Rolfi: “L’ordinanza anti-bici? E’ identica a quella di Corsini del 2005”

0
Bsnews whatsapp

L’ordinanza contro il parcheggio selvaggio delle bici? Identica a quella che Corsini fece nel 2005. A scriverlo sul suo sito è il vicesindaco di Brescia, con delega alla mobilità, Fabio Rolfi.

“Potete leggere nell’allegato – scrive Rolfi – copia dell’ordinanza emanata nel 2005 dall’allora giunta di centro sinistra guidata da Paolo Corsini, (di cui, ad esempio, Laura Castelletti era un autorevole rappresentante in qualità di Presidente del Consiglio Comunale), che vietava in tutta l’area della stazione  “il deposito di  velocipedi”, stabilendo anche il divieto di legare  gli stessi “con qualsiasi mezzo, ai pali di illuminazione o agli elementi d’arredo presenti nell’area”.

"Un provvedimento simile, per non dire identico, a quello adottato in questi giorni (peraltro rimasto vigente sempre sino all’adozione della nuova ordinanza) ma con la differenza che solo nel 2008 è stata aperta la pensilina di Brescia Mobilità in stazione che oggi permette un’alternativa quale oltre 400 posti di sosta per biciclette ampia e sicura (con diversi servizi annessi). E’ evidente che a distanza di 5 anni, qualcuno può non ricordare ciò che ha fatto e condiviso così come è vero che si può cambiare idea. Altrettanto vero è che l’ipocrisia non ha limiti. Ai lettori l’ardua sentenza…"

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Rolfi, dunque, sostiene che la sua ordinanza è buona perchè uguale a quella di Corsini. Cioè un vero leghista fa quello che fa un vero comunista e se ne vanta. Questa sì che è una novità. Speriamo anche che, come tutte le leggi italiane, anche questa venga applicata per tre giorni e poi abbandonata, fino al prossimo editto del prossimo sceriffo da strapazzo.

  2. Ma se c’era già un’ordinanza identica ("peraltro rimasto vigente sempre sino all’adozione della nuova ordinanza") perchè non applicare quella invece di perdere tempo con una nuova, identica??????
    Misteri del buon governo…..

  3. ahahahah…in pratica Rolfi ha copiato Corsini! Ma io mi chiedo: ma questa città è così al sicuro da poter mettere i propri vigili a dar multe alle bici invece che occuparsi di truffe agli anziani, scippi, rapine, catenine strappate (episodi guarda caso in ascesa)???

  4. Con il carisma che lo contraddistingue ha deciso la linea dura con i parcheggiatori di biciclette in doppia fila. Che uomo impavido: dopo la task force contro i writers quattordicenti ci va di nuovo con il pugno duro per colpire le signore che vanno a far la spesa in bicicletta.
    Grazie per averci reso ridicoli a livello nazionale.
    Sicuramente nell’edizione serale il tg1 darà questa fondamentale specificazione: siccome l’aveva fatto Corsini va bene.

    Sarà che quando eri ragazzino i tuo compagni di giochi di mazzavno di botte giorno si e giorno no, però non è che adesso te la puoi prendere con noi.

  5. Ma scusate , a prescindere se Rolfi abbia copiato Corsini o meno, a me , che non giro in auto , ma in bici o a piedi pare una buona ordinanza. Certe le leggi vanno bene, meno quando ci colpiscono direttamente. Le bici non si possono legare ai lampioni…ecc ecc, cosa c’è che non va in questa ordinanza di buon senso……E…Rolfi non mi piace neppure….però stavolta ha ragione

  6. Il problema è che la precedente Giunta multava le auto in piazza Loggia e lasciava perdere le biciclette. Rolfi invece colpisce le biciclette e non le auto in divieto in pieno centro storico. Ma ormai lo sappiamo tutti che il centro storico è diventato un garage.

  7. Rolfi prima di multare metta rastrelliere a sufficienza. Ad esempio il vice sindaco è stato informato che in certi orari è impossibile trovare spazio x le bici in stazione. Perciò con questa sua rigida applicazione del regolamento mi costringe ad andare in auto, aumentando l’inquinamento, spendendo di più x le sue fisime.

  8. Che fffffiguraaaaa devo rileggere il post sul sito della Castelletti! Se quello che dice sceriffo e’ vero la signora stavolta ha fatto una bella gaffe!

  9. Bel modo di vantarsi quello di Rolfi. Dice di fare le stesse cose della Giunta Corsini. Complimenti, ma allora che si è candidato a fare per opporsi all’Amministrazione precedente? La stessa cosa la sta facendo con la pseudo pedonalizzazione del centro storico. Idem con patate della riedizione del Progetto mobilità denominato "il cuore della città". Copiano solo il peggio!

