Loggia, (quasi) tutto pronto per la verifica di sabato. Ma le aspettative sono diverse

    0
    Bsnews whatsapp

    Per la "verifica" di sabato è (quasi) tutto pronto. I consiglieri e gli assessori della maggioranza di Palazzo Loggia si riuniranno in un hotel ancora da definire, dalle 9 di mattina alle 19. La scaletta della giornata è stata decisa ieri durante un’animata riunione di tutta la maggioranza, le cui attività sono state coordinate dal sindaco Adriano Paroli e dal consigliere Angelo Piovanelli. I presenti si sono lasciati con l’impegno di mantenere un rigoroso silenzio stampa. Ma qualche notizia è comunque arrivata a Bsnews.it. Da 13 ai 15 i punti all’ordine dei lavori, che riguarderanno soprattutto le opere pubbliche in corso e progettate. Con una distinzione interna non soltanto formale. Su alcuni temi, infatti, gli assessori competenti faranno una semplice comunicazione (è il caso, ad esempio, dello stato di avanzamento dei lavori della Pinacoteca e della Piscina di Mompiano). Mentre su altri – come il Parco dello sport, l’abbattimento della torre di San Polo e il "ciambellone" Eib – si aprirà la discussione. Resta da capire però quanto sarà vero il confronto sui singoli punti. Tra i protagonisti, infatti, qualcuno vede l’occasione di sabato come una semplice passerella e un’occasione per "educare" i consiglieri di maggioranza su alcuni temi. Altri, invece, vorrebbero che sabato si ridiscutano anche le priorità dell’azione amministrativa. E non è facile capire oggi come entrambi i fronti possano uscire soddisfatti dall’incontro.

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Ecco una parte della classica dinamica consiglieri di maggioranza e assessori di maggioranza.

      Consiglieri:
      – non mi coinvolgi!
      – non mi informi!

      Assessori:
      – sei passivo, ti devo imboccare?
      – un giretto negli uffici ogni tanto?
      – ti rosica che io sono assessore e tu no?

    2. Il problema è che Il Sindaco Paroli ha costituito una Giunta che non si è dimostrata all’altezza del cambiamento richiesto dai bresciani, ha seguito come criterio una pure e semplice spartizione dei partiti,dove la meritocrazia, il rinnovamento delle persone non esiste e questo giustamente non crea consenso. Per invertire l’attuale declino del PDL a Brescia quindi evitare che tra due anni si verifichi quello che è accaduto a Milano, Napoli e altre città,il sindaco Paroli dovrebbe azzerare l’attuale Giunta è sostituirla con altre persone tali da rappresentare il cambiamento e rinnovamento politico richiesto dai cittadini bresciani.

    3. Che alcuni membri della giunta non siano dei Nobel può essere (ma chi di voi lo è?), ma a loro è richiesta una capacità amministrativa maggiore di quella richiesta ai loro predecessori, a causa della diminuzione delle risorse. E’ facile amministrare in anni di vacche grasse.

    4. Condivido pienamente che questo è un periodo di vacche magre per le finanze del comune di brescia, allora mi chiedo, perchè invece di fare ploclami per progetti che non potranno mai essere realizzati la Giunta non si concentra eclusivamente su quelli che possono essere effettivamente realizzati durante questo mandato.I cittadini alle prossime elezioni valuteranno le cose effettivamente realizzate da questa amministrazione e non i proclami che son "Parole solo Parole".

    RISPONDI