza, ma non si può confondrere la pagliuzza con la trave! Qui il problema è capire se il concorso è stato regolare o no, non se Camarata poteva parlare!

    3. Billante non è che non i è tirato indietro ha cercato di ristabilire un po’ di equilibrio visto che la lega cercava di strumentalizzare l’assenza del Presidente della Commissione.

    4. Visto che è tutto in mano alla magistratura, ora, si vedrà. A padanus, che fa sempre commenti pieni di contenuto: la commissione è composta anche da Pdl e Lega, Lega padana, udc, non solo da comunisti.

    5. la lega ha imparato da berlusconi: negare sempre, anche di fronte all’evidenza e definire comunista chi accusa. ma ormai l’è echà mantua..

    6. MESSAGGIO CANCELLATO DALLA REDAZIONE PERCHE’ CONTENEVA INSULTI O VOLGARITA’ O CONSIDERAZIONI VERSO TERZI PASSIBILI DI DENUNCIA: INVITIAMO L’INTERESSATO AD ATTENERSI ALLE REGOLE DEL BUON SENSO O SAREMO COSTRETTI, SU RICHIESTA, A SEGNALARE L’IDENTIFICATIVO DELLA SUA CONNESSIONE A CHI DI DOVERE.

    7. PADANUS, e i suoi compagni di merende leghisti se la stanno facendo sotto perchè a poco a poco stanno venendo a galla gli sporchi giochini che da anni fanno per occupare tutto ciò che si può occupare e dei quali non ne possono più neanche i colleghi del PDL.
      Cammarata stà solo facendo il suo lavoro, ma la verità vi fà male lo sò.

    8. Questi leghisti ormai sn peggio dei peggiori della 1^ repubblica….altro ke craxiani o prandiniani….qui si mangiano tutto…tra poco ci mangiano anke le cuccie dei cani…

    RISPONDI