Assemblea pubblica sulla situazione-inquinamento: la Vilardi non si fa vedere

    0
    Bsnews whatsapp

    (a.c.) Era attesa. Gli organizzatori l’hanno invitata da tempo, assieme al responsabile del settore Ambiente del Comuni di Brescia.

    Le avrebbero chiesto perché dopo 8 anni, dal 2003, ancora non è partita la tanto discussa (e costosa) bonifica delle aree a sud della Caffaro.

    Le avrebbero chiesto perché non sono stati ripristinati, dopo i furti, i cartelli che richiamano l’attenzione sul rischio per la salute fuori dal parchi, lungo le rive dei fossi.

    Le avrebbero chiesto di intraprendere una indagine precisa e puntuale per sapere quali singoli orti sono inquinati, come è stato fatto al quartiere Primo Maggio.

    Le avrebbero chiesto se a distanza di anni c’è ancora un pericolo reale per la salute derivante dalla presenza nel suolo di Pcb, diossine e cloro esavalente.

    Le avrebbero chiesto di poter vedere, costantemente aggiornato sul sito del comune, l’andamento dell’inquinamento nei loro quartieri.

    Queste, e tante altre domande i cittadini di Chiesanuova, della Noce e Girelli, avrebbero posto all’assessore all’Ambiente Paola Vilardi durante l’incontro pubblico oranizzato per ieri pomeriggio. Ma lei non c’era. Al suo posto due tecnici comunali.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. MESSAGGIO CANCELLATO DALLA REDAZIONE PERCHE’ CONTENEVA UNA DELLE SEGUENTI VIOLAZIONI ALLA POLITICA DEL SITO: – INSULTI O VOLGARITA’ – SPAM – VIOLAZIONE DEL COPYRIGHT – CONSIDERAZIONI CHE NECESSITANO DI UN APPROFONDIMENTO ANCHE LEGALE – CONSIDERAZIONI VERSO TERZI PASSIBILI DI DENUNCIA. INVITIAMO L’INTERESSATO AD ATTENERSI ALLE REGOLE DEL BUON SENSO O SAREMO COSTRETTI, SU RICHIESTA, A SEGNALARE L’IDENTIFICATIVO DELLA SUA CONNESSIONE A CHI DI DOVERE.

    2. attacco personale ingiusto e immeritato.
      Sarebbe quantomeno da giornalisti imparziali chiedere un suo commento prima di sbattere la vicenda in prima pagina.

    3. Ormai è risaputo che dove c’è il rischio di contestazioni o domande scomode sull’inefficienza della Pubblica Amministrazione in materia ambientale, che a Brescia corrisponde alla terza città più inquinata d’Europa, i nostri assessori preferiscono disertare gli incontri, o come è successo in alcuni altri casi, convocare assemblee dall’oggi al domani, della serie: la democrazia da nascondere!

    4. Per la REdazione. Non credevo di aver violato tante norme dicendo che l’assessore non si ricorda più di esserlo anche all’ambiente e che qualcuno dovrebbe ricordarglielo. Però se lo dite voi….accetto la cancellazione.

    RISPONDI