Pareggio amaro al Rigamonti, poteva essere vittoria. Caracciolo si fa parare un rigore nel finale

    0

    Un punto amaro. Perché, incredibile a dirsi, contro l’Inter il Brescia poteva portare a casa i tre punti. Dopo aver acciuffato il pareggio a sei minuti dalla fine, all’89 le Rondinelle hanno infatti avuto la possibilità di portarsi in vantaggio; un rigore per fallo di Cordova su Eder. Sul dischetto è andato Caracciolo ma la palla della vittoria si è infranta sui guantoni di Julio Cesar. Due punti buttati via, verrebbe da dire. Anche se la partita ha visto la superiorità dei nerazzurri per tutto il primo tempo, con un Brescia timido, soprattutto nella prima mezz’ora. Al 18′ il gol di Eto’o e per l’Inter la partita sembra in discesa. Nella ripresa però la squadra di Iachini scende in campo con più grinta, alza il baricentro e aggredisce alta. Insomma, se la gioca alla pari, anche se sono gli uomini di Leonardo a costruire le migliori occasioni da rete. Finale scoppiettante con il pareggio di Caracciolo (su angolo) e il rigore fallito. Cordoba decisivo in negativo: fornisce l’assist a Caracciolo per l’1-1 e poi procura il rigore. Julio Cesar evita il ko. Con questo pareggio – il quarto di fila – le rondinelle restano penultime in classifica, a due punti da Lecce e Cesena che devono ancora scendere in campo. E domenica 20 marzo la squadra di Iachini è attesa a Torino dalla Juve.

     

    LA CRONACA

    Parte bene il Brescia. Al 7′ Zebina in area nerazzurra non riesce a liberarsi per il tiro. Al 9′ Bella giocata di Koné che crossa in area perCaracciolo. Colpo di testa però centralissimo e facile parata di Julio Cesar. Al 10′ Pandev per Sneijder e destro potente dal limite: sfera di poco sul fondo. Al 12′ Nagatomo salta Zambelli sulla sinistra, penetra in area e conclude di esterno destro, Arcari salva in corner. Al 18′ il gol dell’Inter: corner di Sneijder, Ranocchia colpisce di testa e trova Eto’o pronto alla deviazione sotto porta. Al 20′ ci prova Pandev con una conclusione dal limite, para Arcari. Al 27′ punizione dal vertice destro dell’area di Sneider, Arcari blocca in presa plastica. Al 34′ occasione per il Brescia: Koné defilato sulla destra serve Caracciolo in area che arriva in corsa, controllo non perfetto dell’Airone che poi cerca uno spettacolare pallonetto da posizione defilata ma la palla finisce alta. Al 42° Zebina salva il Brescia dallo 0-2: scivolata in extremis Scivolata del difensore che toglie la palla dai piedi di Pandev, pronto a calciare in area. Al 45′ buona azione sulla destra del Brescia con una doppia sovrapposizione, cross di Zebina, Julio Cesar anticipa Caracciolo.

    Ripresa, come detto, più equilibrata. Al 49′ occasionissima per il Brescia: Caracciolo a tu per tu con Julio Cesar che para. Al 55′ palo dell’Inter: tiro dal limite dell’area di Sneijder che colpisce il palo alla destra di Arcari. Sul capovolgimento di fronte Brecsia pericoloso in contropiede: Diamanti lancia Kone’ che – in netto fuorigioco – calcia la palla in rete. Ammonito. Al 63′ scambio tra Pandev e Pazzini in area, il macedone calcia verso la porta ma Arcari blocca tutto. Al 71 occasione Inter: cross dalla destra di Maicon, la palla è respinta fuori area, arriva Sneijder che lascia partire una gran botta dai 15 metri: Arcari è sulla traiettoria e blocca. Al 76′ proteste del Brescia per un possibile rigore: Koné attacca a destra, crossa e la palla colpisce il braccio di Nagatomo. Per Rocchi non è rigore, Nagatomo era a meno di un metro. All’80’ altra occasione per Pandev che si trova a distanza ravvicinata con Arcari che sbroglia la situazione anche se resta stordito in seguito al contatto. All’84’ il pareggio del Brescia: calcio d’angolo di Diamanti, Cordoba colpisce di testa ma manda la palla all’indietro e Caracciolo spizza di testa, beffando Julio Cesar. All’88 contropiede micidiale del Brescia portato avanti da Diamanti che salta un avversario, subentra Eder che si invola verso la rete inseguito da Cordova. Il colombiano lo atterra: rigore ed epulsione del difensore interista. Sul dischetto va Caracciolo, ma Julio Cesar para e manda in angolo. Al 93′ Kharja stoppa al volo in area, perde l’attimo per calciare e poi cade a terra a contatto con Lanzafame. Per l’arbitro tutto regolare. Al 50′ contropiede Brescia, Eder anticipa Julio Cesar in uscita, salva Stankovic spazzando in fallo laterale

     

    I COMMENTI

    Queste le parole di Diamanti ai microfoni di Sky a fine gara: “Abbiamo fatto una grande prestazione, lottando dall’inizio alla fine. Un Brescia generoso che non ha mai mollato. e questi sono segnali positivi per la corsa verso la salvezza” Abbiamo dimostrato di essere all’altezza della Serie A; fare punti contro i nerazzurri non è mai facile , per questo dobbiamo essere soddisfatti di noi stessi e della nostra prestazione”.  Sul rigore sbagliato da Caracciolo: “Purtroppo c’è anche un po’ di delusione per il rigore sbagliato, ma questo è il calcio recriminare non serve a nessuno, dobbiamo guardare avanti”. L’ultimo pensiero va al pubblico: “Straordinario, fantastico… speriamo che ci incoraggi sempre cosi'”.

