Campo sinti, l’articolo del Corriere fa scattare la solidarietà per il piccolo Tommaso

    0

    Si chiama Tommaso il bambino di 15 mesi che vive nel campo sinti di via Orzinuovi e che soffre di H-ABC, una malattia genetica rarissima. Tommaso vive grazie a un sondino fissato a una narice e a una macchina per l’ossigeno pronta all’occorrenza. L’altra sera il Comune – nel contesto del contenzioso aperto con alcune famiglie sinti – ha staccato la corrente al campo di via Orzinuovi e Tommaso ha rischiato di morire. La sua storia è stata raccontata oggi da Paolo Di Stefano, giornalista del Corriere della Sera. L’articolo ha alimentato una catena di solidarietà: un lettore milanese del Corriere ha contattato la Camera del Lavoro di Brescia e i genitori di Tommaso per avere ulteriori informazioni. A breve il lettore, insieme ad altri amici milanesi, farà una sottoscrizione per sostenere le spese per le visite specialistiche di cui necessita Tommaso.

     

    FONTE: CGIL

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Strumentalizzare lo stato di salute di un bambino per propaganda politica: questa è una vergogna!!! Se sta male e i genitori lo fanno vivere in mezzo al fango e sul tracciato di un metanodotto sono degli irresponsabili e dovrebbero intervenire immediatamente i servizi sociali. Il signore che si sta mobilitando dovrebbe pensare anche ai tanti bambini italiani che sono affetti da malattie gravi e non hanno soldi a sufficienza per essere curati. Ma forse aiutare un bambino di altra etnia dà più visibilità mediatica e fa ricevere più complimenti. Ricordiamoci che queste famiglie hanno firmato un patto che ora non vogliono più rispettare.

    2. MESSAGGIO CANCELLATO DALLA REDAZIONE PERCHE’ CONTENEVA INSULTI O VOLGARITA’ O CONSIDERAZIONI VERSO TERZI PASSIBILI DI DENUNCIA: INVITIAMO L’INTERESSATO AD ATTENERSI ALLE REGOLE DEL BUON SENSO O SAREMO COSTRETTI, SU RICHIESTA, A SEGNALARE L’IDENTIFICATIVO DELLA SUA CONNESSIONE A CHI DI DOVERE.

    3. Caro bresciano (???) lei saprà meglio di me che la corrente elettrica nei campi nomadi va e viene in continuazione, praticamente ogni giorno. Ciò significa che quel bambino ogni giorno rischia la propria vita.

    4. infatti gli zingari generalemente si attaccatno a fili della luce, acqua e corrente abusivamente!! e questo bresciano sa perfettamente che non è falso!!

    5. Scusino i commentatori che mi hanno preceduto, ma non si sta parlando di un campo di proprietà del Comune? E come mai è su un metanodotto? E poi, nei campi del Comune ci si attacca forse a "fili della luce ed acqua" abusivamente? Chi sa, mi spieghi…

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome