Canton Mombello sovraffollato, Labolani: proviamo con i braccialetti elettronici

    0
    Bsnews whatsapp

    Braccialetti elettronici al posto del carcere per combattere il sovraffollamento di Canton Mombello. A proporre la soluzione è l’assessore comunale ai Lavori pubblici Mario Labolani.

     

    DI SEGUITO IL COMUNICATO STAMPA

     

    Il carcere di Canton Mombello è predisposto per ospitare sino a 204 detenuti, ad oggi sono oltre 540!! E’ una situazione inammissibile, disumana e sono ormai mesi e mesi che chiedo soldi per poter costruire un altro Istituto di pena. Sono, da sempre a favore della certezza della pena, ma questa deve essere scontata in condizioni che non ledano i diritti fondamentali dell’essere umano. La protesta in atto è quindi giustificata, soprattutto se si riflette sui problemi igienici e di convivenza conseguenziali ad un sovraffollamento del genere. La situazione è grave e rischia di diventare ingestibile se non si corre ai ripari, una soluzione alternativa- da valutare i costi- potrebbe essere l’utilizzo dei bracciali elettronici per gli arresti domiciliari, questi strumenti consentirebbero anche di limitare i controlli ad opera delle forze dell’ordine, garantendo la conoscenza esatta in ogni minuto della posizione dei detenuti dotati di tale dispositivo.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Ma l’assessore invece di fare proposte al mondo perché non fa qualcosa di concreto???? Non credo che spetti a lui decidere se usare o meno i braccialetti elettronici. E se spetta a lui lo faccia subito!

    2. Proposta intelligente…. E’ positivo che un politico si interessi a questro problema invece di fare come molti leghisti che butterebbero la chiave per fini elettorali e tanti saluti………………

    3. Bisogna aver visto Canton Mombello per capire di cosa parliamo. Io ho pagato il mio debito, ma posso dire che quel carcere è un inferno e non può rieducare nessuno a niente in questo modo. Da lì si esce più arrabbiati di prima e non certo redenti!!!!

    4. Perchè l’assessore LaboLabo non fonda il suo partito? In queso modo può intervenire su tutti gli argomenti…..altrimenti gli consiglio di occupare il suo tempo a svolgere al meglio le deleghe assessorili che il buon Paroli gli ha dato!!!

    5. un giorno castrazione chimica ed ergastolo, il giorno dopo, fuori tutti col braccialetto elettronico… va bene rincorrere l’onda ma bisogna trovare una linea minimamente coerente: se si scrive che la pena deve essere compatibile con condizioni che non ledano i diritti fondamentali dell’essere umano, bisogna rassegnarsi a non sventolare la richiesta di condannare alla castrazione chimica (e all’ergastolo!) gli imputati di reati sessuali. Se si decide per il buon senso, io ne sarò felice.

    6. per cinquepalmi La certezza della pena è basilare per una società vivibile, ma finchè non sarà fatta una nuova edificabilità carceraria bisogna adotttare alternative per alcune pene come il braccialetto elettronico. Ben diverso l’atteggiamento per reati come pedofilia e violenza sessuale che vanno contrastati anche con provvedimenti di carattere medicoscientifico. Per tutti fare l’assessore incessantemente permette anche di fare politica per il mio partito a parte il ruolo amministrativo

    7. è incredibile la superficialità, il pressapochismo, l’ignoranza (nel senso di non conoscenza), la spudoratezza con cui ci si lancia in affermazioni, richieste, proposte pubbliche. il commento più intelligente è quello di ex detenuto, l’unico che abbia le carte in regola per dire la sua. Propongo la castrazione chimica verbale per chi parla senza conoscere

    8. Ma Labolani non era assessore ai lavori pubblici, evidentemente interviene sempre su tutt’altro per mascherare il fatto che non ha concluso niente. VA’ A LAURA’

    RISPONDI