  10. chi si giustifica dicendo di aver fatto come Corsini o è un pappagallo o non sa dove aggrapparsi.
    Il problema qui non è l’ordinanza (che può essere considerata valida nel momento in cui le strutture per i ciclisti compaiono e che scagiona la Castelletti che non ha preso nessuna batosta), ma il disincentivo che crea questa norma prima ancora di aver creato piste (quella presenti sono ridicole e malmesse e inutili) e rastrelliere (scarsissime e ingombranti).
    Tagliar le gambe prima ancora di venire incontro al cittadino, ma che modo è di fare servizi? quando edrò piste e rastrelliere e parcheggi gratuiti in stazione allora lascerò i pali solo alle pipì di cane.

  11. Rolfi vogliamo usare la bici come hanno sempre fatto i nostri nonni e i nostri genitori senza prendere multe perchè appoggiamo la bici ad un palo..anche perchè trovare rastrelliere libere in città non è proprio facile.

  12. Invece di fare il figo in Corso Zanardelli Rolfi impieghi un giornata del suo tempo a percorrere le piste ciclabili (ciclabili?????) di Brescia e si renderà conto dello stato pietoso in cui versano, fra auto posteggiate sopra, segnaletica cancellata, interruzioni per cantieri anche finiti da un pezzo, asfalto a pezzi, motociclette che imitano Stoner, furgoni con le 4 frecce per ore, piste che scompaiono nel nulla, rotonde pericolosissime. Dopodichè sarà autorizzato ad aprire bocca e a dire la sua.
    p.s. che razza di amministratore è quello che invece di applicare un’ordinanza già in vigore ne emana un’altra per metterci la sua firma? Col risultato della figuraccia che sta facendo? Almeno, se avesse applicato l’ordinanza Corsini, avrebbe avuto con chi prendersela!! Mica tanto furbo il ragazzo

  13. Andrea non sa che proprio grazie a ROLFI è stato appena stilato un piano della ciclabilità urbana per ammodernare tutte le schifose piste ciclabili fatte dai suoi amici Corsini e Brunelli.

  14. ALBERTO parla di struttura, ma non sa che al tempo della giunta appoggiata dalla Castelletti non c’era un parcheggio da 500 posti in stazione. ora invece c’è! questa è la vostra ipocrisia. il tutto è dettato dall’invidia verso i continui successi di Rolfi.

  15. I fatti: la precedente giunta non aveva multato nessuna bicicletta, mentre Rolfi multa le bici e ha fatto diventare il centro storico un parcheggio pieno di auto parcheggiate in divieto perfino negli spazi x gli handicappati.

  16. @ Qol: per registrarsi basta andare nell’apposita sezione (quella in alto nella colonna di destra, sopra il banner quadrato). La registrazione permette di ottenere la "proprietà" del nickname e assicurarsi che non lo usino altri (funzionalità che stiamo testando), inserire un’immagine di profilo, e di accedere ad alcune funzionalità aggiuntive che trova su "Cosa posso fare col sito". A seguire vedremo di aggiungere altri servizi.

  17. Il parcheggio sotto la pensilina già esisteva e contava 280 posti. Nel giugno 2007 ("colpa di Corsini"), si è deciso di raddoppiare "la vecchia pensilina", come si leggeva su Bresciaoggi, Giornale di Brescia e Corriere della Sera di quel mese. Brunelli (un "criminale"…) disse in quella circostanza che "Una bici in più significa un’auto in meno". Si informi. Gli strumenti ci sono… Se poi a lei basta dire "2008" per far credere che anche la dotazione attuale di posti sia dei "tagliatori di nastri" dei progetti altrui, faccia pure come crede. Ma i fatti sono questi.

  18. Il parcheggio sotto la pensilina già esisteva e contava 280 posti. Nel giugno 2007 ("colpa di Corsini"), si è deciso di raddoppiare "la vecchia pensilina", come si leggeva su Bresciaoggi, Giornale di Brescia e Corriere della Sera di quel mese. Brunelli (un "criminale"…) disse in quella circostanza che "Una bici in più significa un’auto in meno". Si informi. Gli strumenti ci sono… Se poi a lei basta dire "2008" per far credere che anche la dotazione attuale di posti sia dei "tagliatori di nastri" dei progetti altrui, faccia pure come crede. Ma i fatti sono questi.

  19. Bravissima la Castelletti, e questa sera tutti al Bike mob , Corsini fece un’ordinanza che gli consentiva di rimuovere biciclette rubate in stato di evidente abbandono , rolfi ha multato e rimosso biciclette di cittadini che l’avevano parcheggiata e non abbandonata. Rolfi e i suoi sostenitori la capiscono la differenzaaaaaaaaaaaaaaaaa,i provvedimenti di questi giorni sono chiari – MULTE E RIMOZIONI E IO SONO ARRABBIATA E VADO IN PIAZZA CON LA CASTELLETTI E CON TANTI ALTRI APPASSIONATI DI BICICLETTA E DI ARIA PULITA

RISPONDI