La Lega Nord camuna attacca il Pdl: patti violati su Comunità montana e Bim

    0
    Bsnews whatsapp

    Con una nota la Lega nord camuna attacca duramente il Pdl, “reo” di aver violato i patti sugli enti comprensoriali della valle, e ribadisce la propria volontà di “diminuire i costi della politica accorpando il Bim e la Comunità Montana”, diminuendo i costi di gestione degli stessi.

    ECCO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO

    Per le elezioni provinciali e amministrative del 2009 la LEGA NORD (rappresentata da Mario Maisetti) e il PDL (rappresentato da Franco Nicoli Cristiani, l’On. Giuseppe Romele e successivamente anche dal Coordinatore Provinciale On. Viviana Beccalossi) sottoscrissero un accordo politico con tanto di articoli di giornali, interviste e conferenze stampa in pompa magna.

    Tale accordo politico, valido anche per gli Enti Camuni Sovracomunali (BIM, Comunità Montana, Società partecipate dagli Enti Locali), aveva le seguenti linee guida: Accorpamento degli Enti ed eliminazione di quelli inutili; Taglio delle poltrone; Taglio dei compensi; Taglio netto a consulenze e incarichi; Razionalizzazione della spesa; Salvaguardia dei posti di lavoro; Distribuzione degli introiti del BIM ai Comuni in maniera equa, solidale, diretta e trasparente; Apertura a tale programma a TUTTE le forze politiche e rappresentanze civili che lo avessero condiviso, a prescindere delle ideologie di appartenenza.

    Passata la bagarre delle elezioni amministrative quell’accordo per le altre forze politiche è diventato carta igienica: alla prova dei fatti tutti, in particolar modo la PDL,  sono andati in ordine sparso promuovendo le proprie personali convenienze e convergendo nel famoso “accordo istituzionale centrosinistra/centrodestra/liste civiche paritario per un governo degli enti locali”.

    La LEGA NORD coerentemente a quanto promesso ai propri elettori ha continuato a lavorare focalizzata sugli obiettivi prefissati.

    Dopo un anno e mezzo la nostra caparbietà e una continua azione di convincimento hanno dimostrato l’inconsistenza e l’incapacità di chi si proponeva come fenomenale oracolo del rilancio economico della Valle (primo tra tutti il Presidente del BIM Francesco Gelfi).

    Oggi il nostro programma è diventato un accordo programmatico che in Comunità Montana è sostenuto dalla maggioranza dei Comuni convinti che non c’è più “trippa per gatti” e che non c’è più tempo da perdere: tale programma molto presto diverrà il punto di riferimento di una nuova maggioranza anche al BIM.

    Entro fine anno è nostra intenzione:

    • diminuire i costi della politica accorpando il BIM e la Comunità Montana attraverso la nomina di un unico Consiglio di Amministrazione e un unico Presidente.

    • migliorare l’efficienza e l’efficacia dei servizi sociali unificando le aziende e razionalizzando le prestazioni.

    La LEGA NORD continuerà sempre a lavorare per mantenere gli impegni solennemente pattuiti con gli elettori

    Comments

    comments

    Ufficiostampa.net

    CALCIOBRESCIANO
    CONDIVIDI

    UN COMMENTO

    1. Maisetti racconta frottole: nell’accorpamento tra il BIM e comunità montana non c’è nessun risparmio, lo sanno tutti che oggi gli amministratori non percepiscono nulla. Siano per una volta onesto e meno ipocrita e ammetta che preferisce stringere accordi con la sinistra perchè deve rispondere al padrone della Lega dell’alta valle che vuole, per opportunità personale, continuare a fare ciò che fa con la sinistra della vallecamonica non per l’interesse dei camuni. Maisetti sia coerente e si dimetta da assessore della provincia, dove dimostra la sua incapacità e tiene stretta la sedia remunerata con coloro che critica in valle, il PDL.

    2. ECCO UN ALTRO UOMO "COMPETENTE" LEGHISTA……CHE RIESCE A DISTORCERE LA REALTA …..POI SI PERDONO LE ELEZIONI
      COMPLIMENTI ALLA CLASSE DIRIGENTE LEGHISTA…..HO PAURA NON SOLO CAMUNA

    3. Non è una barzelletta….come assessore provinciale si è remunerati anche bene….ecco perchè la Lega che, al pari degli altri partiti pensa ad occupare poltrone e …poltroncine , non si batte per l’eliminazione delle province. Gli altri amministratori di cui si sta parlando non godono di altrettanti benefici…

    4. il presidente e gli assessori della comunità montana non percepiscono emolumenti, altrettanto vale per il consiglio di amministrazione del BIM ( è previsto dalla legge a partire dal 2009), quindi Maisetti mente sapendo di mentire e prende in giro il popolo camuno!!

    RISPONDI