     

    IL TABELLINO

    BRESCIA (3-5-2) Arcari; Zebina, Bega, Zoboli; Zambelli (16′ st Eder), Konè, Vass (37′ st Lanzafame), Hetemaj, Berardi (25′ pt Daprelà); Caracciolo, Diamanti. (Sereni, Mareco, Baiocco, Possanzini). All. Iachini.
    INTER (4-2-3-1) Julio Cesar; Maicon, Lucio (20′ st Cordoba), Ranocchia, Nagatomo (33′ st Materazzi); Zanetti, Stankovic; Pandev, Sneijder, Eto’o; Pazzini (25′ st Kharja). (Castellazzi, Kharja, Mariga, Obi, Coutinho). All. Leonardo.
    ARBITRO: Rocchi di Firenze.
    SPETTATORI: 21.000 circa.
    ANGOLI: 5-6
    ESPULSI: Cordova e Caracciolo
    AMMONITI: Daprelà, Zebina, Caracciolo, Maicon, Konè
    RETi 18′ pt Eto’o, 39′ st Caracciolo.  

     

    LE PAGELLE

    ARCARI 7.5
    ZEBINA 6.5
    BEGA 6
    ZOBOLI 6
    ZAMBELLI 5.5
    KONE 7
    VASS 6
    HETEMAJ 5.5
    BERARDI 5.5
    DIAMANTI 5.5
    CARACCIOLO 6
    subentrati
    DAPRELA 5.5
    EDER 6.5
    LANZAFAME 6

     

    LA CLASSIFICA

    Milan 61 Inter 57 Napoli 53 Lazio 51 Udinese 50 Roma 46 Juventus 41 Palermo 40 Cagliari 39 Fiorentina 37 Bologna (-3) 36 Genoa 35 Chievo 32 Sampdoria 31 Parma 29 Catania 29 Cesena 28 Lecce 28 Brescia 26 Bari 16

    * Inter e Brescia una partita in più  

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Vabbè…senza Caracciolo non si pareggiava! Io sono contento, abbiamo dimostrato di essree da serie A. Se continuiamo così ci salviamo!!!! Domenica prossima arriveranno o tre punti, si gioca con la Juve :-))

    2. AIRONE DISPERAZIONE !!!! BASTA, BASTA NON LO POSSO PIU’ VEDERE IN CAMPO QUESTO CIABATTONE, SE ANDIAMO IN B E’ SOLO GRAZIE AI SUOI NONGOL!
      PER FORZA CHE A GENNAIO NON E’ STATO CEDUTO PURTROPPO, MA CHI LO VUOLE UNO CHE FA LA DIFFERENZA PER GLI AVVERSARI….ALLA FINE DEL CAMPIONATO GRAZIE A LUI CI MANCHERANNO QUEI 6-7 PUNTI BUTTATI PER LE SUE CIABATTATE ! IN PANCA A VITA

    3. assurdo, assurdo ma vero ! mediocre, scarso, indisponente, tecnicamente poca cosa…rivedere lo stop… a seguire in area…nemmeno graziani
      riusciva a fare peggio ! airone sei davvero bollito e lesso come un pollo arena, al posto dei piedi hai due scafandri…ma vai a giocare all’ Akragas che ti accolgono a braccia aperte !! tribuna a vita per uno così…..rimpiango tare !!

    4. dimenticavo…..daprelà da paura ragazzi, ma dove l’hanno scovato questo quì ?? e sto jhonatas che l’hanno pigliato a fare ? per adottarlo a distanza ? peccato, la squadra gioca bene, ma purtroppo abbiamo l’eccellenza della scarsità in attacco…AIRONE = DISPERAZIONE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    5. e adesso pure il cesena pareggia con la juve….quindi ringraziamo ancora e sempre l’airone perchè come volevasi dimostrare la sua pochezza di scarso attaccante ci riporta in b ! a tutti quei bei giornalisti e opinionisti delle tv, vedasi parole di calcio,nessuno ha il coraggio di dire che il problema del brescia e’ solo caracciolo, che ha sempre fallito in a e che non è all’altezza, quindi corioni che ha impiantato la squadra su un bidone fatto e finito come l’airone ! avessimo un di vaio saremmo a 34-35 punti !!! pazzesco, spero gli diano 20 giornate di squalifica a sto isterico !

    6. anche zambo è cresciuto, ma quando metterà un bel cross teso in area ? almeno pare che la condizione fisica ci sia, con beretta 11 zoombies in campo senza idee. grandissimo arcari e bravo konè un cavallone di razza che sa saltare l’uomo. speriamo, ho visto la juve, davvero mediocre e distante anni luce da inter milan e napoli, c’è sempre l’incognita di un arbitraggio, come sarà ? possiamo farcela, dobbiamo vincere, vincere, vincere e eder con la sua velocità può creare molte difficoltà ai paracarri della juve in difesa. dai ragazzi, fate il miracolo !!!!

    LEAVE A REPLY