Bisinella (Pd) contro il sindaco di Tremosine: ha instaurato un clima intimidatorio

0
L'ex segretario provinciale Pietro Bisinella
L'ex segretario provinciale Pietro Bisinella

Nel ribadire il sostegno alla lista civica “Tremosine al Centro”, il segretario provinciale del Pd Pietro Bisinella “denuncia il clima avvelenato e intimidatorio” che il sindaco Diego Ardigò ha instaurato a Tremosine.

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO:

 

Sono due mandati che la lista civica è presente come unica forza in Consiglio comunale, ma il sindaco Ardigò in questi dieci anni ha tenacemente indirizzato tutti i suoi sforzi proprio contro la minoranza. Manifesti fatti strappare per suo ordine, in disprezzo delle leggi, una serie di controlli edilizi ai capogruppo di minoranza, strani controlli contro chi dissente dal suo operato. Azioni che ricordano tanto certi dittatori di paesi sudamericani, più che un sindaco di un paese dell’alto Garda. “Per questo – sostiene Bisinella – la nostra attenzione sarà sempre alta e costante, perché non si verifichino ancora privilegi antidemocratici o venga utilizzata come merce di scambio elettorale l’approvazione di uno strumento come il piano regolatore.

E il caso di Campione è illuminante: sono agli atti una serie di convenzioni, deliberazioni e ordinanze emesse per “premiare” l’operato di qualcuno o, di contro, per colpire gli abitanti della frazione a lago, espropriati dei parcheggi e dei beni pubblici, rei di avere votato contro Ardigò.

Come illuminante è l’apertura di nuovi mutui per opere a lago che di pubblico hanno ben poco e che rischiano di appesantire il bilancio del Comune di Tremosine, con scelte amministrative che il Pd non approva

Tutta questa vicenda – che ha comportato anche le dimissioni di tre dipendenti comunali, tra cui due responsabili di servizio, oltre all’elezione del terzo segretario comunale in due anni e alle fresche dimissioni dell’assessore ai lavori pubblici Arrighini, capogruppo della maggioranza – sta di fatto segnando un periodo di grave inerzia amministrativa.

Una corretta amministrazione rispetta le regole e le leggi, ha rispetto per gli avversari politici, dà l’esempio con i comportamenti. Ardigò tutto questo non lo fa, non lo sa fare e non è interessato a farlo. Ci stupisce che chi è stato eletto con lui accetti tutto questo”.

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. ahahahahahahaha quelli di sinistra si lamentano del clima intimidatorio?questa e’ la piu bella degli ultimi 2 anni……….con gli amici dei centri sociali come la mettiamo?

  2. MA QUESTO ARDIGO’ NON DEVE ESSERE PROCESSATO? ALLORA ATTENDIAMO COSA DIRA’ LA MAGISTRATURA E POI SI CONOSCERA’ MEGLIO LA FIGURA DI QUESTO SINDACO: SEMPRECHE’ NON SI DEBBANO ATTENDERE TEMPI BIBLICI.

  3. che c’entrano i centri sociali in questo discorso. Ma possibile che si debba sempre deviare dal tema, postando frasi fini a se stesse?

  4. Chi sn gli amici dei centri sociali??? La Lega aveva detto ke se vincevano le elezioni vietavano la festa di radio onda d’urto. La festa è stata confermata!!!

  5. i centri sociali son ,da sempre,usati per intimidire gli aqvversari,e ne sanno qualcosa i sindaci che provano a festeggiare il 25 aprile.quanto alla festa,mi fa piacere sia stata confermata,anche perche’ non e’ bello far divieti a colpi di decreti,l’importante e’ che il finale sia diverso da grosseto………………….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome