Ghirardelli all’Anas: Abbassate il limite in A4 e A21

    0

    Dopo aver abbassato a 90 il limite di velocità in Tangenziale Sud (nel tratto a tre corsie, dove prima si viaggiava a 110) e aver sollecitato, a gran voce, un intervento dei sindaci di Brescia e dei comuni della zona critica l’assessore provinciale ai Trasporti scrive all’Anas. Ghirardelli vorrebbe che anche il limite nelle autostrade A4 e A21, nei tratti vicini alla città, venisse abbassato, portandolo da 130 a 110 chilometri orari. L’assessore, dati alla mano, è convinto che sarebbe un ulteriore piccolo tassello che potrebbe abbassare la concentrazione di PM10 nell’aria. Già, perché i dati rilevati domenica, dopo il primo giorno di targhe alterne (sabato) non sono molto incoraggianti: 122 al Broletto, 86 al Villaggio Sereno, 95 a Rezzato, giusto per fermarsi in città. Il limite massimo consentito, ricordiamolo, è di 50…

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Perchè non riconoscere che Ghirardelli è l’unico che ha avuto il coraggio di muoversi e proporre qualcosa che non fosse aria fritta? L’inquinamento c’è, non se ne va con le lamentele e basta. Certo, le azioni necessarie a non mettere toppe e invece agire profondamente sull’inquinamento sono altre, sappiamo bene che le polveri sottili vengono dai camini delle acciaierie, dell’inceneritore e della centrale A2A, ma da un giorno all’altro non si possono fermare. E se un’azione utile può essere quella di limitare il traffico e la velocità su strade provinciali e autostrada intorno alla città, perchè non provare?

    2. Ghirardelli, poveretto, ci prova a far qualcosa. In città lo snobbano, e non lo invitano ai tavoli tecnici assieme ai sindaci dell’area critica. I suoi provvedimenti sono definiti inutili dallo stesso ministro dell’ambiente prestigiacomo, della sua stessa area politica. che deve fare?

    3. povero Ghirardelli. Vedrete che fra poco gli trovano un posticino in qualche CDA e lo dimettono. Dice delle cose giuste. Assolutamente inconcepibile!!

    4. Che polemica stupida… respiratevi allora allegramente l’aria schifosa, inquinatela ancora di più con i vostri bei SUV veloci e scattanti, e non lamentatevi. E soprattutto, tenetevi quella bella massa di assessori comunali nullafacenti, capaci solo di blaterare del nulla sui giornali e di godersi le ripicchine interne di corrente nei confronti di un assessore provinciale che invece si è dimostrato sensibile al problema, ha deciso subito cosa fare e soprattutto ne ha avuto il coraggio, sapendo bene a quali polemiche sarebbe andato incontro. Certo, poi il materiale umano fra chi fa politica è quello che è, visto che prevale la stupidità di chi esclude la Provincia da un tavolo in cui la competenza di coordinare gli altri enti è proprio della Provincia. La classe non è acqua.

    LEAVE A REPLY